Nella mani di Maria

Chi è oggi Maria, nella lettura che ne abbiamo fatto in questi anni su Vino Nuovo...
1 Maggio 2020

La sera del primo maggio – nel cuore delle terre più colpite dalla pandemia, presso il  santuario di Santa Maria del Fonte a Caravaggio – è stato compiuto dal cardinale Bassetti l’atto di affidamento dell’Italia alla protezione della Madonna.

Ma chi era, chi è stata e chi è oggi Maria: la Madre di Dio?

La domanda è lecita se tra devozione popolare o politica e dogmi non sempre ben compresi, quell’umile donna della Galilea ha assunto nella storia configurazioni assai diverse che continuano ad interrogarci.

Perciò, durante questo mese mariano, ci è sembrato un bel modo per ricordarla e onorarla quello di riproporre all’attenzione dei nostri lettori alcuni contributi che gli autori di VinoNuovo hanno dedicato a Maria, tra sacro e profano, nel corso di questi ultimi anni:

  1. Sergio Ventura, La mamma che non c’è più ma ci sarà
  2. Roberto Beretta, Quale volto della Madonna?
  3. Antonio Buozzi, In viaggio con il «nome»
  4. Roberto Beretta, I dogmi e la cultura del loro tempo
  5. Antonio Buozzi,  Eccomi, io sono Maria
  6. Gian Carlo Olcuire, La sguardo di Maria, pieno di domande
  7. Roberto Beretta, Attenti al Cuore
  8. Giorgio Bernardelli, Bergoglio e la Madonna coi piedi per terra
  9. Gian Carlo Olcuire, Madonna della misericordia o «dei raccomandati»?
  10. Fabio Colagrande, Apparizioni di Fatima: cronaca o fantasia?
  11. Sergio Di Benedetto, Cana, l’amore, Primo Levi (e Maria)
  12. Fabio Colagrande, Storia del Rapetti che vide la Madonna
  13. Maurizio Signorile, Invidiosi e golosi alle nozze di Cana
  14. Gian Carlo Olcuire, Non c’è Avvento senza una casa
  15. Sergio Ventura, Madre «per un nuovo amore»
  16. Gian Carlo Olcuire, Una Madonna che porge Gesù al mondo
  17. Lorenzo Pisani, Nell’arte Dio, nessuno lo ha mai visto…
  18. Gian Carlo Olcuire, Fino all’orlo
  19. Sergio Di Benedetto, Magnificat, sulla montagna
  20. Chiara Gatti, Cose umili, Laus Deo!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I commenti devono essere compresi tra i 60 e i 1000 caratteri. I commenti sono sottoposti a moderazione da parte della redazione che si riserva la facoltà di non pubblicare o rimuovere commenti che utilizzano un linguaggio offensivo, denigratorio o che sono assimilabili a SPAM.

Ho letto la privacy policy e accetto il trattamento dei miei dati personali (GDPR n. 679/2016)