Fantaecclesia/ 2
A Natale aiuta un editore: regala un libro
di Fabio Colagrande | 18 dicembre 2018
Consigli editoriali conciati per le feste

Con l'approssimarsi del Santo Natale i luminosi scaffali delle ridenti librerie cattoliche si riempiono di allegri tomi illustrati pronti a deliziare le nostre vacanze invernali, denominati 'strenne' natalizie con chiaro riferimento agli animali cornuti che tirano la stslitta di stBabbo StNatale. Le case editrici specializzate approfittano infatti di questo ameno periodo per offrire sul mercato imperdibili volumetti, utili come oggetto regalo o come fermaporta.

Spiccano quest'anno nell'offerta festiva alcune chicche che ognuno di noi, compresi i nostri fedeli cagnolini, si augura di trovare sotto l'albero. Ecco un rapido elenco stilato dal vostro recensore di fiducia.

"Papa Bergoglio, gli asparagi e l'immortalità dell'anima", di Sandro Maria Tortorelli, con prefazione del card. Invasi e postfazione di P. Spadaccia, si candida senza dubbio a essere il best-seller del Natale 2018. L'autore ha impiegato due anni per realizzarlo: ventitré mesi per trovare un tema del Pontificato che nessuno avesse ancora esplorato e poi un mesetto per buttarlo giù facendo molto copia-incolla. Contiene una ricetta inedita per il soufflé di asparagi dello zio prete dello chef Cannavacciuolo.

"Via con l'Avvento", è invece il sagace titolo del nuovo avvincente saggio di padre Alberto Neri in cui l'autore, forte del suo cipiglio mistico e della sua esperienza monastica, ci aiuta con alcuni pratici consigli spirituali a fuggire dal consumismo del Natale. 'Comprate questo libro e non comprerete nient'altro' è il paradossale sottotitolo dell'avvincente guida disponibile anche nell'edizione deluxe con copertina in pelle, brossura fresata e illustrazioni a colori a soli 75 euro.

'Mollalo e non sarai più sottomessa' è invece il nuovo attesissimo libro di Mariana Costanzi che ci regala un'ennesima perla della sua fortunata saga letteraria, capace, con un linguaggio divertente e ironico di denunciare i luoghi comuni vetero-femministi e ridare alle donne il giusto spazio nella Chiesa: la sacrestia e la cucina.

"Come ti smonto il presepe" è invece l'agile e pungente (come l'agrifoglio) manualetto di Martina Piddina rivolto alle dirigenti scolastiche laiciste, compreso di consigli pratici per lo smaltimento della stagnola e il riciclo del muschio, ispirati ai criteri ambientalisti della Laudato sì.

Chiude la carrellata la prestigiosa autobiografia del celebre vaticanista Eugenio Messali: "Quando il Papa mi intervistò". L'autore, con la sua proverbiale modestia, ripercorre cinquant'anni di storia italiana da una prospettiva originale e vincente: la sua.

 

 

 

21/12/2018 08:43 Sara
A proposito sempre di editoria: lo so che nessuno legge i miei messaggi o tanto meno li commenta, ma tanto nessuno legge nemmeno più i quotidiani e pace e bene lo stesso.


"Gli domando come cambierà l’Osservatore. Risposta: “Un po’ di melassa in più, meno elucubrazioni teologiche, copiose articolesse sui giovani che tutto cambieranno, sguardi intesi alle periferie. Cose così”. "



https://www.ilfoglio.it/roma-capoccia/2018/12/20/news/l-osservatore-romano-dei-giovani-230123/

Speriamo non abbondino con la glassa, non è mai un rimedio al fatto di non volersi veramente bene.



20/12/2018 20:47 Sara
A proposito dall'articolo che ho linkato io mi riconosco nella posizione del tradinistas:


"These unusual Catholics, to put it politely, combine the aesthetic sensibilities of a French royalist with the political instincts of a Cuban apparatchik. Originally used to refer to a small band of committed Latin-Mass Marxists, the term now refers to anyone attempting to reconcile theological orthodoxy with Leftist politics, such as Washington Post columnist Elizabeth Bruenig. Tradinistas hold liberalism responsible for the collapse of Christendom and see capitalism as incompatible with Catholic social teaching. On the grotesque failures of socialism, and its condemnation by successive popes, they prefer to observe the monastic tradition of “the Great Silence”. Tradinistas have a sense of humour, but it fails them when fellow Catholics giggle at their intellectual contortions."

Mi riconosco anche nella foto con il gonnellone, gli occhiali e il baschetto da secchiona un po' fuori dal mondo.

Leggetelo anche voi e dichiarate la vostra appartenenza se vi va.

:-)



20/12/2018 14:52 Giorgio Gatta
Nello Scavo:"...Sull'invasato possiamo pure essere d'accordo..."

Che meravigliosa battuta!!!
E' veramente un peccato che i cattolici non capiscano l'ironia!

Nello Scavo for President!



20/12/2018 14:30 Sara
“Satana è nella Chiesa” (Paolo VI). La vuole chiusa al mondo e ferma al Concilio di Trento. Ostenta rosari, celebra con la faccia al muro, cita apparizioni e profezie, delegittima il papa. Si tradisce, però, per la puzza dell’orgoglio. L’umiltà Satana non la può fingere."

Commento di Sorge, esimio gesuita, vicino a sua eccellenza il grandissimo e reverendissimo sommo pontefice Francesco I.

C'è un disprezzo reciproco che va al di là della differenza di opinione, un fossato, un abisso in mezzo ai due schieramenti, e poi passi i laici ma i consacrati?



Un giornale anglosassone si è divertito a spulciare tra le tribù dei cattolici, perennemente in lotta tra loro:


"Team Francis are a group of academics and journalists who invested heavily in the pontificate of Pope Francis and are doing everything in their power to boost his share price. Unfortunately, their near-worship of the pontiff (which must embarrass him) is having the opposite effect.

They may not realise this, as they have worn their fingers to the bone pressing the “block” button on Twitter as soon as they are challenged."

https://catholicherald.co.uk/magazine/the-time-of-the-tribes/

Pensate che la gente non legga quello che scrivete su Twitter? E il Papa lo sa come si comportano i suoi sostenitori?

Io ho sempre detestato certi ratzingeriani ma Benedetto XVI non ha mai dato incarichi alla Raffaella, al contrario aveva un portavoce elegante ed educato come Federico Lombardi.

Perché, come diceva De Gregori, "un giocatore lo vedi dal coraggio, dall'altruismo e dalla fantasia".

Buon Natale.



20/12/2018 13:28 Giorgio Gatta
Nello Scavo, non vorrai mica fare concorrenza a Fabio Colagrande, con le battute e l'ironia? Lo sai che noi cattolici non siamo abituati all'autoironia!
Se poi oltre a voi due se ne aggiungono altri di intellettuali a darci dentro con la comicità sai che scandalo!
Altro che Bergoglio che ha ridotto la Chiesa a una "barzelletta"...
Ti immagini una Chiesa senza i valori, inderogabili, improcastrinabili...(insomma non mi ricordo più la dicitura giusta) dove andremmo a finire??
Vabbeh dai, per quanto mi riguarda, continuate così che siete dei grandi!



20/12/2018 10:20 Nello Scavo
Dopo tutta la fatica che faccio per non passare inosservato, ancora c'è chi storpia il mio nome. Sull'invasato possiamo pure essere d'accordo. Però, cara Sara, scriva bene, anche tutto in maiuscolo, così sembro ancora più invasato: NELLO SCAVO. Altrimenti perdo follower...... un sauto e Buon Natale, nello schiavo ;-)


20/12/2018 08:38 Sara
E anche sulla nomina di Tornielli....
Bergoglio per una volta poteva chiamare un pontiete e non il solito ultrà.



20/12/2018 08:36 Sara
A proposito di media:ieri ho buttato l'occhio su Twitter di Bartolomeo Sorge sono rimasta basita per i toni arroganti e saccenti.
Nello Schiavo in compenso sembra un invasato, é vero che da quando leggo Berretta su vino nuovo non compro più Avvenire ma casomai mi venisse voglia di rifarlo ieri mi è passata la voglia nei secoli dei secoli.
Ma cosa è preso ai cattolici? In lotta perenne tra schieramenti con la voglia solo di schiacciare l'avversario. Dai tradizionalisti te lo aspetti pure perché si sa che hanno un'idea autoritaria della Chiesa, ma i misericordioso cosa hanno da essere sempre così cafoni e ostili?
Sanguina il cuore, viene voglia di buttare tutto.



18/12/2018 17:53 Sara
A Papa Francesco piace andare sul sicuro....


18/12/2018 17:43 Pit Bum
In tema: complimenti a Tornielli x incarico in Vat
( particolarmente apprezzato: “i fatti prima di commentarli”
Roba poco comune in Iralia👹👹



18/12/2018 15:32 Sara
Per un attimo ho pensato fossero libri veri....


18/12/2018 15:02 Lena
Pit Bum sei troppo forte! Finalmente una voce fuori del coro dei soliti intruppati sdolcinati commenti.


18/12/2018 13:01 Pit Bum
Mai come qs anno VN è denso di profumi e sapori ALTI! Complimenti 😍
Aggiungo uno sbarluffo di senso:
Stamane su radio 24 parla il Presidente della Regione Calabria.
( PR, agli arresti domiciliari 👹, )
Se la prendi con i luminari dell’anti-mafia...
( e si capisce che ce l’ha con Grattteri, il numero UNO
a livello MONDIALE degli investigatori, stimatissimo negli USA
Per la sua guerra contro il commercio internazionale di droga,
in mano alla ndrangheta😭 ) proclama la sua innocenza e chiama a
Testimone: chi?
GESÙ CRISTO.
Oramai è un classico tirarLo x la giacchetta..
Gradirei un BASTA da parte della mia Chiesa.
Grazie.



Commenta *






Versione stampabile
Invia ad un amico
Scrivi a Vino Nuovo





Fabio Colagrande

Fabio Colagrande, nato a Roma a metà dei favolosi anni Sessanta, lavora da vent'anni alla Radio Vaticana come giornalista e conduttore di programmi in diretta. Collabora con L'Osservatore Romano e altre testate cattoliche. Per alcuni anni, ai microfoni di Radio Due, si è occupato di cultura e intrattenimento.

Autore, regista e attore di teatro, per diletto, nel 1995 ha fondato una compagnia tuttora sulla breccia. Felicemente sposato, ha due figli, che spera mettano su un gruppo rock e lo facciano cantare, ogni tanto. Cura un blog personale intitolato L'anticamera del cervello.

 

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it