Fuori dal mondo?
di Francesca Lozito | 11 luglio 2011
Lo sfogo di un giovane prete sui gradini della parrocchia. Con una riflessione sui destinatari di luoghi, tempi e proposte delle nostre comunità

«Io sono stufo. Stufo di vivere il mio ministero in mezzo a gente che è fuori dal mondo. Voglio persone come te, come Paola, Luciano, gente che la mattina esce di casa, va a lavorare, ha rapporti sociali, si scontra con le difficoltà concrete da cui noi che viviamo chiusi nella parrocchia siamo sempre più lontani».

Glielo aveva urlato in faccia don Andrea a Martina il suo sfogo. Si vedeva proprio che non ne poteva più.

Quelle parole erano uscite inaspettate, alla fine di una giornata impegnativa, che al massimo dovevano essere due chiacchiere di solidarietà intergenerazionale sui gradoni della chiesa, nella calura di luglio nella grande città. Con un gelato in mano.

Martina non poteva negare di esserne rimasta spiazzata: tutto si aspettava da quel giovane prete, tranne che una frase del genere, spiattellata con tanta veemenza.

Ma non le era per nulla dispiaciuta: «Mi sa che possiamo proprio diventare davvero amici» aveva pensato. E naturalmente gli dava ragione: spesso luoghi, tempi e proposte per chi esercita un lavoro impegnativo, per chi è condizionato da ritmi massacranti, come quelli della Grande città, dove spesso si è costretti a lavorare molto per i costi alti di vita, sono quanto di più lontano si possa immaginare da programmazioni pastorali alle volte asfissianti, che chiedono chiedono chiedono e non danno il tempo di fermarsi a guardare quello che si ha attorno.

Forse lo sfogo di don Andrea molti altri avrebbero voluto dirlo o magari anche tradurlo nel concreto ma pochi sono quelli che hanno il coraggio di renderlo esplicito.

Il disagio serpeggia nel sottosuolo: come se, soprattutto da giovani si dovesse per forza «fare i bravi». E magari in certi casi sprecare gli anni migliori inseguendo un modello di comunità cristiana che perde i pezzi e si allontana da tante persone che avrebbero magari non solo bisogno, ma anche voglia di mettersi in gioco in una comunità parrocchiale. Se solo la si potesse un po' rinnovare.

Vennero alla mente di Martina quelle parole sull'«essere cristiani dentro la postmodernità». Le vennero in mente perché partivano dall'analisi di quello che è oggi il mondo. Non proponevano di rincorrerlo per non perdere terreno, di scimmiottarne le cose peggiori per non sentirsi esclusi e «abbassare il livello» a un senso comune impregnato di consumismo.

Invocavano una povertà autentica, vissuta andando magari anche controcorrente.

Perché manca il coraggio di provare a percorrere questa strada?

 

 

 

Commenta e leggi i commenti per questo articolo


Vedi anche
05/10/2010 ROBE DI RO.BE.
Il burocrate delle «comunità pastorali»
di Roberto Beretta
11/11/2014
Sei consigli per sopravvivere alle unità pastorali
di Luca Bortoli
16/07/2010
Nomine dei preti: le buone pratiche
di Diego Andreatta
21/01/2012
E se succede che il prete sbaglia?
di Francesca Lozito
12/04/2011 ROBE DI RO.BE.
Il fervorino sui 50 anni della parrocchia
di Roberto Beretta

Versione stampabile
Invia ad un amico
Scrivi a Vino Nuovo





Francesca Lozito

Giornalista professionista, vive a Milano e si divide tra radio e carta stampata. Giornalista con la passione per la scienza e la medicina scrive su questi temi da anni per testate nazionali cartacee e online. Dal lavoro che tra il 2007 e il 2009 ha compiuto nel mondo delle cure palliative è nata la prima traduzione italiana di un'opera di Cicely Saunders, madre delle cure palliative moderne, Vegliate con me (Edb) che ha curato con Augusto Caraceni

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it