Catto-social? Il fenomeno don Ravagnani e le sfide digitali per la Chiesa

Il primo Webinar di VinoNuovo, martedì 16 febbraio 2021.
12 Febbraio 2021

La drammatica pandemia di coronavirus, con il primo lock-down tra l’inverno e la primavera scorse, ha impresso un’accelerazione improvvisa al mondo digitale cattolico e proposto nuove sfide che vogliamo raccogliere.

La creatività di diocesi, parrocchie, laici e gruppi religiosi, suscitata dal necessario distanziamento fisico, ha generato inedite efficaci prassi di pastorale in rete che costituiscono un tesoro prezioso anche per il post-pandemia.

Fenomeno esemplare è quello del successo sui canali social di un giovane sacerdote della diocesi di Milano, don Alberto Ravagnani, che con i suoi video su Facebook, Instagram e TikTok, ha ottenuto una grande visibilità mediatica, dimostrando come anche un sacerdote può servirsi di questi strumenti per annunciare il Vangelo.

Ma don Alberto è una mosca bianca o è la punta di un ice-berg?

Sta nascendo una nuova generazione di credenti che sanno comunicare la loro fede con i nuovi linguaggi digitali o serve investire in formazione tecnologica?

Cambiando la forma cambia anche il messaggio?

Le gerarchie stanno a guardare, promuovono il fenomeno o lo subiscono, tranne poi sfruttarlo quando gli fa comodo?

Credere troppo nei social è dannoso per una vita (di Chiesa) costruita sulle relazioni autentiche?

A queste (e altre) insidiose domande proveremo a rispondere durante il PRIMO WEBINAR di VinoNuovo 

Martedì 16 febbraio dalle 20.30 alle 22.00

 

Personaggi e interpreti:

Don Alberto Ravagnani (il fenomeno), sacerdote ambrosiano, responsabile Oratorio San Filippo Neri e insegnante di religione a Busto Arsizio

Vera Gheno, (la socioesperta) sociolinguista specializzata in comunicazione digitale e traduttrice

Don Luca Peyron (il teologo) coordinatore del Servizio per l’Apostolato Digitale dell’Arcidiocesi di Torino, docente all’Università Cattolica di Milano

 

Modera:

Fabio Colagrande (il modeattore), giornalista e firma del Blog VinoNuovo.it

 

Per iscriversi e partecipare https://app.livestorm.co/editricemissionariaita…/vinonuovo

4 risposte a “Catto-social? Il fenomeno don Ravagnani e le sfide digitali per la Chiesa”

  1. Anselmo Farina ha detto:

    Grazie! Ho ascoltato la registrazione del webinar. Ho capito che abitare gli spazi in rete, con autenticità, porta i suoi frutti.

  2. Francesca Vittoria vicentini ha detto:

    Se il linguaggio digitale può servire a promuovere quel Vangelo che è depositato nei Sacri Libri e divulgato a viva voce da Apostoli, dalla Chiesa la quale con i suoi Missionari l’ha fatto conoscere fino a tutti i confini della Terra come le era stato comandato dal suo Maestro e Signore, se tutto questo è stato fatto anche questa nuova via Web – va imboccata e sperimentata. Perché ciò che conta è stare in mezzo al cammino delle genti, con sacca o zaino o strumenti digitali a raggiungere altri luoghi. L’importante è che la Parola viaggi a raggiungere persone nei luoghi dove si trovano, anche malati negli ospedali, . Una voce possibile a essere udita a confermare lo sfiduciato, il solo, l’abbandonato, il povero che attraverso questo strumento creato dalla ingegneria reso utile, intelligenza dell’uomo rende di per se onore al Dio Creatore avvicinandolo a confidare in Lui. Fare catechesi anche con questo mezzo e oggi una necessità perche tanta e l’ignoranza di un Dio amore.

  3. Graziella Olivi ha detto:

    Io sono anziana, puo’ essere una occasione per sentirsi meno soli. Buon lavoro e grazie.
    Graziella

  4. Susanna Mattei ha detto:

    Si la rete costituisce un grande tesoro per mantenere uniti i gruppi e farne dei nuovi e in questo momento Susanna Mattei

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I commenti devono essere compresi tra i 60 e i 1000 caratteri. I commenti sono sottoposti a moderazione da parte della redazione che si riserva la facoltà di non pubblicare o rimuovere commenti che utilizzano un linguaggio offensivo, denigratorio o che sono assimilabili a SPAM.

Ho letto la privacy policy e accetto il trattamento dei miei dati personali (GDPR n. 679/2016)