La “fase 3” della Chiesa

Dopo il lockdown, dopo la riapertura pensando di tornare al passato sic et simpliciter, questo è il momento in cui invece si può dare stabilità ad alcuni cambiamenti.
13 Settembre 2020

Abbiamo detto “niente sarà più come prima”. Abbiamo scritto sui manifesti “andrà tutto bene”. Ma è vero? Dopo la forzata chiusura del lockdown, dopo la riapertura fatta in realtà pensando di tornare al passato sic et simpliciter e al più presto possibile, questa “fase 3” – con le sue incertezze e i suoi rischi – potrebbe essere il momento in cui alcuni cambiamenti (pastorali, liturgici, catechetici, eccetera) sperimentati nei mesi passati entrano in modo stabile nella prassi delle nostre comunità.

Proponiamo dunque il nuovo “Tema del mese”:

Il coronavirus ha “migliorato” la Chiesa?

Ricordiamo le regole per partecipare. Chiunque (non solo gli autori abituali) può proporre a Vino Nuovo un suo testo, inviandolo all’indirizzo dedicato iltemadelmese@gmail.com

Gli articoli pubblicati verranno via via raccolti qui di seguito:

  1. Daniele Gianolla, Parole nuove per nuove vie di condivisione
  2. Salvo Coco, Riforma della Chiesa e clericalismo
  3. Equipe Decàpoli, Decàpoli: laboratorio di evangelizzazione in tempo di coronavirus
  4. Equipe Decàpoli, Decàpoli: laboratorio di evangelizzazione in tempo di coronavirus/2
  5. Assunta Steccanella, Catechismo: è tempo di cambiare

 

Una replica a “La “fase 3” della Chiesa”

  1. Francesca Vittoria vicentini ha detto:

    Un annuncio via Web,….CIAO a tutti, Padre …..ci informa che da domani si può partecipare alla messa delle 11.30 anche in streaming, da casa, perché -come già sperimentato prima dell’estate – non ci sarà certamente posto in chiesa per tutti. Dunque l’emergenza continua, non più servizio all’ambone per il lettore laico, lo fa il parroco mentre il Confratello anziano celebra, ed è così ligio che rimprovera apertamente il fedele se la mascherina non è perfettamente avvolgente.Eppure il Santo Padre ha detto che ” una messa virtuale non sostituisce la partecipazione ;personale ” laddove l’emergenza sanitaria causata dalla pandemia lo permetta: segue precisazione ..che assistere ad una Messa attraverso i media non è equiparabile alla partecipazione fisica in chiesa. Giusto saperlo, perché c’è chi pensa sia la stessa cosa. Allora perché la domenica non fare più messe vis a vis in parrocchia tanto Ci sono già quelle trasmesse in TV, questo app.tutti lo possiedono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I commenti devono essere compresi tra i 60 e i 1000 caratteri. I commenti sono sottoposti a moderazione da parte della redazione che si riserva la facoltà di non pubblicare o rimuovere commenti che utilizzano un linguaggio offensivo, denigratorio o che sono assimilabili a SPAM.

Ho letto la privacy policy e accetto il trattamento dei miei dati personali (GDPR n. 679/2016)