Il Concilio? Non solo a parole
di Giorgio Bernardelli | 26 settembre 2012
Raccontare ai ventenni di oggi che cosa fu il Vaticano II è una sfida impegnativa. Ma a Lione ci stanno provando «facendo vedere» che cos'è la Chiesa

Prima di leggere questo post guardatevi questo video, pubblicato ieri su YouTube dall'arcidiocesi di Lione. Le scritte sono ovviamente in francese, ma non sono poi così difficli da comprendere. L'argomento sono i 50 anni dal Concilio Vaticano II, che ci apprestiamo a celebrare l'11 ottobre. Qui non si parla di ermeneutiche, né (tantomeno) si versano lacrime nostalgiche con il fazzoletto in mano. Guardatelo, poi ne riparliamo.

 

 

Leggendo il racconto di Aldo Maria Valli sull'assemblea tenuta all'istituto Massimo - qualche giorno fa - ha colpito molto anche me l'annotazione sull'assenza di giovani. E ho trovato molto interessante anche la riflessione di Gilberto Borghi di qualche giorno prima, che mostrava a partire da alcune pagine dei documenti del Concilio come - in un contesto mutato - anche alcune parole del Vaticano II oggi appaiano comunque datate. Sono convinto anch'io che - alla vigilia di questo cinquantesimo - quello di come raccontare ai ventenni di oggi che cosa è stato quell'evento e perché dovrebbe avere qualcosa a che fare con la loro vita, sia un signor tema. E resto un po' perplesso di fronte a chi si illude di affrontarlo con un semplice amarcord o con qualche sospiro con cui rimpiangere i vecchi tempi.

Proprio per questo, ieri, quando ho visto questo video, sono rimasto piacevolmente sorpreso. Non tanto per la sua forma simpatica, che anziché proporre il solito fervorino almeno ammicca, tentando di parlare il linguaggio dei ragazzi di oggi. No, questo è ancora il meno. Sono rimasto piacevolmente sorpreso nello scoprire qual è l'evento diocesano che questo video serve a promuovere.

Lo sapete che cosa fa l'arcidiocesi di Lione per celebrare i 50 anni del Concilio? Domenica 14 ottobre si riunisce per una giornata di festa alla Fiera di Lione. Ed è un appuntamento che il cardinale Barbarin, l'arcivescovo, ha convocato con una lettera già un anno fa. In queste settimane lo stanno preparando con una "Maratona della Parola", scandita dalla riflessione sulle Beatitudini. Poi arriverà la giornata di domenica 14 che comincerà con una mattinata con al centro la ricchezza dei diversi volti del popolo di Dio. Lì ci sarà spazio, sì, per le conferenze sul Concilio (tra i relatori Enzo Bianchi, frère Emile di Taizé, Jean Vanier), ma anche per spettacoli a tema religioso (compresi i clown) e per una conteplazione artistica delle Betaitudini attraverso un quadro del pittore Arcabas. Tutto questo - però - solo alla mattina. Perché dalle 14, dopo il "pic nic" diocesano, tutto convergerà verso la celebrazione eucaristica presieduta dal vescovo. Una liturgia a cui sono stati invitati in maniera particolare quanti durante quest'anno hanno ricevuto il Battesimo e la Cresima. E durante la Messa il cardinale Barbarin presiederà le ordinazioni sacerdotali; sì, perché, l'arcivescovo quest'anno non ha voluto tenerle come al solito in giugno. No, era troppo importante che i nuovi preti lo diventassero lì, davanti a tutto il popolo di Dio, durante la festa diocesana del Concilio. E che per tutti quell'avvenimento si concludesse con un mandato missionario.

Una Chiesa locale riunita intorno al vescovo a partire dai sacramenti, in una comunione che sa valorizzare tutti i doni ed educa a vivere insieme nella gioia. Non vi ricorda qualcosa? Spero proprio di sì. Perché questa è la Chiesa così come la racconta la Lumen Gentium, la costituzione dogmatica del Vaticano II (quella di cui - ahimé - non si parla mai,impegnati come siamo ad azzuffarci su tutto il resto). Per farla breve, a Lione hanno capito una cosa importante: non basta parlare del Concilio, bisogna provare a farlo vedere. Almeno per un giorno loro potranno dire a tutti: guardate, questo è ciò che ci ha insegnato il Vaticano II sulla Chiesa.

Io sono convinto che il 14 ottobre alla Fiera di Lione i giovani ci saranno. E che - grazie a una diocesi capace di raccontare loro ciò che veramente è essenziale di un evento di cinquant'anni fa - anche loro potranno gustare di nuovo il Concilio in tutta la sua freschezza.

 

Commenta e leggi i commenti per questo articolo


Vedi anche
27/11/2011
Il Concilio, i giovani e il popolo di Dio
di Luigi Bettazzi
16/01/2012
A lezione di storia
di Maria Teresa Pontara Pederiva
12/12/2014
La Chiesa dei poveri
di Luigi Bettazzi
21/09/2011
La pazienza coi lefebvriani
di Stefano Femminis
13/03/2013
Una lettera scritta in cammino
di Christian Albini

Versione stampabile
Scrivi a Vino Nuovo





Giorgio Bernardelli

Giorgio Bernardelli, giornalista della rivista Mondo e Missione e del sito mondoemissione.it, ha lavorato per dieci anni alle pagine di informazione religiosa di Avvenire, quotidiano con cui tuttora collabora oltre che con il portale internazionale di informazione religiosa VaticanInsider. Porta nel cuore Gerusalemme, città a cui ha dedicato diversi libri e che racconta nella rubrica La porta di Jaffa sul sito www.terrasanta.net.

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it