Da Assisi a Coriano
di Luca Rolandi | 29 ottobre 2011
Nello stesso giorno l'incontro delle religioni nella città di san Francesco e i funerali di Simoncelli: lo stesso richiamo al senso ultimo della vita e della morte

Proprio nel giorno del raduno interreligioso di preghiera di Assisi, mentre i rappresentati delle maggiori fedi del pianeta riflettevano sulla pace, la giustizia, la vita e i grandi interrogativi dell'uomo, in contemporanea si celebravano nella cittadina di Coriano i funerali del motociclista Marco Simoncelli, seguiti da oltre quindicimila anime. Mi sono chiesto più volte se fosse possibile trovare un collegamento, oltre gli effetti mediatici e alla inevitabile commozione per la morte di un ragazzo, tra questi due vicende umane. Credo di si. In redazione seguivo in contemporanea le immagini e i commenti su due monitor: in uno il funerale di Simoncelli e nell'altro del meeting di Assisi.

Non era impossibile trovare analogie anzi, erano un richiamo al senso più profondo della vita e al mistero della morte e i suoi interrogativi, che ho trovato presenti, in forme e modi assolutamente differenti in entrambi i luoghi. Chi siamo noi? Da chi dipende la vita e la morte, il mistero dell'esistere e altro ancora. Nei volti di Assisi e Coriano si leggevano radicate e ineludibili queste domande e la tensione spirituale dell'uomo. Non solo nel cuore della città del santo Francesco, tra i capi delle religioni ma anche in quella massa silenziosa e composta di persone che si stringeva intorno alla disperazione, espressa con una dignità e una speranza incredibili, della famiglia del pilota.

Marco Simoncelli, detto Sic, era un ragazzo. È morto in una gara sportiva in una domenica di ottobre a soli 24 anni. Era gentile, gioviale, simpatico, un tipo allegro e vivace, ovvero pieno di vita. La sua morte ha colpito l'intera comunità nazionale, ha travolto dal dolore la sua famiglia, la sua fidanzata, il mondo giovanile. Una tragedia che ha ricordato quella del Grande Torino, della morte di Scirea, di Pantani, di Villeneuve, ma forse con qualcosa di altro e più profondo ancora. Sic era un personaggio del mondo sportivo e giovanile, ma conservava nel suo sorriso di post adolescente quella voglia di sfondare, urlare, andare oltre per dire ci sono, ci siamo. abbiamo la vita e dobbiamo viverla con intensità.

La morte l'ha colto («Vegliate perché non sapete né il giorno né l'ora» Matteo  25, 1-13), ma nella sua tragica fine, ha fatto risvegliare sentimenti profondi, ed ha donato a tutti quella meraviglia e mistero che si chiama vita umana. Del mistero della fede cristiana, della volontà di dire che siamo unici ed irripetibili ma fondamentalmente fragili ha parlato il vescovo di Rimini Francesco Lambiasi che ha detto parole che restano. Non si misura la fede da queste cose, ma fa impressione vedere come la tragedia della morte giovane e improvvisa possa risvegliare sentimenti di nostalgia e di ritorno a ciò che conta nell'esistenza di ogni uomo: l'amore, la fraternità, l'abbraccio del Padre per tutti.

 

 

Commenta e leggi i commenti per questo articolo


Vedi anche
23/10/2011 PRESO IN RETE
Le mille Assisi di tutti i giorni
di Guido Mocellin
05/11/2011 SECONDO BANCO
Marco, la morte e i miei ragazzi
di Gilberto Borghi
07/11/2011 ROBE DI RO.BE.
Quello che stavolta ad Assisi non c'era
di Roberto Beretta
09/10/2013
La morte (e non solo quella degli altri)
di Maria Teresa Pontara Pederiva
22/01/2011 Francesco Lambiasi, vescovo di Rimini, in un libretto che contiene un sms per ogni giorno dell'anno. Questo è alla data del 15 gennaio
Ho bisogno di te xké ti amo
di Luigi Accattoli

Versione stampabile
Invia ad un amico
Scrivi a Vino Nuovo





Luca Rolandi

Sposato con Marella, tre figli è direttore del settimanale dell'arcidiocesi di Torino La voce del popolo. Ha lavorato a La Stampa al sito d'informazione religiosa VaticanInsider.it, con cui tuttora collabora oltre che con alcune riviste storiche e religiose. È dottore di ricerca in Storia sociale religiosa. Ha scritto diversi saggi su figure e vicende del movimento cattolico in Italia. È nato e vive a Torino, ma la sue origini sono della zona del Basso Piemonte - diocesi di Tortona - e la sua formazione è avvenuta a Genova.

 

 

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it