Nell'arte
«Perché ha molto amato»
di Gian Carlo Olcuire | 12 giugno 2016
Quando Gesù risorto dona ai suoi lo Spirito (Gv 20), lo dona assieme al mandato di perdonare: non è una bella coincidenza che il perdono e lo Spirito abbiano la stessa leggerezza e facciano volare?

peccatrice

 

LA PECCATRICE PERDONATA

(fine XI secolo, Capua, Basilica di S. Angelo in Formis)

 

«Sono perdonati i suoi molti peccati, perché ha molto amato. Invece colui al quale si perdona poco, ama poco» (Lc 7,36-8,3)

 

Dopo la vedova di Nain, un'altra donna piangente, stavolta a causa dei peccati. Spesso confusa con Maria di Betania (per via del profumo) o con Maria di Magdala (citata da Luca poco dopo), non è né l'una né l'altra. Semmai ha qualcosa in comune con l'emorroissa di Cafarnao, poiché entra in scena di soppiatto ed è determinata: vuole infatti chiedere perdono di testa sua, senza aspettare che le dicano come.

Chi riconosce i propri peccati, riconosce anche chi sa solo condannare. E riconosce che Gesù è diverso: è uno che va in giro togliendo pesi a tutti, sia che guarisca sia che perdoni. Chissà... Può essere che, seguendolo, la donna si sia sentita migliore, come quando ci si mette un profumo (ecco dove avrà preso l'idea).

Nella casa del fariseo sono tutti seduti, eccetto lei. Questo è il motivo della scelta dell'affresco di S. Angelo in Formis: il fatto di non mostrare la donna prostrata a terra, schiacciata dal peso dei peccati, mentre dà inizio alla sua confessione muta, ma mentre si rialza. La donna bagna di lacrime i piedi di Gesù, li asciuga coi capelli, li bacia, li unge di olio profumato... facendo ogni azione - ci piace pensare - con movimenti via via più lievi, quasi di danza, perché si sente leggera.

«Una donna leggera», in senso ironico, è sicuramente per il padrone di casa: un greve capace di vedere negli altri solo il greve, ossia le colpe. Duro persino con Gesù, colpevole di non averla riconosciuta. Ai giorni nostri, il fariseo direbbe «Basta col buonismo. A ognuno quel che si merita», ritenendo il perdono tutto meno che un dono. Immaginiamo che quel pe, premesso a "dono", sia per lui significativo: sta per pericoloso. Avverte che va dato con le molle, con mille precauzioni e condizioni. Che va fatto pesare, come una pena. Che regalarlo è un peccato.

Chiamando il fariseo per nome, Gesù cerca di spostare l'attenzione di Simone dai peccati all'amore. Prima gli racconta una storia, per aiutarlo a guardarsi da fuori e per fargli cogliere come il perdono e l'amore si attraggano. Poi lo affronta direttamente, svelandogli la sua incapacità di gesti d'amore.

«Lei, invece, da quando sono entrato, non ha cessato di baciarmi i piedi...»: per questo Gesù proclama, grida il proprio perdono, comunicandolo a lui e ribadendolo a lei. A rimarcare - crediamo - la felicità di vederla sollevata, finalmente capace di amare e di perdonare.

Quando Gesù risorto dona ai suoi lo Spirito (Gv 20), lo dona assieme al mandato di perdonare: non è una bella coincidenza che il perdono e lo Spirito abbiano la stessa leggerezza e facciano volare?

 

 

Commenta *






Versione stampabile
Scrivi a Vino Nuovo





Gian Carlo Olcuire

Gian Carlo Olcuire è un grafico. Che si sente realizzato quando riesce a far guardare le parole come se fossero immagini e a far leggere le immagini come se fossero parole. Lavora soprattutto per il mondo cattolico ed è appassionato di linguaggi, soprattutto dell'uso (o abuso, disuso, riuso) che se ne fa nel mondo cattolico.

 

 

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it