Il libro delle meraviglie

Qualcosa c'è sempre, immersa nella quotidianità, oltre la tentazione di interpretare tutto, nel bene e nel male, secondo luoghi comuni, abitudini e stereotipi...
6 Ottobre 2012

Ogni tanto in famiglia ci proviamo, quando siamo finalmente tutti insieme riuniti a tavola la sera: io, mia moglie e i bambini. Lo chiamiamo il “libro delle meraviglie”.

Cosa è il libro delle meraviglie?

L’idea c’è l’ha data un giorno un amico carissimo, un religioso non italiano (lo scrivo perché forse il dettaglio aggiunge qualcosa): prima di mangiare, ci diamo un secondo di silenzio per pensare alla giornata appena trascorsa e ci diciamo l’un l’altro la “meraviglia” della giornata – un fatto, una persona, un incontro, un pensiero – per cui vogliamo dire un “grazie”.

In genere, la nostra “segretaria verbalizzante” è Teresa, la seconda figlia (6 anni), che lo ha preso come un impegno personale: finge di aprire un gran librone, perché ormai abbiamo iniziato da qualche anno, e scrive con le dita nell’aria le parole che ha ascoltato.

A volte capita pure che la giornata sia andata storta e qualcuno non parla, ma ascolta gli altri. Così è come nella vita.

Anche per la coppia, la meraviglia fa bene

Si potrebbe farne un’ottima variante per la coppia.

Una cosa che assomiglia un po’ al “dovere di sedersi” suggerito dal metodo delle Equipes Notre Dame (Lc 14,28-31). Che sembra una roba scontata ma mica tanto.

Una volta a settimana – messi a letto i figli, se ci sono, e/o chiesto loro di rispettare quello spazio di intimità dei genitori – ci si siede uno di fronte all’altro per dirsi reciprocamente: “Questo tuo gesto/pensiero/atteggiamento è stato una meraviglia, una cosa bella per me”.

Qualcosa c’è sempre, immersa nella quotidianità, oltre la tentazione di interpretare tutto, nel bene e nel male, secondo luoghi comuni, abitudini e stereotipi. Etichette che ci appiccichiamo addosso anche nella vita di coppia.

E quel qualcosa rifonda ogni volta il patto, l’alleanza e sostanzia la promessa su cui si fonda il matrimonio, ossia essere segno manifesto della concretezza di un Dio che che ama e benedice, l’uno per l’altro e per il mondo intorno agli sposi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I commenti devono essere compresi tra i 60 e i 1000 caratteri. I commenti sono sottoposti a moderazione da parte della redazione che si riserva la facoltà di non pubblicare o rimuovere commenti che utilizzano un linguaggio offensivo, denigratorio o che sono assimilabili a SPAM.

Ho letto la privacy policy e accetto il trattamento dei miei dati personali (GDPR n. 679/2016)