Nell'arte
Il piacere di offrire
di Gian Carlo Olcuire | 21 ottobre 2018
Talvolta – per un malinteso – si dà la preferenza al piacere di soffrire, dimenticando che, più delle fatiche degli allenamenti, conta mettersi in gioco.

SERVIRE E DARE LA VITA

(Emanuele Luzzati, 1985, per il libro Un rabbi che amava i banchetti di Enzo Bianchi, ed. Marietti)

 

«Il Figlio dell'uomo... non è venuto per farsi servire, ma per servire e dare la propria vita in riscatto per molti» (Mc 10,35-45)


Ogni tanto, anche lontano dalla Quaresima, è salutare mettersi davanti al crocifisso... giusto per rinfrescare che il Figlio dell'uomo è venuto per dare la vita.

Quella morte non è stata cosa lieve. Eppure un artista visionario è riuscito nell'impresa di trasfigurarla, di toglierle peso, facendo pensare che - al di là del dolore - nascondesse una felicità. Perché serviva a qualcosa. Così recita il testo di Enzo Bianchi che accompagna l'immagine: «Noi dobbiamo cercare di vedere la morte di Gesù non solo con i nostri occhi ma con gli occhi di Dio. Gesù fisicamente piangeva, urlava, ma nel suo spirito danzava di gioia perché l'uomo era da lui riconciliato con Dio. In tre anni era riuscito a spiegare chi era Dio, almeno a quelli che avevano vissuto con lui, dicendo loro: "Il vostro Papà che è nei cieli, il vostro vero Papà, è uno che dà la vita per voi"».

«Nel suo spirito danzava di gioia» dice quale debba essere lo spirito del servizio. Che, se è solo incentrato sul sacrificio, sulla strada in salita, sulla fatica dell'essere cristiano, non può che indurre a misurare la fede dalla quantità di sofferenza patita.

Invece sarebbe più utile un termometro per misurare la temperatura dello spirito: per verificare, cioè, l'entusiasmo verso Dio e i fratelli, la voglia di vivere la vita e di impegnarsi a fare del proprio meglio. In altre parole, la temperatura che hanno Gesù e Zaccheo nel loro incontro, quando uno ha voglia di far festa e si autoinvita a casa dell'altro senza porre condizioni; e l'altro, dopo aver regalato ai poveri la metà dei propri averi, restituisce ciò che ha rubato moltiplicato per quattro. O la temperatura di Gesù e dell'adultera, schiacciata dalla colpa e da chi la incolpa, quando lui la rimette in piedi facendola sentire leggera col perdono (e chiedendole di non peccare più)...

Non ci sembri leggero, questo Gesù sorridente di Luzzati. Ci aiuti semmai a capire che di leggerezza, di agilità e di scioltezza c'è bisogno, quando ci si vuole far carico della croce di un altro. O quando si dà il perdono, regalo assoluto che non chiede nulla in cambio perché non rientra nella giustizia.

Eppure il perdono è sempre temuto: si pensa di compiere «una leggerezza» o si ha l'impressione di darlo «a cuor leggero» a un insolvente («Ma come? Se la cava così, senza pagare?»). E si perde tempo a disquisire su fino a che punto sia lecito spingersi, su chi debba fare il primo passo, su quali condizioni porre, sulle tappe per arrivarci gradualmente... Per cui il perdono finisce per sembrare un atto catastale a Roma, cioè qualcosa di pesantissimo e di lentissimo, e alla fine viene percepito come una concessione. Mentre si dovrebbe essere capaci di darlo e basta, con un gesto atletico, dicendo le parole più liberanti che ci siano: «Non mi devi nulla». Un gesto imparato sì negli allenamenti quaresimali, ma da fare in scioltezza nel giorno della partita. Col pensiero rivolto non alla fatica ma al gioco, alla bellezza del rientrare in relazione, al desiderio di vita nuova, alla gioia di dire: «Ora siamo più leggeri tutti e due».

C'è da imparare, infine, a perdonare col sorriso, uscendo da un cliché di seriosità e di sofferenza. Come insegna il Gesù di Luzzati, che ha un avo illustre nel Cristo crocifisso dell'Abbazia di Lérins, sull'isola di Saint Honorat.

 

 

24/10/2018 09:27 anna
Grazie per questa bella immagine che non conoscevo. Credo che dietro a questo sorriso dolce ci sia la gioia di ritornare al Padre.
Mi viene anche in mente la gioia di una madre che vede suo figlio, dopo le sofferenze del parto:" gioia e dolore hanno un confine incerto, nella stagione che illumina il viso" (dice De Andrè)
Nella preghiera di offerta dell'Apostolato della Preghiera noi offriamo le preghiere, le azioni, le gioie e le sofferenze: è un ordine non casuale. Le sofferenze sono all'ultimo posto, non perchè siano poco importanti ma perchè abbiamo molto da offrire. Bisognerebbe cambiare paio di occhiali per imparare a riconoscere le gioie di ogni giorno.



21/10/2018 14:15 Pietro Buttiglione
Io, sorry, ma non capto gioia NEL Crocifisso.
Sono abbacinato dalla Sua sofferenza ( “allontana, se vuoi....)
Invece sono IO pervaso talvolta da vera gioia dal Crocifisso,
atto sublime sia di coerenza con tutta la Sua vita,
Sia di grandissima, smisurata Umanità ( cfr la spiritualità di Chiara Lubich sul Crocifisso..)
Davvero un Dio così non ce lo meritavamo, non ce lo meritiamo!
E, alla buon’ora, non è un dio dai grandi raduni nè da sinfonie bachiane nè da elucubrazioni filosofiche..è solo Quello che ti fa esclamare: “ Solo in Te, o Dio, riposa l’anina mia...



21/10/2018 09:04 Antonella Patrizia Mazzei
Molto bello, come sempre, questo commento. Mio padre mi scrisse, in una lettera, una frase che ho scelto come suo epitaffio: "La fede, credimi, è una gioia!" e si riferiva alla fede-fiducia nel Crocifisso Risorto. Nella mia vita ho potuto sperimentarne la verità: sentirsi profondamente amati di Amore eterno dà uno slancio e una forza capaci di superare ogni avversità e apre, quasi naturalmente, agli altri dei quali non si ricerca tanto l'approvazione e la gratificazione quanto la partecipazione e la condivisione del peso dolcissimo dell'Amor che tutto muove...


Commenta *






Versione stampabile
Invia ad un amico
Scrivi a Vino Nuovo





Gian Carlo Olcuire

Gian Carlo Olcuire è un grafico. Che si sente realizzato quando riesce a far guardare le parole come se fossero immagini e a far leggere le immagini come se fossero parole. Lavora soprattutto per il mondo cattolico ed è appassionato di linguaggi, soprattutto dell'uso (o abuso, disuso, riuso) che se ne fa nel mondo cattolico.

 

 

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it