ROBE DI RO.BE.
Quelle parole di Crociata sui corrotti
di Roberto Beretta | 29 giugno 2012
Se è vero che l'Italia è ancora un popolo cattolico, non possiamo certo chiamarci fuori allorché «tanta nostra gente» viene colta con le mani nel sacco

«Chi è causa del suo mal, pianga se stesso». Un sorrisetto ironico mi viene alle labbra, ma nello stesso tempo scuoto tristemente la testa, leggendo le seguenti parole di monsignor Mariano Crociata, segretario generale della Cei, durante un recente incontro con i cappellani delle associazioni ecclesiali attive in campo sociale.

Testuale: «È impressionante come tanta nostra gente sia parte integrante di quella folla che va a comporre l'immagine sconfortante di un Paese condizionato dalla presenza di corrotti e corruttori, di evasori e parassiti, di profittatori e fautori di illegalità diffusa, difensori sistematici della rivendicazione dei diritti nell'ignoranza, se non nella denigrazione, dei doveri. Una riflessione dovremmo condurla su ciò che ha contribuito a produrre effetti di questo genere. Di certo c'è da mettere in conto una debolezza della personale consapevolezza di fede e della coscienza morale dei singoli. Ma anche un'attenta verifica delle nostre proposte formative e dei rispettivi percorsi andrebbe accuratamente svolta negli ambiti di nostra responsabilità».

Ripeto il saggio proverbio: «Chi è causa del suo mal, pianga se stesso». Secondo me, infatti, la cosa davvero «impressionante» è che soltanto adesso il segretario della Cei ­- lo tiro in ballo non in quanto persona, sia chiaro, ma quale rappresentante illustre della Chiesa italiana - si accorga che sì, un mucchio di «corrotti e corruttori, evasori e parassiti, profittatori e fautori di illegalità diffusa» siano cattolici, anzi di più: siano usciti spesso da percorsi formativi ecclesiali, da associazioni e movimenti cristianamente impegnati; siano «gente del nostro mondo», come si dice in gergo clericale per indicare quelli che sono cresciuti a pane e campanile.

Qualcosa non va, dunque, qualcosa non è andato nei programmi educativi e in genere nella pastorale della Chiesa italiana, e non soltanto negli ultimi mesi, ma almeno nell'ultimo ventennio. Se infatti non solo il mondo cattolico non ha saputo porre argine alla deriva politica e sociale del post-tangentopoli; non solo si è spesso e volentieri accodato a un potere decadente e corruttore; ma visto che ne è stato persino «parte integrante» e in qualche caso addirittura un motore non indifferente: beh, allora monsignor Crociata ha davvero ragione: «Un'attenta verifica delle nostre proposte formative e dei rispettivi percorsi andrebbe accuratamente svolta negli ambiti di nostra responsabilità».

Tradotto: la pastorale italiana, giovanile e no, deve fare mea culpa, battendosi pesantemente il petto per opere e omissioni. Silenzi ed errori. E' infatti (anche) colpa nostra se siamo a questo punto, è anche responsabilità pesante della Chiesa se la crisi morale è tanto peggiorata. Non solo non siamo stati «profetici»: abbiamo omesso il controllo, non abbiamo esercitato la critica, a volte purtroppo abbiamo pure indicato la via sbagliata lasciando - per esempio - credere a molti giovani che un presunto «bene superiore» potesse giustificare dei mezzi disinvolti, che i «valori irrinunciabili» facessero premio su alcuni altri dei Dieci comandamenti.

Seppur timidamente, mi sembra che monsignor Crociata abbia iniziato un esame di coscienza di questo ventennio. Io esorto a proseguirlo senza peli sulla lingua, anche coi mezzi dell'analisi storica e razionale: se è vero che l'Italia è ancora un popolo cattolico (come continuamente si vantano non poche gerarchie), non possiamo certo chiamarci fuori allorché «tanta nostra gente» viene colta con le mani nel sacco.

 

 

Commenta e leggi i commenti per questo articolo


Vedi anche
06/07/2012 ROBE DI RO.BE.
La seconda voce di Galli della Loggia
di Roberto Beretta
02/02/2011
Sulle nostre gambe
di Alessandro Speciale
11/10/2011
La vera questione morale
di Francesca Lozito
27/04/2012 SECONDO BANCO
"Predicate delle regole morte!"
di Gilberto Borghi
14/01/2012 ROBE DI RO.BE.
«Naturale». Oppure no?
di Roberto Beretta

Versione stampabile
Scrivi a Vino Nuovo





Roberto Beretta

Roberto Beretta, giornalista e saggista. Ha scritto 25 libri, quasi tutti di argomento religioso, di «destra» (Storia dei preti uccisi dai partigiani , Il lungo autunno, controstoria del Sessantotto cattolico ) e di «sinistra» (Chiesa padrona , Le bugie della Chiesa). Gli ultimi lavori sono: Fake pope. Le false notizie su papa Francesco (San Paolo), Fuori dal Comune. La politica italiana vista dal basso (Edb), Oltre l'abuso. Lo scandalo della pedofilia farà cambiare la Chiesa? (Ancora) Ha due figli e ancora una gran voglia di dire la sua.

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it