Quale verità?
di Christian Albini | 01 agosto 2011
Col pretesto di difendere Dio e la Chiesa, gli appelli alla verità all’insegna del conflitto e della condanna sono in realtà un modo per imporre se stessi e gratificare il proprio ego

Una delle parole che ricorrono con maggiore frequenza nei discorsi legati alla sfera religiosa è «verità».

Spesso la si usa come una sorta di arma per porre fine a una controversia: la posizione diversa dalla propria viene considerata illegittima «in nome della verità». Si squalificano così l’interlocutore e le sue ragioni, di solito con il ricorso a qualche documento magisteriale o alla parola di qualche alto prelato. Nei media, come in parecchi contesti ecclesiali, si incontrano cattolici che si esprimono per citazioni, ripetendo solo quanto già affermato e certificato da qualche testo «ufficiale».

Trovo che in questo modo di fare ci sia un grosso problema, soprattutto quando si accompagna a un atteggiamento polemico, aggressivo, di svalutazione degli altri. In nome della verità, naturalmente.

Per la Chiesa cattolica è necessario produrre dei documenti che presentino autorevolmente il suo messaggio. Ciò non toglie che l’eccesso di tali documenti è una selva, dove non si distingue quel che è necessario e irrinunciabile dal provvisorio. Non dimentichiamo che nel corso della storia il magistero ha cambiato parere su tante questioni.

Il rischio è presentare il cristianesimo come qualcosa di pesante, statico, complicato e poco accessibile. Inoltre, si perdono di vista le zone grigie, inevitabili quando si passa dai principi generali alla loro applicazione nelle situazioni particolari, come nel campo della bioetica. È invece necessario mantenere aperti la riflessione e il confronto, perché non abbiamo in tasca le risposte pronte a tutto.

C’è poi un altro aspetto, più profondo. La verità non è la «somma dei documenti», un insieme di affermazioni scritte. Per il cristiano, Gesù in persona è via, verità e vita. Verità è vivere in Cristo, diventare Cristo aprendosi allo Spirito. I documenti sono uno strumento di grande importanza che la Chiesa si dà, ma non un assoluto o un fine. La verità prende corpo nell’uomo, in tutto l’uomo.

Anche Gandhi poneva al centro della sua azione politica nonviolenta la verità; la definiva una ricerca in cui l’autentica conoscenza si raggiunge nel pensiero, nelle parole e nelle azioni. «La mia vita è il mio messaggio», diceva.

Come riconoscere questa verità?

Ai tempi dei padri del deserto, Abba Macario disse: «Se quando rimproveri qualcuno ti lasci muovere dall’ira, soddisfi una tua passione». E un anziano chiese a un fratello: «Quanti giorni hai trascorso senza dir male di tuo fratello, senza giudicare il prossimo e senza far uscire dalle tue labbra una parola inutile?».

Col pretesto di difendere Dio e la Chiesa, gli appelli alla verità all’insegna del conflitto e della condanna sono in realtà un modo per imporre se stessi e gratificare il proprio ego. È bello sentirsi paladini della verità contro qualcuno…«L’eucaristia ci dice che la nostra religione è inutile senza il sacramento della misericordia», ammoniva invece Annalena Tonelli.

Pur nella fermezza di fronte al male e all’ingiustizia, i segni della verità sono l’umiltà, il lasciare spazio, il saper ascoltare. Come il profumo di un fiore, va incontro a tutti. Ecco perché sono ormai convinto che non c’è verità senza dialogo.

 

Commenta e leggi i commenti per questo articolo


Vedi anche
17/11/2011
Incapaci di discutere
di Aldo Maria Valli
06/05/2011
Lombardi e l'opinione pubblica nella Chiesa
di Vino Nuovo
31/05/2010 NO ROGO
Il bipolarismo in salsa ecclesiale
di Gerolamo Fazzini
05/04/2013
Il blocchista cattolico
di Roberto Beretta
12/07/2012
Quel cattivo rapporto tra Chiesa e media
di Fabio Colagrande

Versione stampabile
Invia ad un amico
Scrivi a Vino Nuovo





Christian Albini

Christian Albini (Crema, 1973) marito, padre, insegnante, teologo. Partecipa alla vita cristiana della sua comunità parrocchiale e della sua diocesi, dove è coordinatore del Centro Diocesano di Spiritualità. È autore di libri, articoli e del blog Sperare per tutti. È socio fondatore dell’associazione Viandanti. Su twitter @Sperarepertutti

 

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it