Dopo il 4 marzo/3
Gli spaesati
di Gilberto Borghi | 16 aprile 2018
Cattolici e politica: quelli secondo cui il cambiamento epocale c'è, ma è anche molto evidente che sia irrimediabilmente negativo

Il primo atteggiamento che provo a mettere sotto la lente d'ingrandimento è quello che ho chiamato degli "spaesati". Nella percezione di questi cattolici, una cosa è chiara: il cambiamento epocale c'è, non lo si può negare, ma è anche molto evidente, ai loro occhi, che è negativo. Oggi la società e la politica sono messe molto peggio di quello che poteva essere quarant'anni fa, nonostante le inevitabili differenze.

Così, si resta fermi, quasi bloccati in questa percezione che il postmoderno ha portato, perché ci si rende conto che le vecchie categorie politiche non hanno più senso, ma mancano categorie nuove di lettura e interpretazione, capaci di "spiegare" cosa sta succedendo. Le cose politiche sembrano accadere senza che sia possibile rintracciarne un significato, mettendo a soqquadro l'ordine precedente e lasciando solo un caos non leggibile. Ci si ritrova non tanto in mezzo al guado, ma sul bordo del fiume, ancora prima di avere iniziato un qualsiasi possibile tentativo, a vedere i "ponti" che una volta erano fruibili, e permettevano una traduzione sensata della cultura cattolica sul piano politico, travolti dalla "liquidità postmoderna", senza poter fare nulla.

Si continua a pensare che bisognerebbe inseguire un senso dell'agire politico, ma in questa ricerca la razionalità gira a vuoto, non riuscendo più a dare segnali sufficienti sul come e dove orientarsi. Le indicazioni magisteriali sono avvertite come troppo generiche, o impossibili, o inefficaci e i ragionamenti razionali sembrano portare solo "mancanza di senso".

A lungo andare, però questo "vuoto di senso" non rimane tale e questo stile subisce uno spostamento del proprio baricentro. Da un tentativo frustrante di leggere "razionalmente" la politica, si passa, piano piano a un consenso emotivo a ciò che appare essere la realtà politica. Lo "spaesamento" viene dato per buono, fino anche allo "scoramento disilluso", che a partire da un singolo evento può allargarsi e stabilizzarsi come dominante di fondo e produrre molta "rabbia reattiva", spesso indirizzata impersonalmente contro la classe di potere, lo stato e le sue strutture. Ovviamente è facile capire come questa condizione possa dare adito a scelte elettorali strane e insolite, come ad esempio una "impotenza elettiva", che spinge a non voler nemmeno più esercitare il proprio diritto di voto. Ma per chi ancora continua a votare, si apre l'illusione di poter intravvedere nel nuovo che avanza la possibilità di dare corpo a un modo nuovo di essere cattolico in politica. Credo che molte scelte elettorali di cattolici che hanno votato Lega o M5S per la prima volta, siano riconducibili a queste dinamiche interne, nel rapporto con la politica.

E' evidente, però, che l'appoggio al proprio "sentire" interno è troppo debole, troppo carico di instabilità ed emozioni difensive, per permettere lo strutturarsi nel tempo di una adesione politica "alternativa" che faccia apparire una possibile traduzione della propria fede sul piano politico. Soprattutto se le scelte elettorali fatte saranno frustrate da scelte politiche inattese, dei partiti votati, che verranno sentite come "tradimenti" della fiducia germinale accordata a queste formazioni politiche.

Non è insensato perciò, che in questo vuoto, specie se frustrato dai partiti che si è scelto di votare, ricompaia quella che io chiamo "la ragione magica", nella quale il senso della politica è più atteso e invocato che rinvenuto e definito. Si può, cioè, iniziare ad aspettare l'evento inatteso, il colpo di fortuna, o anche "l'uomo della provvidenza" (anche se in versione riveduta), che improvvisamente diano direzione di marcia possibile per un cattolico, nella attuale situazione politica.

Nel frattempo, però, questo stesso vuoto, lentamente corrode la percezione positiva del valore delle regole sociali, che continuano ad essere riconosciute solo in teoria, ma che nella pratica non sono più argini efficaci a comportamenti antisociali o al disinteresse sociale. Tutt'al più le regole sociali saranno invocate come criterio pratico di assegnazione del "chi ha ragione", nei contrasti legali o nei conflitti altrimenti irrisolvibili. Ma la loro funzione di traduzione concreta del "fondo umano comune" che garantisce l'unità di una società non è più riconosciuta. Resta, in questo stile, una tendenza ad "aggrapparsi" alla fede come ad un modo per ritrovare uno spazio di senso, ma che è solo spirituale o virtuale, e rischia, quando va bene, di incidere solo sui comportamenti etici individuali, non certo su quelli sociali, né tantomeno su quelli politici.

Che valutazione dare, allora, di questo atteggiamento? Se "la questione" dei cattolici in politica è quella di lavorare per ricostruire un "fondo umano comune" in cui permettere un nuovo riconoscimento sociale del Paese, questo stile sembra davvero non lavorare in questa direzione. E non per cattiva volontà o perché lo si ritenga inutile, ma perché in questo stile non sembra potersi vedere una direzione per muoversi verso tale obiettivo.

Temo che resti molto più probabile, invece, che questo stile diventi un serbatoio di voti possibili da "razziare", da parte di altri atteggiamenti, presenti nel mondo cattolico. E ho l'impressione che anche questo però continuerebbe la logica delle "lobbies" cattoliche, che io ritengo sia il male peggiore che possa capitare oggi al mondo cattolico in Italia, rispetto alla politica.

(3. continua)

Le puntate precedenti

1. Sui cattolici in politica dopoi il 4 marzo 2018

2. Apocalittici, tecnetici e cosmopoliti: i «nuovi» cattolici in politica

 

 

16/04/2018 17:33 PietroB
Magnifico panel di quel che ci passa “dentro” ... sensazioni atteggiamenti -> disillusioni e rinunce😭
Permettimi di sviluppare il PERCHÉ: chi governa ha le mani legate, non può fare che azioni di contorno che non risolvono i veri problemi.
Da qui la disaffezione ed il tuo bel👹 quadro...
PERCHÉ?
1) i limiti imposti dall’Europa .. ad es non si può più svalutare..
2) la congiuntura economica mondiale
3) in cui i ricchi, che comandano, diventano sempre + ricchi, quindi a loro conviene
4) la stessa globalizzazione ha generato l’impossibilità x i singoli stati di governarla
5) multinazionali che muovono ben più € dei singoli stati : significativo cosa è successo x la web-tax!
6) il tessuto sociale degradato impossibile da governare ( vedi Roma)
Basta?



Commenta *






Versione stampabile
Invia ad un amico
Scrivi a Vino Nuovo





Gilberto Borghi

Sono nato a Faenza all'inizio degli anni 60, ho cercato di fare il prete, ma poi ho capito che non era affar mio. E dopo ho studiato troppo, forse per capirmi e ritrovarmi. Prima Teologia, poi Filosofia, poi Psicopedagogia e poi Pedagogia Clinica... (ognuno ha i suoi demoni!). Insegno Religione, faccio il Formatore per la cooperativa educativa Kaleidos e il Pedagogista Clinico.... Lavoro per fare stare meglio le persone, finché si può... In questo sito provo a raccontare cosa succede nelle mie classi e a offrire qualche riflessione. E da qui è nato il libro pubblicato nel 2013 dal titolo: "Un Dio inutile".

 

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it