La Grazia del Coronavirus

Qual è il senso di quello che viviamo in questo tempo? Alla fine la discussione da farsi tra noi è proprio quella superficiale sul lockdown o su quando torneremo alle nostre amate celebrazioni e strategie pastorali?
28 Aprile 2020

Il tema di questo mese  di Aprile proposto da Vinonuovo (Cosa ha imparato la Chiesa dal Coronavirus?)  mi ha fortemente stimolato.

Devo dire che rispondere per la Chiesa mi pare abbastanza arduo. Forse risulta più semplice che ognuno rifletta sulla sua esperienza di questi mesi, condividendola.

Allora comincio io.

Personalmente ho vissuto l’esperienza della interruzione dei percorsi prematrimoniali che ci assorbiva molto e poi lo stop delle attività pastorali ordinarie in parrocchia. L’ultima celebrazione comunitaria l’ho vissuta l’8 marzo. Penso che sia una esperienza che accomuni tanti di noi. Nulla di eccezionale.

In queste settimane ho vissuto una trasformazione della pastorale. Vedo tanti sacerdoti che si impegnano col cuore e creativamente a stare vicino ai fedeli. E tanti fedeli sinceramente nostalgici della propria comunità. Vedo anche che la mancanza della pastorale “solita”, ci ha aiutati ad accostarci su tante realtà di bisogno, specie con gli immigrati e le famiglie in difficoltà. Quanta umanità abbiamo incontrato in questo tempo di grazia del Coronavirus!? Tanta. Il mio parroco, padre Emanuele Zippo, ha un bello slogan: “chi ama crea!” E’ questo infatti un tempo di creatività, una creatività che va modellata sul nostro saper essere umani!

In effetti vedo questo tempo della Chiesa, in attesa della fase due, come uno tsunami ecclesiale che travolge ogni certezza. Penso che in tanti viviamo questo sentimento.

Mi risulta perciò difficile stabilire adesso se e quanto abbiamo imparato qualcosa. Non saprei neanche dire se saremo migliori o peggiori.  Mi pare pure eccessivo dire di aver già imparato qualcosa io. Posso dire però cosa io sto scoprendo. Non vedo l’ora quindi di re-incontrare gli amici della diocesi e della parrocchia per ascoltarci ed imparare insieme.

Comunque di certo pian piano nei prossimi mesi torneremo ad “una” normalità, certamente diversa ma in fondo uguale a quella di prima.

Tuttavia, pensando alla Chiesa di cui mi sento membro, la domanda vera che mi turba in questo tempo è: quando ricominceremo, saremo cambiati? Ci saremo convertiti? Vi sarà un conversione delle pastorali delle nostre parrocchie in molti casi incentrate sui sacramenti?

Questa domanda la abito proprio oggi, in questa terza domenica del tempo di Pasqua, la domenica dei discepoli di Emmaus in cui vengono annunciati i primi provvedimenti della Fase 2 riguardanti anche la vita acclesiale.

Proprio oggi il mio vescovo, Don Mimmo Battaglia, ci ricordava il senso di quel “stolti e tardi di cuore…” rivolto da Gesù ai discepoli.

Stolti – ci diceva don Mimmo- come dire senza un pensiero che va a scavare il senso di quello che viviamo”.

Tardi di cuore – continua il mio vescovo- come dire che rimaniamo indietro sulle cose che stanno accadendo”.

In fondo in questo tempo siamo tutti sulla strada verso Emmaus conversando su “tutto quello che è accaduto”.

Allora mi e vi chiedo quale sia il senso di quello che viviamo e se alla fine la discussione da farsi tra noi sia proprio quella superficiale sul lockdown o su quando torneremo alle nostre amate celebrazioni e strategie pastorali, con i limiti della nostra umana fragilità.

E se il vento dello Spirito stesse in questi giorni soffiando impetuosamente per liberare energie per un tempo nuovo di vicinanza all’umanità? Già, un tempo nuovo! Da quanto lo sogniamo?!

E’ il sogno di Dio.

Da padre sento forte la responsabilità di ri-consegnare ai nostri figli la Terra donataci dal Signore, di cui oggi la mia generazione ha la responsabilità.

Nei prossimi  anni si deciderà tanto, forse tutto, di questo futuro. Allora chiediamoci il senso di questo tempo: per quale futuro dovremo spenderci?

Non è giunto forse il momento di battersi affinché si investa in sanità, istruzione e mobilità sostenibile, non in guerre ed armamenti;

battersi affinché l’Europa sia libera e solidale, non una schiava incatenata ai Mercati (con la maiuscola!);

battersi affinché ci sia una grande moratoria dei debiti degli Stati?!

Non è forse tempo di battersi per ideali grandi?!

Abbiamo 10 anni in questi anni ’20 del XXI secolo per superare definitivamente l’epoca dell’individualismo sfrenato inaugurata a metà anni 70 del secolo scorso; per dare forza ad un nuovo paradigma comunitario che abbiamo intuito nelle nostre esperienze e nei nostri cuori, ancor prima di questo Tempo di Grazia del Coronavirus.

Allora vi chiedo: possiamo ancora affidarci alla superficialità di una politica di plastica stregata dal consenso, alla velocità di una informazione spesso faziosa ed orientata, al decisionismo sterile dei capipopolo che falliscono ovunque? Possiamo ancora restare fermi, subendo tutto questo?!

Io penso che dopo questo tempo di grazia dovremo impegnarci per inaugurare un tempo di speranza e novità che saremo chiamati ad abitare come i discepoli di Emmaus che corrono sulla strada per Gerusalemme per annunciare che la vita vince la morte.

Allora impariamo in questo tempo ad essere uomini di speranza, di bontà, di mitezza, di pazienza, di dialogo.
Uomini dalla parte della giustizia e di chi è nel bisogno.
Uomini che sanno aspettare col sorriso chi sta un passo indietro.
Uomini che sanno guardare negli occhi e nei volti e sanno ridonare speranza.
Uomini, non comparse come insegna Don Mazzolari.

Percorriamo strade nuove. Facciamoci prendere dall’ansia dei costruttori di una società nuova e non esitiamo a pagarne il prezzo! Il prezzo sono le nostre certezze . Abbandoniamo la nostra ansia di essere garantiti sempre nelle nostre comode certezze di credenti e mettiamoci in gioco in questo tempo di grazia con speranza!

Su questa strada Papa Francesco, un Papa che ha fatto scelte eloquentemente evangeliche, ci precede proponendoci da tempo modelli nuovi e ha già indicato con lungimiranza le linee d’azione con Evangelii Gaudium, Laudato Sii e Amoris Laetitia. Abbiamo quindi tutti gli strumenti oggi per interpretare questo tempo di cambiamenti ed incertezze per vincere la paura!

Perché non sfruttare questo tempo per “imparare” ad “attuare” nella società, nella pastorale o nella nostra vita personale finalmente le idee grandiose che ci propone Papa Francesco?

Forse è questo il tempo della Grazia che ci avvicina all’umanità ferita e neanche ce ne accorgiamo.

4 risposte a “La Grazia del Coronavirus”

  1. Francesca Vittoria Vicentini ha detto:

    C’è poi ancora da domandarsi delle verità che ci vengono comunicate ,i dati di ammalati e di degenti in… i guariti, e quelli passati ad altra vita la comparazione dei quali è molto confusa, tanto che poi vengono interpellati singoli e si viene a sapere come circa i deceduti si tace se dei cinquantenni , pare così il virus colpisca solo anziani, già cagionevoli. Il commercio da mercato nero su mascherine! E degenti che, per questo e altri mancati o tardivi interventi, muoiono lasciando sconforto tra gli operatori e i medici impotenti a salvarli. Si dà il caso di sentire che per certi politici entrati e usciti in breve tempo vi sia trattamento di riguardo rispetto a chi passa giorni prima di essere conosciuto malato. Anche parlare di questo mi sembra da laici, soprattutto se anche cristiani, affrontando argomenti che disturbano le coscienze.

  2. Walter Schettini ha detto:

    Salve a tutti! In effetti, penso che fattivamente questo periodo di emergenza debba essere un periodo di grande riflessione che debba spaziare in tutti i campi! Dalla politica, al lavoro per tutti, alla chiesa cattolica, al senso civico e alle molteplici possibilità che hanno gli essseri umani nell’essere disponibili verso il prossimo. Un caro saluto Walter Schettini

  3. Francesca Vittoria Vicentini ha detto:

    Questo virus sembra sorto stimolato da tutto quanto significa malessere comune.Una sferzata a cambiare strada perché abbiamo percorso un vicolo cieco dove era lui, il coronavirus ad aspettarci.Non sarebbe stato meglio seguire la Voce trainante del Dio che ci aveva dato le 10 Parole come via da seguire?E il Figlio, Dio di Pace venuto ad ammonire che ancora facevamo scelte verso vicoli ciechi?credo che dobbiamo meditare singolarmente su cosa si è creato di mondo nuovo,piangere non serve ma opporci alle storture che sono causa del maldivivere,di pandemie,guerre,faziosità,disonesta inettitudine tutto questo oggi lo stiamo esperimentando perfino,cosa che fa rabbrividire su persone malate,inermi,che non hanno voce per ancora piangere su di se al veder sparire il proprio nome con un unknown” un mai esistito. Un lupo ha cercato di tornare è fatta tanta strada, un animale, cosa è oggi diventato l’uomo?

  4. Luca Romano ha detto:

    Condivido tutto.
    Ho provato in questi ultimi giorni anche un po’ di smarrimento dopo le esternazioni di alcuni vescovi e la posizione critica della stessa CEI (forse non comprensibile ai miei occhi). Aprire già dai primi di maggio alle messe domenicali, alla vita parrocchiale, lo vedrei come un enorme rischio soprattutto per i fedeli fisicamente più deboli (che tipicamente frequentano di più le chiese). Ma dirò anche che queste esternazioni si prestano a strumentalizzazioni politiche; spesso di chi impugna un crocefisso per propaganda politica e rivendica magari un diritto mai o poco esercitato. La libertà di culto davvero non c’entra nulla. Questo periodo, che speriamo finisca è un prezioso momento di meditazione e introspezione.

Rispondi a Walter Schettini Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I commenti devono essere compresi tra i 60 e i 1000 caratteri. I commenti sono sottoposti a moderazione da parte della redazione che si riserva la facoltà di non pubblicare o rimuovere commenti che utilizzano un linguaggio offensivo, denigratorio o che sono assimilabili a SPAM.

Ho letto la privacy policy e accetto il trattamento dei miei dati personali (GDPR n. 679/2016)