Il tema del mese
Pedofilia oltre lo scandalo
di La redazione di VinoNuovo | 03 settembre 2018
Quale bene (e come) può derivare al nostro modo di essere cristiani dallo scandalo della pedofilia?

Riprendiamo dopo la pausa estiva il Tema del mese, sempre con un argomento "caldo": la pedofilia nella Chiesa. Ma vogliamo affrontarlo da un punto di vista meno scontato della sia pur doverosa condanna e deprecazione. Il Vangelo infatti, in un passaggio rimasto oscuro, afferma "Oportet ut scandala eveniant", bisogna che avvengano gli scandali. Dunque la domanda "secca" del mese è: 

Quale bene (e come) può derivare al nostro modo di essere cristiani dallo scandalo della pedofilia?

Chiunque lo desidera - sia tra gli autori di VinoNuovo sia tra i lettori - può partecipare inviando il proprio contributo (anch'esso breve e concreto...) all'indirizzo mail iltemadelmese@gmail.com; la redazione lo pubblicherà nella forma grafica identificata dal colore sullo sfondo.

Le regole per partecipare, oltre a quelle di concisione ed educazione comuni a qualunque blog, sono semplici: la pertinenza (attenersi alla domanda, NON ad eventuali altri testi già pubblicati) e la possibilità di intervenire di norma una sola volta.

Man mano che verranno pubblicati i link agli articoli saranno pubblicati anche qui sotto:

Imparare ad accettare anche il peccato di GILBERTO BORGHI

Forse abbiamo un'idea troppo alta del prete di GHISLAIN LAFONT

Distinguere Vangelo e potere di CRISTINA BERNARDIS

Che non finisca come Tangentopoli... di ROBERTO BERETTA

Ai preti dobbiamo voler più bene di CHIARA BERTOGLIO

La preghiera dei fedeli che non c'è di MARIA ELISABETTA GANDOLFI

Costruire comunità di fede di MARIA TERESA PONTARA PEDERIVA

Pedofilia la nostra parte come laici di GABRIELE COSSOVICH

04/09/2018 17:55 Agnese
Proposta: un anno sabatico /sospensione di tutte le attività pastorali e accademiche della chiesa. PREGHIERA E SILENZIO uniche "attività".
La mia è evidentemente una proposta provocatoria (per chi è in grado di coglierla).

La preghiera con tutto ciò che implica :liturgia ecc.. la gente non sa cosa farsene. Io non ne sono convinta. Un anno di "purificazione" nella relazione (preghiera) con il Signore è il dna del nostro essere cristiani. Tutto ma proprio tutto nella chiesa scaturisce da ciò. Una scelta simile non è da bigotti o ignoranti ma sarebbe uno scatto in avanti...solo che ci vuole coraggio un coraggio che solo lo Spirito può suscitare.



04/09/2018 15:05 Pietro Buttiglione
@Agnese
SE il probl fosse la lotta tra una struttura, costruita da Costantino fino allo stato della Chiesa, con centro in Vaticano, che lotta x non essere eliminata, leggi la Storia, porta Pia, il Modernismo, il Vat II, gli appartamenti, ecc..
sai cosa se ne fa sta gente del tuo anno sabbatico?? Davvero Peyrefitte aveva esagerato? Quanti anni fa??



04/09/2018 14:11 Agnese
Scrive Francesco: "abbiamo costruito comunità, programmi, scelte teologiche, spiritualità e strutture senza radici, senza memoria, senza volto, senza corpo, in definitiva senza vita." la dimensione del problema non si può ridurre al comportamento deviato del singolo. Ma investe il sistema chiesa, le sue strutture. Il problema è sistemico, strutturale, teologico.

Sottoscrivo totalmente. Nella realtà soprattutto a livello di chiese locali si va avanti come niente fosse.
Proposta: un anno sabatico /sospensione di tutte le attività pastorali e accademiche della chiesa. PREGHIERA E SILENZIO uniche "attività".



03/09/2018 08:25 salvo coco
Omertà, complicità ed occultamento non sono solo responsabilità del singolo ma sono anche responsabilità della chiesa. Lo esprime chiaro e tondo Francesco nella recente lettera al Popolo di Dio. Il clericalismo ha modellato lungo i secoli la chiesa. Scrive Francesco: "abbiamo costruito comunità, programmi, scelte teologiche, spiritualità e strutture senza radici, senza memoria, senza volto, senza corpo, in definitiva senza vita." la dimensione del problema non si può ridurre al comportamento deviato del singolo. Ma investe il sistema chiesa, le sue strutture. Il problema è sistemico, strutturale, teologico. Ed è proprio per questo motivo che Francesco è attaccato. Perché lui ha capito che la questione è strutturale (vedesi le sue denunce conto il clericalismo e contro la curia romana) ed intende affrontarla "ad ogni costo". Sarebbe bene che che ne rendessimo conto anche noi! Ed iniziassimo con maggior vigore a portare avanti il rinnovamento della chiesa avviato timidamente 50 anni fa con il concilio.


Commenta *






Versione stampabile
Invia ad un amico
Scrivi a Vino Nuovo





Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it