Fiori nel deserto

Un libro che racconta l'incontro dell'autrice con la clausura che le permette di fare un viaggio interiore abbattendo tutti i pregiudizi e ritrovando sé nel mondo
19 Ottobre 2021

Cosa spinge un’autrice a scrivere sulle donne che hanno scelto la vita claustrale? E cosa può spingere il lettore ad avvicinarsi a queste pagine? Sicuramente la curiosità da entrambe le parti! E su questa curiosità nasce il libro “Fiori nel deserto” di Nancy La Malfa, edito da Algra, che descrive un viaggio intorno a quelle donne che hanno scelto di lasciare il mondo per stare dentro al mondo. Un senso al controsenso che porta nel cuore di una forte dimensione monastico-claustrale, facendo vivere, attraverso le loro voci, il cammino che conduce all’universo dell’anima e alla scelta di sentire il monastero come unico senso per andare in quell’oltre di verità e vita. Un confronto/incontro tra donne mediante l’esperienza della “chiamata”, della quotidianità monastica, della vita di preghiera. Voci, colori, profumi, impronte: tutto questo visto, ascoltato, pensato, confrontato attraverso una grata come momento di riflessione, smarrimento, identificazione.

Un viaggio dentro il loro mondo che aiuta a guardare in modo diverso il nostro mondo. «Mi farò condurre, in un incantesimo di sentimenti – sostiene l’autrice, insegnante di Palermo – un infinito mondo di domande, dolori, inquietudini, gioie profonde che alimenteranno la mia fame di sapere e che mi accompagneranno verso una storia nuova, in tante storie trovate per caso, che vivevano già in me e che sconoscevo e non sapevo neppure mi appartenessero».

Un viaggio dove le claustrali aiutano a far comprendere di più il senso della loro vita, di appartenenza a questo mondo oltre la grata. Si udiranno le voci delle clarisse: «Quella strana forma triste di contentezza che avevo nel cuore e poi la vita oltre la grata, nel silenzio e nella preghiera. La mia vita, nel mistero di Dio, si muove su movimenti, parole. Ad un certo punto del tuo cammino senti di convertire la direzione della tua vita».

Un viaggio, una ricerca, che inizia nel buio, un buio che diventa luce, una luce che in “Chiara” si conclude e che forse non si concluderà mai. La vita delle claustrali descritta dentro una sovrabbondanza di senso dove l’Autrice entra, discute, accoglie, raccoglie, respira, vive.

3 risposte a “Fiori nel deserto”

  1. Grazia Rita Luparello ha detto:

    L’animo sensibile dell’autrice traspare dalla chiarezza e dalla eleganza che sembra prenderci per mano e accompagnarci in una dimensione narrativa coinvolgente e affascinante!
    Un viaggio nell’interiorità più profonda!
    Grazie!

  2. Valeria Damiano ha detto:

    Una lettura piacevole e toccante, l’autrice è riuscita ad aprire un varco molto interessante sul mondo della clausura. Il suo percorso, i suoi interrogativi e le sue scoperte coinvolgono il lettore facendogli vivere insieme a lei questo viaggio.

  3. Benedetto Tartamella ha detto:

    Complimenti all’autrice per essere riuscita ad accennare una risposta al quesito che tutti noi prima o poi ci siamo posti: “perchè una normalissima donna si allontana improvvisamente dal viver quotidiano? Cosa la spinge a rifiutare quei piccoli o grandi piaceri che la vita riserva ad ognuno di noi? Bravissima davvero!

Rispondi a Valeria Damiano Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I commenti devono essere compresi tra i 60 e i 1000 caratteri. I commenti sono sottoposti a moderazione da parte della redazione che si riserva la facoltà di non pubblicare o rimuovere commenti che utilizzano un linguaggio offensivo, denigratorio o che sono assimilabili a SPAM.

Ho letto la privacy policy e accetto il trattamento dei miei dati personali (GDPR n. 679/2016)