ROBE DI RO.BE.
Il Natale della crisi
di Roberto Beretta | 22 dicembre 2011
Sapremo recuperare il valore prezioso dei rapporti umani ora che non abbiamo più i mezzi per delegare a un oggetto «importante» la manifestazione del nostro affetto?

Benedetto Natale di crisi!

L'altro giorno ho fatto una piccola ma istruttiva esperienza. Sono stato al centro commerciale con mia moglie, la quale aveva con sé la classica lista dei regali da fare a Natale. Chi è maschio e sposato potrà capirmi: di solito si tratta della situazione da cui quasi tutti i mariti vorrebbero scappare, a costo di stare in ufficio a fare gli straordinari...

Invece mi è successa una cosa che non mi capitava da tempo: mi sono persino divertito! Che cosa era successo? Semplicemente ci siamo riscoperti anche noi nella categoria dei tanti italiani che si trovano a «tirare la cinghia», - poco o tanto che sia - e dunque stanno un po' più attenti alle spese. Così, invece di raccattare più o meno a caso tra le offerte degli scaffali, inseguendo l'oggetto tecnologico più propagandato ovvero badando alla griffe del maglioncino, ci è toccato aguzzare l'ingegno, per scovare prodotti certo più modesti ma che «parlassero» con la loro originalità e pertinenza al destinatario, cercando insomma di supplire con la fantasia e col cuore alla diminuita disponibilità finanziaria.

Le difficoltà stimolano, come sanno i poeti. Ma se questo fosse vero anche per la Chiesa? Mi spiego meglio: quante volte abbiamo decantato la povertà di Betlemme, quanti presepi «impegnati» abbiamo costruito scagliandoci contro il consumismo e gli sprechi della nostra società, quante volte abbiamo auspicato una Chiesa più vicina all'ideale evangelico di semplicità e piccolezza... Beh, adesso il Natale di crisi ci offre una possibilità in più anche in tal senso! Sapremo approfittarne?

Sapremo, per esempio, recuperare il valore prezioso dei rapporti umani (anche all'interno delle nostre parrocchie, sì, così spesso scostanti e chiuse), ora che non abbiamo più i mezzi per delegare a un oggetto «importante» la manifestazione del nostro affetto? Sapremo sentire più da vicino il senso dell'uguaglianza fondamentale tra credenti, e tra uomini in genere, adesso che i salti di classe sociale risultano un poco attutiti dalle cattive acque in cui naviga l'economia? Sapremo tornare a sentire un poco più nella carne la fame di ciò che conta davvero, dal momento che i nostri stomaci e soprattutto i nostri desideri sono meno appagati dalla sazietà dell'opulenza?

Abbiamo davanti un'occasione, che certo non abbiamo cercato e che tuttavia potrebbe diventare provvidenziale. Questa crisi è anche, deve essere o diventare, un'occasione spirituale: da cogliere singolarmente e come comunità, cominciando dal prossimo Natale. Che cosa del resto sarebbe più adatto della scena di Betlemme per rappresentare una salvezza che nasce proprio dal niente, l'infinito deposto sulla paglia?

Io lo auguro a me stesso, a tutti i lettori di questo blog che mi diventa sempre più caro e anche alla Chiesa tutta, che così spesso critico: coraggio, meno battaglie sull'Ici e più profondità nell'indicare agli uomini che cosa ci sta a cuore davvero. Dal Natale di quella volta là, il gioco dei cristiani è sempre stato: vince chi perde.

 

Commenta e leggi i commenti per questo articolo


Vedi anche
24/10/2011
Missione: dagli stili alle scelte di vita
di Gerolamo Fazzini
10/09/2015
Le radici cristiane dell'Europa
di Gilberto Borghi
12/12/2012
Il pellegrinaggio ai mercatini
di Diego Andreatta
22/12/2011

di Paolo Del Vaglio
02/01/2014

di Giovanni Berti

Versione stampabile
Invia ad un amico
Scrivi a Vino Nuovo





Roberto Beretta

Roberto Beretta, giornalista e saggista. Ha scritto 25 libri, quasi tutti di argomento religioso, di «destra» (Storia dei preti uccisi dai partigiani , Il lungo autunno, controstoria del Sessantotto cattolico ) e di «sinistra» (Chiesa padrona , Le bugie della Chiesa). Gli ultimi lavori sono: Fake pope. Le false notizie su papa Francesco (San Paolo), Fuori dal Comune. La politica italiana vista dal basso (Edb), Oltre l'abuso. Lo scandalo della pedofilia farà cambiare la Chiesa? (Ancora) Ha due figli e ancora una gran voglia di dire la sua.

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it