Come una chitarra nelle mani di Dio

Siamo piccoli strumenti, ma nelle mani di Dio e con la sua Grazia, possiamo fare opere grandi
12 Marzo 2022

Fra tutti gli strumenti musicali che conosco, personalmente ho una predilezione per la chitarra. Pertanto, il desiderio grande che ho nel cuore di essere uno strumento nelle mani del Signore, fa inevitabilmente affiorare alla mia fantasia, l’immagine di Dio che… suona la chitarra. Sì. Vorrei essere come una chitarra fra le mani di Dio, da cui Egli, usando il Plettro divino dello Spirito Santo, possa trarre armonie tali da rallegrare, confortare, sostenere, incoraggiare, amare teneramente tutti e ciascuno in particolare.

Ognuno di noi è chiamato a comporre con la propria vita una melodia, bella da ascoltare, gradita agli orecchi di Dio e del prossimo. “Accordiamoci” alla volontà di Dio che, altro non è se non che ci amiamo gli uni gli altri come Egli ci ha amato e ci ama. Il titolo del nostro brano musicale è dunque: “Amore” e l’esecuzione “senza sosta”. Le “pause” solitamente presenti in qualsiasi spartito musicale, siano per noi il tempo in cui riposiamo sul Cuore di Dio e attingiamo dalla Sua Parola la vera sapienza.

La vita quaggiù è come la prova in vista del Concerto finale. Qui impariamo ad andare d’accordo con il suono degli altri strumenti, quelli suonati dai nostri fratelli. Nelle prove, si sa, qualche sbaglio è ammissibile. In Paradiso poi ci sarà la sinfonia definitiva, una sinfonia meravigliosa, senza errori e stonature. Anche gli Angeli vi prenderanno parte e si uniranno a noi nell’inno di lode a gloria di Dio Padre, figlio e Spirito Santo. Amen!

Siamo piccoli strumenti, ma nelle mani di Dio e con la sua Grazia, possiamo fare opere grandi facendo progredire il suo Regno che è “giustizia, pace e gioia nello Spirito Santo” (Rom 4, 17). Gesù paragona il Regno di Dio ad un granellino di senape (Mc 4, 30-32). È un seme piccolissimo, eppure si sviluppa così tanto da diventare la più grande di tutte le piante dell’orto: è una crescita imprevedibile e sorprendente. Non è facile per noi entrare in questa logica dell’imprevedibilità di Dio e accettarla nella nostra vita. Ma il Signore ci esorta ad avere un atteggiamento di fede che supera i nostri progetti, i nostri calcoli, le nostre previsioni, occorre che lo lasciamo agire nella nostra vita. Non lasciamoci sfuggire nessuna delle occasioni di bene che il Signore ci offre, lasciamoci invece coinvolgere con docilità, gioia ed entusiasmo, nelle sue dinamiche di amore, di accoglienza e di misericordia verso tutti.

Tu che strumento vorresti essere, tra le mani di Dio?

Una replica a “Come una chitarra nelle mani di Dio”

  1. Francesca Vittoria vicentini ha detto:

    Effettivamente la musica è ciò che di più bello Dio ha reso possibile all’uomo di esprimere ciò che neppure le parole possono, infatti è poesia dell’anima, lo strumento travalica ogni barriera, gli angeli cantavano, perfino i pesci emettono suoni, la musica assomma un sentire che è globale, se sulla cima di una montagna là si espande come la luce; vi sono suoni sgradevoli quelli prodotti da armi di guerra o fracassi nelle piazze. In chiesa vi è uno strumento che ormai trova rari suonatori, anche il canto non è più strumento alla preghiera, Leggo del silenzio, come via di dialogo con Dio. che già è praticato, già ognuno preferisce stare chiuso in se stesso, cantare per Dio manca la voce ai più,.Ma se c’è l’amore, questo è anche canto e musica del cuore, ogni gesto d’amore diventa canto, poesia, bellezza, bontà, armonia, da persona a persona dilaga diventa gioia, serenità, pace gli uni, gli altri., non sempre è facile ma possibile, è dono nella vita

Rispondi a Francesca Vittoria vicentini Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I commenti devono essere compresi tra i 60 e i 1000 caratteri. I commenti sono sottoposti a moderazione da parte della redazione che si riserva la facoltà di non pubblicare o rimuovere commenti che utilizzano un linguaggio offensivo, denigratorio o che sono assimilabili a SPAM.

Ho letto la privacy policy e accetto il trattamento dei miei dati personali (GDPR n. 679/2016)