Ma la Quaresima val ben una Lettera
di Diego Andreatta | 28 marzo 2011
Una carrellata su trentatré testi di vescovi italiani sul cammino verso la Pasqua. Grande varietà di stili, poca attualità e ricerca di qualche via nuova

Alcune non sono più lunghe di 3500 battute, entrano a pennello nello spazio dell'editoriale sul settimanale diocesano. Altre richiedono molte più colonne, talvolta vengono impaginate in un inserto staccabile con indice in ultima e icona in copertina.

La varietà delle Lettere quaresimali dei vescovi italiani nella loro lunghezza - ma ancor di più nelle scelte dei temi, dei contesti e dei linguaggi - è una conferma stagionale, quasi tangibile, della vivace pluralità delle Chiese locali. Un' effervescente difformità di stili (forse anche di utilizzi) che rende difficile rispondere alle domande: ma cosa preme comunicare ai nostri pastori in questa Quaresima 2011? e noi cosa vorremmo sentirci dire all'avvio del "tempo favorevole"?

Un'impressione sinottica sulle Lettere - dopo averne compulsate una trentina, da diocesi piccole e grandi, ad ogni latitudine dello Stivale - è che la consuetudine resista bene, ma che, rispetto al passato, si preferisca la "forma brevis" del messaggio circoscritto ai temi dell'itinerario quaresimale. Raramente, insomma, la Lettera sembra voler assumere un peso specifico - non solo per numero di pagine - tale da poter essere poi ripresa dai parroci - è più citata, che approfondita, infatti - come testo del Pastore diocesano da valorizzare magari anche nelle Messe feriali. In questa scelta c'è forse la preoccupazione di non togliere priorità alla Lettera d'inizio d'anno sul Piano pastorale (ritmata sul decennale CEI), eppure - anche se non c'è alcun obbligo canonico di produrre un testo "forte" e originale per la Quaresima - il ritmo nuovo aperto dalle Ceneri potrebbe comunque risultare ideale per l'accoglienza una tantum di una parola magisteriale "pensata per noi". Anche da parte di orecchi distratti o lontani, catturati magari dal titolo-civetta di un quotidiano locale amico...

Dipende dai contenuti, si dirà. Dunque, passiamoli in rassegna: in queste 33 Lettere prese a campione tornano più volte "preghiera, digiuno ed elemosina" raccomandati come gli "strumenti" più importanti nella "palestra dello Spirito" quaresimale, talvolta in termini biblico-teologici più o meno classici, talvolta con applicazioni aggiornate che spaziano dall'astinenza dal gioco o dalla dipendenza tecnologica fino all'impegno coerente in nuovi stili di vita.

La tensione alla fraternità missionaria, con i dovuti riferimenti al messaggio quaresimale del Papa, e alle relative forme di preghiera e condivisione (molte diocesi usano il calendario ad hoc), in qualche caso viene invece messa in secondo piano dall'attenzione ai bisogni caritativi del territorio diocesano.

Destinatari mirati di due messaggi quaresimali (quelli di Locri-Gerace e di Trento, in particolare) sono i giovani proiettati verso l'estate di Madrid, mentre in quattro casi prevale la centralità eucaristica, in vista del Congresso nazionale di Ancona a settembre.

Se alcune Lettere sembrano non aver richiesto lunga preparazione, altre invece appaiono quasi precotte o comunque impermeabili al contesto storico di "questa" Quaresima, a giudicare dalla latitanza di riferimenti all'attualità, dalle "rivoluzioni" in Nordafrica fino all'anniversario dell'Unità, citato raramente. Con qualche eccezione come il vescovo di Mazara del Vallo, Domenico Mogavero che richiama il testamento spirituale del ministro pakistano Shahbaz Bhatti, assassinato il 2 marzo.

Una sottolineatura per tre testi, singolari per motivi diversi. Il vescovo di Bolzano-Bressanone, Karl Golser coniuga magistero e cammino personale prendendo spunto dalla "scoperta" del suo morbo di Parkinson per suggerire a tutti un'articolata riflessione sulla Provvidenza e sul discernimento del disegno di Dio nella propria vita.

Il vescovo di Trieste, Giampaolo Crepaldi propone alla riflessione dei fedeli alcuni capitoli del Catechismo della Chiesa universale sui temi della resurrezione della carne e della vita eterna, introducendoli con un invito all'attenzione a queste verità di fede: "tante volte sentiamo parlare di inferno, purgatorio e paradiso, ma non sappiamo più dare un significato a queste parole che progressivamente ci diventano come estranee".

Il vescovo di Parma, Enrico Solmi racconta invece un episodio accadutogli qualche anno prima, la confessione raccolta da un giovane "in zona Cesarini" in una parrocchia romana, per invitare poi ad un "viaggio dentro noi stessi". E conclude, senza troppe benedizioni, con un paterno "Buona Quaresima!".

Ecco, il linguaggio infine, che meriterebbe forse altri post, soprattutto in riferimento ai destinatari: a lettere quaresimali dallo stile ricercato, dottrinale e autoreferenziale fanno da contrappunto altre di tono diretto, essenziale, dialogante. Qualche pastore, appoggiandosi ai nuovi media ha preferito affidare al suo blog il lancio degli spunti quaresimali, mentre un altro - quello di Trani, Barletta e Bisceglie, Giovan Battista Pichierri - ha abbinato al messaggio quaresimale un'originale "intervista immaginaria a Gesù su alcuni aspetti della condizione dell'uomo contemporaneo". Riuscirà a farsi leggere?

 

 

Commenta e leggi i commenti per questo articolo


Vedi anche
29/05/2015
Quando il vescovo emerito prende appunti
di Marco Pappalardo
05/10/2010 ROBE DI RO.BE.
Il burocrate delle «comunità pastorali»
di Roberto Beretta
07/03/2019
Penitenza, non zavorra
di Marco Pappalardo
06/03/2019
Quando è il peccato a inquinare
di Papa Francesco
15/02/2018
Se impariamo ad ascoltare la voce del silenzio
di Nadia Scappini

Versione stampabile
Invia ad un amico
Scrivi a Vino Nuovo





Diego Andreatta

Diego Andreatta, classe 1962, laureato in sociologia a Trento (dove è nato, vive e va in montagna), dal 1987 è giornalista professionista. È direttore del settimanale diocesano Vita Trentina e dal 1996 corrispondente di Avvenire. Sposato con Chiara, ha cinque figli che gli offrono preziose informazioni  sulla vita e sulla fede oggi. 

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it