Ingannevole come l'amore
di Gilberto Borghi | 06 dicembre 2018
Da Manfredonia un esempio di come i laici possano avere spazi impensabili nell'evangelizzazione a partire dalla vita di coppia

Due laici che si amano. Mimmo e Cinzia. Che scoprono come Dio davvero abiti nella loro carne, nel loro cuore, e nella loro mente. E ad un certo punto sentono che possono fare qualcosa per testimoniare la bellezza di amarsi in Cristo. Da quasi 10 anni, in più di venti città italiane, molte persone ritrovano possibilità di rianimare la loro fede, di re-innamorarsi di Cristo, restando dentro a quell'amore bello e umano che già vivono. Da Manfredonia, l'esperienza di "Ingannevole come l'amore", un esempio di come i laici possano avere spazi impensabili nella evangelizzazione.

La storia inizia nel 2009, quando Mimmo Armiento e Cinzia Amoruso, laici cristiani felicemente sposati di Manfredonia, sentono il desiderio di rendere partecipi altri della gioia della loro nuzialità. L'occasione arriva quando, in una calda sera del giugno dello stesso anno, bussano a casa di Mimmo e Cinzia due frati francescani della zona, padre Roberto Palmisano e padre Mimmo Casulli, avanzando loro la richiesta di un aiuto per organizzare qualcosa per i fidanzati della diocesi. Da quell'incontro nasce il primo dei progetti, ora chiamato "Ingannevole come l'amore - basic", corso rivolto a coppie di fidanzati, giovanissimi sposi, ma anche single, arrivato ormai alla ventesima edizione. Le cose belle sono generative. Così, nel tempo, aumentano anche i progetti dell'associazione e a "Ingannevole basic" se ne aggiungono altri: ad esempio, "Incantevole come l'amore", "Dodici cene per gustare ogni ben di Dio" e "You are golden".

La novità di questa proposta sta nell'aver individuato come, sia dentro che fuori l'ambito ecclesiale, manca un accompagnamento formativo all'amore, inteso come forma di qualsiasi relazione che voglia essere autentica e pienamente umana. Perciò l'offerta è di lavorare a livello umano per ricomporre testa cuore e corpo in una unità armonica, in cui la persona possa liberarsi da falsi miti culturali sull'amore e trovare modi concreti per vivere con maggiore pienezza la vita relazionale. Per questo si offre non solo come preparazione al matrimonio, ma anche e soprattutto come accompagnamento agli innamorati, ai single e a chi sente di voler imparare ad amare meglio e di più, sia dentro che fuori la Chiesa.

E' un modo per credere fino in fondo all'incarnazione, che cioè, lo Spirito possa lavorare, attraverso il desiderio di una relazione umana di amore, affinché anche la fede della persona possa nascere, crescere e testimoniarsi. Questo richiede anche che a condurre le proposte siano persone qualificate sul piano delle scienze delle relazioni umane. Non a caso Mimmo è uno psicoterapeuta. Ma soprattutto richiede che i percorsi siano frutto di un vero e proprio cammino di chi li propone, che prima degli altri devono aver sperimentato nella loro vita cosa sia davvero l'amore. Cinzia e Mimmo infatti partono sempre dalla loro diretta esperienza di vita, mostrando come, anche nei meandri più strani del rapporto, si possa annidare un egoismo nascosto o un amore inatteso.

I temi infatti su cui IcA ruota sono sempre all'incrocio di dimensione personale, relazionale e di fede, senza mai separazioni nette tra queste tre dimensioni. Ad esempio in Ingannevole basic, si cerca di individuare le trappole di auto sabotaggio e la possibilità di ri-nascere da Dio; le tappe di maturità personali e l'esperienza del roveto ardente; l'innamoramento (la scelta del partner) e il senso cristiano del fidanzamento; i possibili nuclei di morte nel percorso della coppia e l'amore nuziale offerto da Dio; la de-satellizzazione e il perdono dei propri genitori e la benedizione di Dio sui propri limiti per divenire creativi nella vita; la proposta di castità nel fidanzamento e la nuzialità come apice della santità di coppia.

In Incantevole come l'amore invece si punta maggiormente sulla preparazione specifica al matrimonio, ma mettendo a tema molte cose che di solito non vengono affrontate nei normali corsi prematrimoniali. Ad esempio: metter fuori dal cassetto i sogni che vi abbiamo lasciato dentro; far rifiorire la sessualità; imparare a usare le braccia per abbracciare, le mani per accarezzare, le labbra per baciare, la bocca per sussurrare parole d'amore; imparare a gestire i figli e non a esserne gestiti; imparare a litigare... restando amici prima, durante e dopo! imparare ad ascoltare con una benda sulla bocca e a parlare con una benda sugli occhi; rinunciare alla gelosia, che perde l'amore proprio mentre pretende di trattenerlo; non tradirsi (...o non più!); saper godere insieme; ripartire dal Principio: dal Dono che ci ha uniti; ritrovarsi non estranei e infelici, ma carne mia, nudi senza vergogna, i due una carne sola, immagine e somiglianza di Dio, felici insieme come passeggiando già ora nell'Eden, sotto la stessa brezza che accarezza i capelli di Dio.

Certo, per alcuni può apparire un tentativo un po' "fuori schema" e che risente un po' dell'atmosfera pastorale d'oltre oceano. Ma in verità, già ora, i dati confermano che attraverso questa esperienza molte persone hanno ristabilito equilibrio in una storia zoppicante, hanno rianimato nella loro fede la dimensione di evangelizzazione, hanno incontrato Cristo da una angolatura insolita e fresca che è stata capace di dare loro un secondo inizio di vita ecclesiale.

 

11/12/2018 22:18 Maria Teresa Pontara Pederiva
E' vero, Gilberto: gli spazi per i laici ci sono, ma occorre riconoscerli e abitarli.
Il matrimonio si testimonia in coppia, a partire dalla vita di famiglia fino al servizio pastorale, insieme.
Riguardo all'atmosfera oltreoceano posso confermare: per fare un esempio terra-terra, non è raro che se una donna legge la 1° lettura, suo marito legga la 2° o viceversa, oppure, come accaduto sabato scorso sia la coppia che intona i canti e proclama il salmo a strofe alterne. Certo nella pastorale dell'annuncio, in quella familiare o battesimale il campo è ancora più vasto e, a mio avviso, da noi non ancora sufficientemente arato.



06/12/2018 20:51 Sara
https://www.casadellatenerezza.it/


Esiste da tempo La casa della tenerezza legata a Carlo Rocchetta (che ha elaborato negli anni una vera e propria teologia della tenerezza).



06/12/2018 19:25 pit bum
Se il sigg.Clerici invece di docs, sinodi,litigi...
semplicemente si adoprassero x fare conoscere al mondo
qs. iniziative di BASE.... sai quante ce ne sono? da riempire il mondo!
((((mi sembra il PD..)))



Commenta *






Versione stampabile
Invia ad un amico
Scrivi a Vino Nuovo





Gilberto Borghi

Sono nato a Faenza all'inizio degli anni 60, ho cercato di fare il prete, ma poi ho capito che non era affar mio. E dopo ho studiato troppo, forse per capirmi e ritrovarmi. Prima Teologia, poi Filosofia, poi Psicopedagogia e poi Pedagogia Clinica... (ognuno ha i suoi demoni!). Insegno Religione, faccio il Formatore per la cooperativa educativa Kaleidos e il Pedagogista Clinico.... Lavoro per fare stare meglio le persone, finché si può... In questo sito provo a raccontare cosa succede nelle mie classi e a offrire qualche riflessione. E da qui è nato il libro pubblicato nel 2013 dal titolo: "Un Dio inutile".

 

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it