Piccoli Buddha crescono
di Stefania Falsini | 09 settembre 2011
Se sei invitato ad una festa di bambini devi sapere che non ci sarà nulla di umano o poetico nel gesto del dono. Sarà inghiottito dal tribale momento dello «scartalacarta»

Che tu sia un fervente frequentatore di gruppi parrocchiali o un fricchettone da centro sociale (o, magari, entrambe le cose contemporaneamente), un affermato professionista o un precario squattrinato, che tu creda fermamente nel valore della sobrietà o i tuoi usi siano eccessivi come la giacca di paillettes di un comico di avanspettacolo, molto probabilmente non farai mancare a tuo figlio, almeno una volta nella vita, una festa di compleanno 'all inclusive'.

Fino a circa una decina di anni fa una festa iniziava con l'arrivo del primo invitato che, salutando il festeggiato, gli porgeva un pacchetto ed aspettava, curioso, di vedere l'espressione che l'amichetto avrebbe fatto alla vista del regalo: poteva essere uno scortese ma sincero 'ce l'ho già' oppure un timido 'grazie' o ancora un entusiasta 'che figo!! Mammaaa vieni a vedereeee!!!' o magari una faccia un po' delusa.

Oggi no. Se sei invitato ad una festa di bambini devi sapere che non ci sarà nulla di umano né di poetico nel gesto del dono. Per vedere scartato il tuo pacchetto dovrai, infatti, aspettare il tribale momento dello SCARTALACARTA, trionfo dell'opulenza e, al contempo, dell'istigazione all'invidia.

Il diseducativo (a mio avviso, si intende) rituale solitamente si svolge così: il festeggiato si pone più o meno al centro di un emiciclo di compagni che lo incitano ad aprire uno ad uno la montagna di pacchi che amorevolmente la mamma scodinzolante e fiera gli porge dopo aver letto sulla busta il nome del benefattore. In mancanza dell'apposizione del nome si procede con il 'riconoscimento della busta', fatto con una specie di 'confronto all'americana'. Se vedete qualcuno che in questo momento sgattaiola verso il buffet molto probabilmente è venuto a mani vuote (ha tutta la mia stima). Il bambino, freneticamente, mostra quanto ricevuto in dono alla platea urlante senza, ovviamente, ringraziare né aver capito bene chi sia l'artefice di questo o quel regalo.

Al termine di questo cerimoniale, come da copione, riprendono i festeggiamenti, sempre uguali negli anni e rigorosamente a pagamento: animatori dal sorriso plastificato (che tradisce spesso il desiderio di mollare quattro ceffoni ai pargoletti fuori controllo e, spesso, maleducati), che si barcamenano tra uno spettacolo di marionette, qualche magia e un po' di  baby dance nella speranza (da parte mia) che prima o poi qualcuno decida di liberare tra i festanti frugoletti un vero alligatore che possa finalmente porre fine all'annosa questione relativa al verso del coccodrillo.

Insomma, chi di noi vorrebbe rivedere lo stesso film dieci volte in un mese? Immagino quasi nessuno. E allora perché ci sembra normale che i nostri figli frequentino feste di compleanno in cui tutto ciò che accade è già noiosamente noto ancor prima di iniziare?

Alla fine della festa, poi, i genitori del piccolo Buddha di turno cercano con fatica una soluzione per il trasporto del carico dei regali fino a casa: affittiamo un camion dei traslochi? Facciamo dieci viaggi? Ci serviamo degli sherpa? E se invece, più banalmente, chiedessimo agli invitati di non portare nulla perché nostro figlio è già pieno di giochi e vestiti, i parenti più stretti gli hanno già fatto dei regali di tutto rispetto e poi, in fondo, sarebbe felice anche solo di fare festa in compagnia degli amichetti? E se individuassimo un oggetto che nostro figlio desidera tanto e facessimo convogliare su di esso il contributo dei partecipanti? Insomma basta un po' di fantasia per trovare un'alternativa al "così fan tutti" e, soprattutto, basta volerlo.

Qualcuno potrebbe reputare eccessiva la contrarietà che esprimo rispetto ai comportamenti descritti. Il fatto è che essi, in quanto gesti sociali, sono dei segni e, come tali, sarebbe bello che fossero carichi di significato, scelti e presentati con la cura che meritano da parte delle famiglie.

Inoltre, questi modi standardizzati di agire altro non sono che una rappresentazione sintetica del modello educativo predominante oggi, tendente a generare persone autoreferenziali, incapaci di godere del 'chi' ma solo del 'cosa' e, per di più, con scarsa attitudine all'utilizzo della fantasia come risposta alle situazioni della vita. In sintesi, degli infelici.

A volte penso quanto sarebbe davvero divertente e formativa per i bambini una festa in cui anche i genitori si mettono in gioco, nel senso letterale del termine, senza bisogno di animazione a pagamento. In fondo, si sa, i piccoli imparano a comportarsi, a relazionarsi e anche a divertirsi osservando il comportamento di noi adulti, al di là dei discorsi precotti che tendiamo a fargli. E poi avrebbero finalmente qualcosa da raccontare!

Non me ne vogliano parenti, amici e conoscenti che dei criticati rituali nel tempo mi hanno fatto spettatrice. Sapete, tra i propositi che solitamente si fanno per la nuova stagione al rientro dalle ferie, quest' anno ho messo in pole position di dire un po' più spesso ciò che penso.

Commenta e leggi i commenti per questo articolo


Vedi anche
22/01/2013 DIARIO DI UNA CATECHISTA
«Che cosa vuol dire separati?»
di Assunta Steccanella
12/09/2012
Preghiera di una mamma il primo giorno di scuola
di Shannon Lowe
11/06/2015 SECONDO BANCO
Daniela, Dio e il gelato
di Gilberto Borghi
26/06/2015
La famiglia, la scuola e i ragazzi da incontrare davvero
di Sergio Ventura
04/07/2012
Caro figlio da 18 giga
di Stefano Camasta

Versione stampabile
Invia ad un amico
Scrivi a Vino Nuovo





Stefania Falsini

Ho 35 anni, sono nata e vivo a Roma. Sono laureata in Economia e Commercio e lavoro in una compagnia di assicurazioni. Dal 2004 sono sposata con Alessandro, siamo genitori di Samuele, che oggi ha quasi 5 anni. Tra i miei interessi la psicologia e la spiritualità della coppia e della famiglia. Scrivo su un mio Blog personale che si chiama Perdindirindina e contribuisco, insieme ad alcuni amici, al blog Motividifamiglia. Tra i miei progetti imminenti: frequentare il corso triennale di formazione per consulenti familiari presso il Centro La Famiglia di Roma.

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it