Luigi Accattoli

Luigi Accattoli già giornalista della Repubblica (1976-1981) e poi del Corriere della Sera (1981-2008), ora collabora al Corriere della Sera, a Liberal. Scrive per la rivista Il Regno da 37 anni. Modera il blog www.luigiaccattoli.it

leggi gli articoli »
La libreria di VinoNuovo
La fragilità di Dio
Di generazione in generazione

in collaborazione con


vedi la libreria»

Bastava che ci guardasse
scelto da Luigi Accattoli | 04 aprile 2011
«Bastava che ci guardasse ed eravamo guarite»
di una donna musulmana algerina che era stata curata nel monastero di Thibirine dal padre Luc e che va ancora lì per gratitudine: le parole sono riferite da Jean-Marie Lasausse nel volume «Il giardiniere di Tibhirine»

Tibhirine vuol dire "piccolo giardino". Da quando i sette monaci trappisti francesi furono uccisi nel 1996 il monastero e il giardino restarono abbandonati per alcuni anni ma a partire dal 2001 sono tenuti aperti e curati da Jean-Marie Lasausse, un prete della Missione di Francia, agronomo e allevatore, che parla l'arabo e che è divenuto buon amico della popolazione locale alla quale volentieri presta il trattore del monastero e fornisce consigli sulla coltivazione dei campi e l'allevamento del bestiame. Lasausse svolge il suo racconto nel volume Il giardiniere di Tibhirine tradotto ora dalla San Paolo e presentato da Cecilia Sangiorgi con un'intervista all'autore il 3 aprile a Frontiere dello Spirito di Canale 5. Nell'intervista il padre Jean-Marie ha narrato l'ottimo rapporto che in dieci anni di presenza ha potuto stabilire con la comunità musulmana, nella memoria della "vicinanza umana, fraterna e conviviale" che gli abitanti del villaggio ebbero con i monaci martiri. "Abbiamo sempre visitatori, che al 60% sono musulmani e vengono per riconoscenza al padre Luc che li curava nella foresteria del monastero. Vengono le donne che qui partorirono e che dopo venti o trent'anni serbano ancora un ottimo ricordo dell'assistenza che qui ricevettero".

 

Commenta e leggi i commenti per questo articolo


Vedi anche
05/11/2010 uno dei monaci di Tibhirine nel film «Uomini di Dio» del regista Xavier Beauvois. Lo dice agli abitanti del villaggio che chiedono loro di restare nonostante la minaccia islamista
Siamo come uccelli sul ramo
di Luigi Accattoli
03/11/2010
Perché conquistano gli «Uomini di Dio»
di Maria Elisabetta Gandolfi
08/06/2011
Gossip o "I care"
di Maria Teresa Pontara Pederiva
01/04/2013
Quella Pasqua senza corpo
di Gilberto Borghi
30/05/2011
Era proprio necessario?
di Stefania Falsini

Versione stampabile
Invia ad un amico
Scrivi a Vino Nuovo





Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore.
www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi
un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001
Web Design www.horizondesign.it