Non è bene che l'uomo sia solo
di Paolo Micheli | 28 agosto 2012

"Se la vostra giustizia non supererà quella degli scribi e dei farisei, non entrerete nel regno dei cieli".

In questi giorni la discussa condanna a 21 anni di carcere di Breivik, il killer di Utøya scuote le coscienze e muove tanti interessanti dibattiti. Ed è un risveglio terribile soprattutto per noi cristiani che siamo stati educati a riflettere sul perdono e raramente sulla giustizia. Perché parlare di giustizia ci mette direttamente in gioco.

Qual è la giustizia di Dio?

"Il carcere è l'espressione violenta di una giustizia vendicativa", una volta mi aveva detto il cappellano di San Vittore.

Chi ha conosciuto il carcere in Italia sa che in cella si può guardare solo per terra, perché non si vede l'orizzonte. Il carcerato non conosce neppure rumori o odori. C'è ben poco di umano nelle carceri italiane. Eppure nelle nostre carceri si toccano gli estremi confini della vita di un uomo. Si tocca quanto possiamo fare sia di male che di bene.

Cristo sulla croce ci da una misura, un insegnamento di giustizia: una giustizia che non è vendicativa.

"Tu che hai subito il male scioglilo dentro di te! Perché facendo altro male allungheresti solo la catena". Non è passività al male, non è rifiutarsi di dare risposta al male, bensì rispondere con una forza maggiore: il bene. L'insegnamento di Cristo ci invita con coraggio a superare scribi e farisei conducendoci verso una giustizia della redenzione. L'insegnamento per il malfattore è chiaro: per riparare il male fatto sii benefattore!

A questo ci invita Gesù. Hai sbagliato? Mettiti al servizio del prossimo. E' una giustizia che non sgrava dalle colpe, ma che investe di una responsabilità maggiore.

Difficile pensare che un carcerato italiano esca migliore dalla prigione. I più al contrario vi rientrano dopo pochissimo. In barba all'articolo 27 della costituzione che parla di giustizia rieducativa.

Quale rieducazione può essere fatta in una cella di tre metri per quattro con altri sei detenuti?

Da qualche anno io ho trovato un mio metodo. Ogni volta che guardo la TV o sfoglio un giornale, ho imparato ad accostarmi ai fatti di cronaca con atteggiamento critico. Nessuno sa cosa c'è dietro la vita di una persona. Nessuno conosce la sua coscienza.

"Non giudicate", ma "cercate innanzitutto la Sua giustizia e tutto il resto vi sarà dato in più".

Paolo Micheli

www.paolomicheli.it

Commenta e leggi i commenti per questo articolo


Vedi anche
30/05/2017
Il silenzio di Fouad
di Paola Ziccone
04/01/2012
Il carcere e le nostre radici cristiane
di Paola Springhetti
02/06/2011
Battesimo nel braccio della morte
di George Williams
26/02/2011
Fesch, l'assassino (presto?) santo
di Ruggiero Francavilla
24/04/2014
Il perdono oltre l'emozione
di Paola Springhetti
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it