Incapaci di discutere
di Aldo Maria Valli | 17 novembre 2011
Perché se un laico osa esprimersi in maniera autonoma su questioni opinabili (non su verità di fede) oggi scattano da parte di altri laici l'insulto e l'intimidazione?

Dopo che su Vino Nuovo ho espresso le mie perplessità circa l'uso della pedana mobile da parte di Benedetto XVI e le spiegazioni fornite dalla Santa Sede per giustificarlo, sono stato sommerso di reazioni e commenti. Mi ha colpito la violenza di molti che sono arrivati fino all'insulto e, in qualche caso, alla minaccia. Non ne sono spaventato, anche perché è da molto tempo che ricevo improperi ogni volta che esprimo liberamente qualche opinione, ma penso che sulla vicenda sia il caso di fare qualche ragionamento. Quell'articolo terminava con una domanda: voi che cosa ne pensate? Era un invito esplicito a manifestare le proprie idee. Ma se molti l'hanno accolto, molti altri hanno preferito rispondere con l'invettiva e una sorta di "scomunica". Perché?

A mio giudizio il motivo profondo sta nell'assenza di un vero e proprio dibattito intraecclesiale. Un'assenza che a sua volta deriva dalla mancanza di un'autentica opinione pubblica dei credenti cattolici.

I motivi di questa situazione andrebbero indagati con attenzione. Sono di natura storica, culturale ed ecclesiale. Con riferimento al post Concilio, ci sarebbe da ragionare su come e quanto incise il cosiddetto dissenso cattolico, fenomeno che di fatto, avendo segnato una rottura netta con la gerarchia, radicalizzò le posizioni e spaventò molti.

Ma c'è anche un problema di conformismo dell'informazione. Si preferisce riferire senza commentare, oppure si commenta in modo superficiale, oppure ancora si tende quasi automaticamente a riverire e ossequiare.

Il risultato è evidente. La mancanza di un'opinione pubblica si traduce in un grave deficit per la vita ecclesiale. Tutti gli stimoli che potrebbero venire, in particolare, dai fedeli laici sono soffocati all'origine e quando qualcuno si comporta da cristiano adulto e osa pensare con la propria testa ecco scattare la reprimenda da parte di altri laici che si ergono a giudici e a difensori d'ufficio della tradizione e dell'autorità, mentre in molti casi sono soltanto difensori dell'abitudine e del potere.

La libertà di esprimere le proprie idee senza paura è la precondizione dell'esistenza di un'opinione pubblica, ma se di fronte ai commenti più liberi scattano subito le accuse, gli insulti e l'emarginazione, come si può immaginare di avere un'opinione pubblica? Avremo piuttosto, molto più facilmente, schiere di adulatori.

Oggi alla Chiesa "manca il respiro" dicono nel loro bel libro Saverio Xeres e Giorgio Campanini.

E manca anche perché il Concilio, a quasi cinquant'anni dalla sua apertura, è sempre più dimenticato, svalutato e negletto.

Uno dei risultati più tragici di questa situazione è che si dice "Chiesa" e si pensa automaticamente a "gerarchia". Si dice "Chiesa italiana" e si pensa a "Cei" o addirittura a "presidenza della Cei". E in questo quadro il laicato è tenuto in una condizione di infantilismo culturale. Va bene, ed è accettato, fino a quando è funzionale all'istituzione. Ma se osa rendersi autonomo e pensante (e, ripeto, stiamo parlando di questioni opinabili, non di verità di fede), ecco scattare, molto spesso proprio da parte di altri laici, l'insulto, l'intimidazione, la soperchieria.

La comunicazione, all'interno della Chiesa, è ormai soltanto unidirezionale: scende dal papa e dai vescovi verso gli altri, ma dal popolo non sale nulla. O, quando sale qualcosa, il messaggio incontra tanti di quegli ostacoli e di quei disturbi da vanificare ogni tentativo.

Mancano luoghi di confronto paritario e quelli che potrebbero svolgere questo compito sono diventati megafoni della gerarchia, contribuendo così non alla formazione di un'opinione pubblica ma, al contrario, a un sempre più marcato processo di clericalizzazione.

Era il 1976 quando, al convegno di Roma su Evangelizzazione e promozione umana, si accennava a questi temi. Sono passati trentacinque anni e ci ritroviamo con un laicato non solo scoraggiato, ma ormai disabituato al confronto e quasi incapace di libera elaborazione culturale. E tutto questo proprio mentre le tecnologie ci permettono di far circolare informazioni e idee molto più ampiamente e velocemente di prima.

Voi che cosa ne pensate?...

 

 

Commenta e leggi i commenti per questo articolo


Vedi anche
01/06/2013
Stavolta parliamo un po' di noi
di Vino Nuovo
06/05/2011
Lombardi e l'opinione pubblica nella Chiesa
di Vino Nuovo
20/10/2011
Due parole sulla pedana mobile
di Aldo Maria Valli
01/08/2011
Quale verità?
di Christian Albini
28/02/2012
Indiana Web e l'ultima crociata
di Simone Sereni e Luca Grasselli

Versione stampabile
Invia ad un amico
Scrivi a Vino Nuovo





Aldo Maria Valli

Aldo Maria Valli è vaticanista del Tg1. Nato a Rho nel 1958, sposato con Serena e padre di sei figli, è giornalista professionista dal 1986. Collabora con il quotidiano Europa e con diverse riviste. E' autore di numerosi libri. Tra i più recenti Piccolo mondo vaticano. La vita quotidiana nella città del papa, Laterza,(edizione francese Le petit monde du Vatican. Dans les coulisses de la cité du Pape, Editions Tallandier), Storia di un uomo. Ritratto di Carlo Maria Martini, Ancora Libri (edizione francese L'histoire d'un homme, Saint Augustin), Oltre le mura del tempio. Cristiani tra obbedienza e profezia, con padre Bartolomeo Sorge, Paoline, Diario di un addio. La morte del cardinale Carlo Maria Martini, Ancora Libri, Il Vangelo secondo gli italiani. Fede, potere, sesso. Quello che diciamo di credere e quello che invece crediamo, con Francesco Anfossi, San Paolo, Milano nell'anima. Viaggio nella Chiesa ambrosiana, Laterza, Benedetto XVI. Il papato interrotto, Mondadori.

 

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it