«State tranquilli»
di Stefania Falsini | 13 dicembre 2011
Su certe paure di parlare della morte ai bambini. Perché probabilmente siamo noi adulti a non avere risposte e a non accettare di averne una gran paura

L' assemblea dei genitori alla scuola (pubblica) di mio figlio si è aperta con una rapida presentazione della maestra di religione (cattolica) che, parlando a grandi linee del programma di quest'anno, ha annunciato rassicurante: "Come forse i vostri figli vi hanno già raccontato, stiamo parlando del Natale e ne parleremo ancora a lungo visto che si tratta di una festa allegra adatta ai bambini. Per quanto riguarda la Pasqua vi voglio dire di stare tranquilli perché nessuno parlerà di morte-crocefissione-resurrezione. Parleremo della Pasqua come della festa della primavera". Silenzio e sorrisi di serena di approvazione. E si passa a parlare della data della prossima gita.

Io sarei stata più tranquilla se avessi sentito che la morte non è un argomento tabù perché fa parte della vita e che se ne può parlare, perfino ai bambini. Nel modo giusto e adatto a loro, ma si può. E, tra l'altro, quale occasione migliore della Pasqua per parlare della morte in una prospettiva di Vita e felicità. O forse vogliamo delegare alla festa di Halloween le risposte al Grande Mistero?
E poi sappiamo bene che tutti i non detti non solo non impediscono il formarsi di domande nella testa dei bambini ma anzi generano angosce enormi e profondissime.

Questo episodio me ne ha ricordato un altro vissuto alcuni anni fa: all'ultimo incontro di un corso di preparazione al Battesimo le coppie presenti avevano la possibilità di scegliere le letture per il giorno della cerimonia tra una rosa di brani suggeriti dal sacerdote. Tra quelle proposte è stato scartato senza possibilità di appello il capitolo 6 della lettera ai Romani: "O non sapete che quanti siamo stati battezzati in Cristo Gesù, siamo stati battezzati nella sua morte? (....) Se infatti siamo stati completamente uniti a lui con una morte simile alla sua, lo saremo anche con la sua resurrezione."

Queste stesse parole sono state considerate dai più come "di cattivo gusto in un contesto gioioso", "non adatte ad un battesimo", "troppo tristi" e così via. Eppure esprimono un concetto che è il cuore vivo della fede cristiana  e noi non eravamo all'inaugurazione di un locale notturno, eravamo in una parrocchia al termine di un ciclo di incontri sul Battesimo.

Perché allora tutta questa paura di parlare (ai bambini) della morte?

Se accettiamo senza battere ciglio di giocare il jolly della festa della primavera per non parlarne è perché probabilmente siamo noi adulti a non avere risposte e a non accettare di averne una gran paura: del dolore, del distacco dalle persone care, dell'ignoto. Niente di più umano, diffido di chi vanta grandi certezze e non ammette tremori, soprattutto di fronte alla morte.

Ciò non toglie che anche le nostre non risposte, le nostre tristezze e paure possano essere raccontate ai nostri figli, ovviamente in maniera adeguata alla loro età e alle loro richieste, e fare parte del loro percorso di crescita senza venderci ai loro occhi per ciò che non siamo. La loro testa è già troppo piena di supereroi.

Commenta e leggi i commenti per questo articolo


Vedi anche
28/10/2013 SECONDO BANCO
Le ultime ore di vita
di Gilberto Borghi
14/11/2013
Il ponte di Aurora
di Chiara Bertoglio
15/03/2011
Chi glielo dice?
di Stefania Falsini
04/10/2011 SECONDO BANCO
«E questo dolore Dio non lo vede?»
di Gilberto Borghi
05/11/2011 SECONDO BANCO
Marco, la morte e i miei ragazzi
di Gilberto Borghi

Versione stampabile
Invia ad un amico
Scrivi a Vino Nuovo





Stefania Falsini

Ho 35 anni, sono nata e vivo a Roma. Sono laureata in Economia e Commercio e lavoro in una compagnia di assicurazioni. Dal 2004 sono sposata con Alessandro, siamo genitori di Samuele, che oggi ha quasi 5 anni. Tra i miei interessi la psicologia e la spiritualità della coppia e della famiglia. Scrivo su un mio Blog personale che si chiama Perdindirindina e contribuisco, insieme ad alcuni amici, al blog Motividifamiglia. Tra i miei progetti imminenti: frequentare il corso triennale di formazione per consulenti familiari presso il Centro La Famiglia di Roma.

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it