Elogio del prete «feriale»
di Andrea Tornielli | 10 giugno 2010
Contro il rischio di trasformare il sacerdote nell'esteta della perfezione rituale o nel super manager torniamo a stupirci del miracolo di una Chiesa quotidiana

Si conclude l'Anno sacerdotale, che Benedetto XVI aveva indetto per riportare al centro dell'attenzione il sacerdozio ordinato e l'esempio del Santo curato d'Ars, e che ha coinciso con la bufera dello scandalo-pedofilia e con una rappresentazione spesso distorta della realtà della Chiesa.
Credo che sia utile tornare con la memoria alle storie di ciascuno di noi, e ai tanti esempi di bravi preti che abbiamo incontrato. Penso al parroco che ha sposato i miei genitori, battezzato me e mio fratello, che mi ha preparato alla prima comunione e poi alla cresima, che conosce a memoria i numeri civici dei suoi parrocchiani, sempre presente e sempre disponibile, pronto a confessarti e persino a prestarti la macchina quando dovevi andare a trovare la fidanzata... Preti che ci hanno insegnato che cosa significhi vivere in Dio, con Gesù e per i fratelli, esempi di dedizione, pur con i loro mille difetti umani.
Vittorio Messori, parlando dei sacerdoti, ha espresso la sua gratitudine per questi uomini che - nonostante mediocrità e angustie - «tengono aperte le infinite chiese del mondo, dove si celebrano le messe di ogni giorno e quelle per le tappe fondamentali della vita di ciascuno: battesimi, matrimoni, funerali. Chiese dove talvolta c'è anche il dono - ché tale è - di un vecchio confessore che attende paziente per renderci certi, se solo lo vogliamo, del perdono di Cristo; dove ci sono panche, penombra e fiori, silenzio, lumini accesi, anche opere d'arte, se l'edificio è antico; dove, forse, è restato persino un sentore di incenso; dove chiunque può entrare, restare quanto gli aggrada, pregaro o pensare o anche solo sostare senza che nessuno gli chieda conto del suo essere lì o lo importuni, perché non si è tolto le scarpe o non si è calcato lo zucchetto in testa o non ha uno scialle sulle spalle... Ho affetto, stima e direi pure tenerezza per gli uomini che chiamo "feriali", di una Chiesa anch'essa feriale».
Immagine forse troppo idilliaca o infantile? Non credo. Nell'epoca in cui si rischia talvolta di trasformare il prete in esteta della perfezione rituale (con la mania dei paramenti old stile e la moda dei pizzi e merletti, come se risiedesse lì l'autentico spirito della liturgia) oppure in perfetto manager capace di organizzare e di gestire online la sua parrocchia, c'è forse bisogno di tornare a stupirci per il miracolo di una Chiesa «feriale», fatta di poveri Cristi che quotidianamente agendo in persona Christi ci donano i sacramenti aprendo la via della grazia. E ogni giorno sono là ad aspettarci se solo lo vogliamo.

Commenta *






Versione stampabile
Scrivi a Vino Nuovo





Andrea Tornielli

Andrea Tornielli, è il vaticanista del quotidiano Il Giornale. Classe 1964, laurea in storia della lingua greca, sposato e padre di tre figli. È autore di numerosi libri su temi religiosi: il più recente è Sindone. Inchiesta sul mistero, edito da Gribaudi. Vive tra Roma e Milano. Cura sul sito del suo giornale il blog Sacri Palazzi.

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it