Churchbook e il fattore tempo
di Diego Andreatta | 31 maggio 2014
L'indagine sui preti italiani e Facebook «svela» alcuni problemi aperti. Come il tempo da dedicare ai social

Il 20% dei preti diocesani e dei religiosi italiani - e quasi il 60% dei seminaristi - hanno dunque un profilo su Facebook, anche se lo usano con frequenza e modalità molto diverse. Nell'indagine "Churchbook. Tra Social Network e pastorale" - presentata giovedì dopo tre anni di lavoro dal Cremit dell'Università Cattolica di Milano e dal dipartimento Scienze Politiche dell'Università di Perugia per conto di WeCa (i webmaster cattolici italiani) - ci sono anche molti elementi qualitativi che indicano come i social media siano abitati con crescente entusiasmo (non solo dai preti giovani) e sia maturata in molti di loro la comprensione delle peculiarità di Facebook: dall'iniziale "dovere di esserci" e replicare la bacheca parrocchiale ad una presentazione più cauta e prudente, una valorizzazione della dimensione comunitaria in modo circoscritto e un rinvio alle occasioni d'incontro reale perché "essere sempre on line non significa necessariamente anche incontrare l'altro".

La presentazione dell'indagine a Milano (disponibile su www.youtube.com/watch?v=sdhh_0rOnYA) in vista della Giornata delle comunicazioni sociali ha anche individuato quattro funzioni ricorrenti - quella dei "confessori", degli "attivisti", degli "esegeti" e dei "predicatori" - assunte da preti, religiosi e seminaristi, mentre le religiose appaiono particolarmente predisposte ad una modalità di accompagnamento spirituale, utilizzando "una comunicazione materno-affettiva".

In questa fase di maturità dell' "abitare" i social emergono provvidenzialmente anche alcune tentazioni. In primo luogo, l'accentramento narcisista che esalta lo schema clericale "uno verso tutti" piuttosto che una circolarità ricercata per favorire la comunione e lo sviluppo di reti in cui anche altri confratelli e i laici figurino come nodi credibili.

Ma "il problema dei problemi" - dentro la stressante quotidianità dei presbiteri italiani - è il fattore tempo. In un recente dibattito sulle relazioni nel Web 2.0 un pluriparroco ammetteva di aver riscoperto nuove fasce orarie nella sua giornata - il primo pomeriggio per messaggiare con i suoi studenti pendolari o la sera tardi per rispondere con calma alle richieste di alcuni parrocchiani - e la difficoltà di rispettare gli orari: "Ma se arrivo qualche minuto dopo - aggiungeva - immagino che la mia gente capisca ormai anche il motivo del mio ritardo". E a tanti confratelli che giudicano "smanettoni" o "impallinati" i preti troppo presenti nella rete, risponde indirettamente l'esperto padovano don Marco Sanavio: "Anche se ne conosce le differenze, considero il tempo utilizzato nella relazione nei social come quello dedicato al dialogo interpersonale - ha detto in una recente intervista - D'altra parte è successo all'epoca anche per lo strumento del telefono. Ma chi oggi sosterrebbe che telefonare è una perdita di tempo e non può servire per coltivare relazioni e dialoghi anche per l'evangelizzazione?".

Ma forse è "soltanto" un problema di equilibrio, non lasciarsi prendere dalla smania dell'onnipresenza virtuale e non arroccarsi in un distacco "duro e puro" che impedisce d'incrociare le persone nelle piazze più frequentate dei giorni nostri.

Sul tema lo scambio di esperienze potrebbe essere utilissimo, se è vero - come dice la sociologa dei social media Nicoletta Vittadini - che "condividere significa prendersi cura".

03/06/2014 16:50 elisabetta rizzi
Tanti demonizzavano internet e i social, nè più nè meno come a suo tempo demonizzavano la televisione. Sicuramente la gestione del tempo va curata, ma parlare da un pulpito o ad una conferenza fa tenere le distanze del sacerdote come parlando dalla "bacheca di Fb", solo che al termine della conferenza c'è l'opportunità di fermare il sacerdote/relatore e se ha tempo fargli una domanda, altrimenti chiedergli un appuntamento. Con Fb si può contattare il sacerdote e chiedergli un appuntamento. Non si può mai sostituire l'esperienza dal vivo con un telefono, una lettera o un p.c., ma questi ultimi sono mezzi che possono aiutare per altre circostanze. Non mi accosto ai sacramenti per telefono o per p.c., ma posso accordarmi per un appuntamento o sentire come sta la persona con cui mi interfaccio o raccontare le ultime novità. La relazione si cura diversamente, ma i mezzi aiutano ad avvicinare, sono una facilità, non una scorciatoia: rimangono mezzi...Quindi non vanno demonizzati,ma usati e con equilibrio.


03/06/2014 13:26 pietro buttiglione
il probl si risolve facilmente imitando Dio con la kenosi di cui parla Hans Jonas a proposito della Creazione....


Commenta *






Versione stampabile
Scrivi a Vino Nuovo





Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it