SECONDO BANCO
Marco, la morte e i miei ragazzi
di Gilberto Borghi | 05 novembre 2011
Solo adesso che è morto ho scoperto di avere in una classe la cugina di Simoncelli. Una coincidenza che è diventata l'occasione per parlare insieme della morte

Ero fuori casa, al cellulare con un mio amico. All'improvviso fa una pausa e poi dice: "No, mamma mia!!!". Mi sono preso un colpo: "Cosa succede Fede?". "Nooo... sto alla tv... Simoncelli... l'hanno preso sotto in due... Mamma mia!! E' steso sull'asfalto immobile senza casco... Che botta, si è fatto davvero male stavolta...". Ho pensato: "Signore no, ancora altro dolore... ma come si fa?" E quando poco dopo è arrivata la conferma, il dolore è diventato morte. E il giorno dopo, in classe, non si poteva non parlarne, perché, come ogni tanto succede, la vita si incarica di ricordarci ciò che noi cerchiamo di dimenticare. La morte.

Alla seconda ora, una seconda, turbolenta ma sveglia. Sono entrato. C'era un capannello di sei ragazze attorno ad un banco, nel fondo. Ho cercato di osservare bene, ma non ho capito. Così ho cercato con gli occhi lo sguardo di una delle sei, e quando ha capito è venuta verso la cattedra e mi ha detto: "È per Marco". "Marco chi?". "Simoncelli, prof. La Betta è sua cugina". Sono rimasto di sasso. Non avevo pensato che quella realtà televisiva potesse diventare reale così direttamente e nei fatti, oltre che nei significati. "Elisabetta è sua cugina cugina?". "Si, prof. lo conosceva bene e lo aveva visto anche 15 giorni fa".

Ho sentito salire la tristezza e, pur non vedendola in viso, ho detto dolcemente: "Betta, come va?". "Eh prof. come vuole che vada..." mi ha risposto tra i singhiozzi... Sono sceso dalla cattedra e l'ho raggiunta al banco e le ho messo una mano sulla testa: "Non sapevo che sei sua cugina... mi dispiace un mondo!". "Grazie prof... posso uscire un attimo.. poi mi riprendo". "Certo vai, noi ti aspettiamo".

Un silenzio irreale e inusuale ci ha avvolto. Ho fatto l'appello. E mentre scorrevo i nomi ho sentito che forse valeva la pena dare voce a questo silenzio. "Di solito quando entro da voi c'è abbastanza confusione. Oggi invece è diverso. Le lacrime di Elisabetta hanno lasciato un segno ed è giusto che sia così. Anche questo vi insegna cosa vuol dire stare insieme e condividere. Ma soprattutto credo che questo silenzio sia pieno di domande e di frasi che non si dicono, perché non siamo abituati a farlo".

Non c'è neanche stato bisogno di spiegare. Sono uscite da sole e anche le emozioni che c'erano attaccate. E la discussione, senza nemmeno dirigerla, è andata di suo a infilarsi subito sulla difficoltà di parlare della morte e sulla mancanza delle parole per dirla. Martina: "Bèh io credo che non se ne parla quasi mai perché stiamo troppo bene qui e nessuno ha voglia di mettersi dei pensieri tristi. Tanto poi le cose arrivano loro da sole a darti dolore". "No, io credo proprio che sia il rovescio invece. Non ne parliamo mai perché non siamo felici per niente, anche se non lo ammettiamo e pensare alla morte ci costringerebbe a cambiare modo di vivere, ma non vogliamo farlo". Leonardo ci ha stupiti. Di solito è abbastanza riservato e non si espone troppo, ma si vede che dentro ha molta roba che frulla.

"Vuoi dire Leo che parlare della morte tira in ballo il senso della vita?" rilancio io. "Sì, credo sia così, prof. Adesso, perché è morto, sembra che tutte le vittorie, la bravura e le robe incredibili che faceva Simoncelli non servano più a niente, come se non avessero più senso. Se invece fosse ancora vivo tutti penserebbero che la sua vita ha un senso enorme". "E allora - ribatte Martina - a maggior ragione non vale la pena pensare alla morte, meglio vivere senza pensarci". "No, pensare che devi morire - ribadisce Leonardo - ti fa vivere le cose che fai senza farti troppe seghe mentali per queste, tanto poi finiranno". "Sì, ma a me fa venire una tristezza incredibile vivere così, preferisco non pensarci!" chiude decisa Martina.

È un piccolo stralcio, in presa diretta. Mi è tornata in mente quando ho sentito il mio prete nell'omelia della messa del giorno dei morti: "Nessuno parla più della morte, anche perché umanamente è inspiegabile, se non c'è la fede a illuminarla". Certo noi cattolici allunghiamo subito lo sguardo al futuro, al dopo morte, perché su quello abbiamo verità pesanti da annunciare. Ma siamo sicuri di avere ascoltato abbastanza la lezione che la morte ci consegna sul legame con la vita, con l'aldiquà? Siamo sicuri che la morte non vada pensata prima come evento naturale, per poi poterla illuminare con la fede?

Voglio dire che la discussione tra Martina e Leonardo forse dice che non è vero che solo la fede ci può illuminare il senso della morte. E che se anche noi cristiani facciamo dell'annuncio della resurrezione un alibi per non guardare in faccia il dramma che è in essa non possiamo poi lamentarci se la gente non ha parole, riti, relazioni in cui poter elaborarne il senso. Anche in parrocchia, non trovo facile uno spazio e un tempo in cui queste cose possano essere messe sul piatto sul piano naturale. Passiamo subito al soprannaturale, quando invece se c'è una cosa sicura sul piano naturale è proprio la morte di ognuno di noi.

Solo verso fine dell'ora, dopo che Elisabetta è rientrata in classe ho detto: "Forse la morte va letta non solo legandola a ciò che sta prima, la vita, ma anche a ciò che ci sta dopo... se ci sta. Io credo che Marco Simoncelli adesso sia vivo, risorto, e prego per lui perché possa davvero essere felice come qui ha desiderato e non ha potuto".

 

Commenta e leggi i commenti per questo articolo


Vedi anche
29/10/2011
Da Assisi a Coriano
di Luca Rolandi
04/10/2011 SECONDO BANCO
«E questo dolore Dio non lo vede?»
di Gilberto Borghi
28/10/2013 SECONDO BANCO
Le ultime ore di vita
di Gilberto Borghi
13/12/2011
«State tranquilli»
di Stefania Falsini
22/04/2015
Yuliana, il senso e l'aldilà
di Gilberto Borghi

Versione stampabile
Invia ad un amico
Scrivi a Vino Nuovo





Gilberto Borghi

Sono nato a Faenza all'inizio degli anni 60, ho cercato di fare il prete, ma poi ho capito che non era affar mio. E dopo ho studiato troppo, forse per capirmi e ritrovarmi. Prima Teologia, poi Filosofia, poi Psicopedagogia e poi Pedagogia Clinica... (ognuno ha i suoi demoni!). Insegno Religione, faccio il Formatore per la cooperativa educativa Kaleidos e il Pedagogista Clinico.... Lavoro per fare stare meglio le persone, finché si può... In questo sito provo a raccontare cosa succede nelle mie classi e a offrire qualche riflessione. E da qui è nato il libro pubblicato nel 2013 dal titolo: "Un Dio inutile".

 

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it