ROBE DI RO.BE.
Balena Bianca 2.0
di Roberto Beretta | 20 giugno 2011
Il problema vero è l'idea del gruppo di politici «di riferimento», cui rivolgersi quando c'è un provvedimento che sta particolarmente a cuore. Senza curarsi poi se su tutto il resto siano coerenti con il Vangelo

«Balena Bianca 2.0», o anche «Documento dei 100», oppure «Cosa Bianca». L'hanno chiamato in modi diversi, ma quasi tutti i giornali se ne sono occupati, dopo la disfatta elettorale alle amministrative che ha rimesso in gioco l'appoggio cattolico a Berlusconi.

Si tratta di una sorta di «manifesto per il buongoverno» (vocabolo molto sospetto, già usato da Silvio ai bei tempi dei suoi «Circoli», e finito come abbiam visto) che circolerebbe negli ambienti che contano nel cattolicesimo politico -­ compresi quindi quelli vaticani e della Cei ­- per chiamare a raccolta i credenti che militano nei più vari partiti politici, al fine di creare un'alleanza trasversale e - chissà - magari anche un nuovo «partito cattolico».

Non sono d'accordo, e qui dico alcune delle mie ragioni.

Anzitutto, è un'operazione quanto mai «pelosa» scaricare Berlusconi dopo una sconfitta (e dopo un paio d'anni di scandali sessuali), ma avendolo prima supportato tanto a lungo con un cinismo degno della peggior «real politik». Si ha l'impressione che - se il barzellettiere del bunga bunga fosse ancora ben saldo in sella - i monsignori «che sanno come va il mondo» non si farebbero scrupolo nel sostenerlo ancora.

Poi mi pare che l'idea della «lobby cattolica» sia un vecchio arnese quanto mai pericoloso, almeno in una società storicamente clericalizzata come l'italiana. Non vi è infatti chi non capisca che si troveranno decine di politici «cattolicissimi» disposti ad aderire finché fa loro comodo, come in una sorta di «massoneria bianca» cui ci si iscrive per barattare il proprio appoggio in cambio di altri sostegni (di voti, di carriera, di consorteria). Del resto, l'abbiamo pur visto: dichiarando la Dat «valore irrinunciabile», la Chiesa italiana si è consegnata con mani e piedi legati al suo «compratore», in cambio del silenzio su tutto il resto. E si tratta di un ricatto eticamente insostenibile: anche se la Dat fosse stata approvata.

Ma è proprio questo che i Richelieu nostrani in porpora e filetti rossi non capiscono affatto. Vivono ancora nella logica democristiana, partitocratica: a loro interessa avere in mano un gruppo di politici «di riferimento», cui rivolgersi quando hanno un provvedimento che sta particolarmente a cuore. Non gliene importa troppo se poi costoro sono coerenti con il Vangelo (tanto siamo tutti peccatori!), se praticano un cristianesimo solo di facciata (il Signore è misericordioso!), se la deferenza è dovuta a motivi strumentali o addirittura «sporchi» (la politica, si sa, è l'arte della mediazione...), e così via.

No. Dicono da anni che «ci vogliono più cristiani in politica» e una «nuova generazione di politici cattolici», ma non pensano a gente che agisca con dirittura di coscienza: preferiscono degli opportunisti che però garantiscono assoluta obbedienza al momento del voto. Sostengono che ci vuole più etica nella gestione del potere: ma poi, dal vescovo all'ultimo parroco, vanno a cercare il potente che garantisce loro il risultato voluto e al più presto (sempre «per il bene della Chiesa, beninteso...). Insomma, gli sponsor ecclesiastici della «Balena Bianca 2.0», in realtà, nei fatti della politica mostrano di non credere affatto a quanto annunciano dal pulpito: infatti vogliono «pesare», vogliono influire, alla fine vogliono vincere. E così facendo si mettono in vendita al più scaltro, o al più spregiudicato. Ben gli sta, il Vangelo li aveva avvertiti: i «figli delle tenebre» sono più furbi dei «figli della luce».

 

Commenta e leggi i commenti per questo articolo


Vedi anche
17/07/2011 PRESO IN RETE
Harry Potter e il filosofo Buttiglione
di Guido Mocellin
07/08/2013
Perché non mi piace il tormentone cattolici e Berlusconi
di Francesca Lozito
05/08/2013 ROBE DI RO.BE.
Io che Berlusconi l'ho anche votato
di Roberto Beretta
05/03/2011
Quando Martini parlò di accidia politica
di Aldo Maria Valli
17/02/2011 ROBE DI RO.BE.
I sofisti cattolici n.5 (e ultimo)
di Roberto Beretta

Versione stampabile
Scrivi a Vino Nuovo





Roberto Beretta

Roberto Beretta, giornalista e saggista. Ha scritto 25 libri, quasi tutti di argomento religioso, di «destra» (Storia dei preti uccisi dai partigiani , Il lungo autunno, controstoria del Sessantotto cattolico ) e di «sinistra» (Chiesa padrona , Le bugie della Chiesa). Gli ultimi lavori sono: Fake pope. Le false notizie su papa Francesco (San Paolo), Fuori dal Comune. La politica italiana vista dal basso (Edb), Oltre l'abuso. Lo scandalo della pedofilia farà cambiare la Chiesa? (Ancora) Ha due figli e ancora una gran voglia di dire la sua.

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it