ROBE DI RO.BE.
Manuale di fotografia cattolica
di Roberto Beretta | 21 luglio 2011
I congressi ecclesiali, le celebrazioni comunitarie, gli anniversari e le feste parrocchiali sono quanto di meno fotogenico esista...

Chi - come me - si occupa o si è occupato professionalmente, in qualità di giornalista, di «eventi cattolici», sa bene che al momento di andare in pagina si presenta quasi sempre un problema pressoché insolubile: come illustrare l'articolo.

Perché bisogna sapere che i congressi ecclesiali, le celebrazioni comunitarie, gli anniversari e le feste parrocchiali, le conferenze e i convegni cattolici sono quanto di meno fotogenico esista. Se poi si aggiunge la scarsa tecnica dei fotoreporter «di buona volontà» generalmente coinvolti per documentare il fatto attraverso le immagini, allora la noia e la tristezza sono assicurati.

Ormai potrei quasi scrivere un «manuale di fotografia cattolica». Partiamo da un classico: il gruppo clericale. Beh, se si tratta di capitoli, congressi o assemblee di preti, spesso l'istantanea risulterà scattata durante il pranzo conviviale, con bottiglie di tutte le marche in bella vista sulla tovaglia; oppure di una banalissima foto ricordo, dove tutti i presenti si distinguono per l'abbigliamento casuale e il fatto che sono distanti, ben separati l'uno dall'altro: come è logico, del resto, visto che il sacerdote è «individualista» quasi per destino.

Le conferenze, altro genere di grande uso e scarsissimo appeal grafico: di solito si vede un tavolo di recupero rivestito da un tappeto rosso (un residuato di paramento, forse) che non copre nemmeno le gambe del povero relatore, l'immancabile bottiglia e il sacerdote o laico di turno in piedi a tessere al microfono l'elogio introduttivo dell'illustre ospite. Se poi l'obiettivo gira a cogliere il pubblico (posto sempre a debita distanza), abbiamo le consuete sedie vuote in prima fila, qualche notabile poco dietro, molte anziane sonnacchiose con la borsetta in grembo; ma di solito c'è sempre anche qualche zelante «cattolico impegnato» con una vecchia agenda o un quadernetto aperti sulle ginocchia, pronto a non perdersi nemmeno una delle perle di saggezza che di lì a poco pioveranno sull'uditorio.

Non mancano le foto «liturgiche». Lì la scarsa fantasia degli autori è testimoniata dal fatto che colgono sempre come momento culminante l'elevazione dell'ostia; seguono - ma a distanza - la predica dall'ambone e la processione d'ingresso: sai che manna, per il giornalista del settimanale diocesano che deve piazzare ogni volta il vescovo nelle stesse pose e in almeno quattro pagine diverse... Se poi il monsignore è «in carriera», ci terrà a farsi vedere (e ritrarre) con pose ascetiche accentuate, tipo mani giunte e occhi bassi, volto ispirato e «mistico», molto compreso nel suo ruolo; soltanto i parvenu dell'ultima ora invece (ma non sono pochi) cadono nella puerile tentazione di mostrarsi ostentando le insegne del grado: cominciando dai filetti e dai bottoni rossi della talare.

Si tratta di osservazioni generiche e tutto sommato di scarsa importanza? Può darsi. Ma - senza essere un lombrosiano - credo che osservando con più attenzione (e un briciolo d'autocritica) le fotografie che appaiono spesso sulla stampa cattolica, impareremmo qualcosa di noi stessi. Impareremmo se non altro a vederci come ci vedono gli altri (e spesso non è affatto un bel vedere) e a relativizzare un poco di più la nostra immagine e le occasioni in cui ci piace sembrare «importanti». Forse non sarebbe una lezione particolarmente piacevole, ma certo ci tornerebbe preziosa; magari, se siamo dotati di un minimo d'ironia, potrebbe persino procurarci una bella risata per tutte le nostre solennità: un po' finte, un po' inutili.

 

Commenta e leggi i commenti per questo articolo


Vedi anche
26/05/2015
Papale papale
di Fabio Colagrande
21/06/2012
Nuova evangelizzazione? Così in parrocchia
di Vino Nuovo
30/05/2012 CHE FIGURA!
Gli spettatori estinti
di Gian Carlo Olcuire
29/05/2015
Quando il vescovo emerito prende appunti
di Marco Pappalardo
25/01/2018
Verità e Fake News: dal contenuto alla relazione
di Fabio Colagrande

Versione stampabile
Invia ad un amico
Scrivi a Vino Nuovo





Roberto Beretta

Roberto Beretta, giornalista e saggista. Ha scritto una ventina di libri, tutti di argomento religioso, di «destra» (Storia dei preti uccisi dai partigiani , Il lungo autunno, controstoria del Sessantotto cattolico ) e di «sinistra» (Chiesa padrona , Le bugie della Chiesa ). L'ultimo è appena uscito e si intitola La santa puttana. È assessore alla trasparenza e alla sicurezza della sua città, Lissone, per una lista civica. Ha due figli e ancora una gran voglia di dire la sua.

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it