Quella smania sul successore di Tettamanzi
di Giorgio Bernardelli | 09 febbraio 2011
Sia quelli pro sia quelli contro il «rito ambrosiano» si agitano sopra le righe sulla nomina del nuovo arcivescovo di Milano. Ennesimo esempio dei danni provocati dal clericalismo

Non c'è vaticanista che si rispetti che in queste ultime settimane non abbia detto la sua su Milano. Si avvicina, infatti, il 14 marzo, il giorno in cui il cardinale Dionigi Tettamanzi compirà 77 anni e scadranno dunque i due anni di proroga del mandato stabiliti dal Papa per il porporato brianzolo al compimento del canonico settantacinquesimo anno d'età. C'è addirittura un collega - Paolo Rodari, del Foglio - che si è messo in testa di farci una specie di cronaca minuto per minuto della nomina del successore di Ambrogio. Non si spiegherebbe altrimenti l'articolo con cui qualche giorno fa ci ha reso edotti delle lettere che - come prassi per qualsiasi nomina episcopale - il nunzio ha inviato in giro in vista della predisposizione del fascicolo su cui discuterà la Congregazione per i vescovi, prima di presentare le candidature al Papa.

Sono tutti col fiato sospeso per questa nomina. Quelli che da tempo hanno deciso che la Chiesa di Milano è diventata una sorta di setta degli Esseni, con riti e parole d'ordine proprie. E che ora, dunque, è arrivato il momento di ricondurre all'ovile di Santa Romana Chiesa, premessa indispensabile perché sotto la Madonnina la fede possa ritornare «ai fasti d'un tempo». Ma sono in fibrillazione (e secondo me è ancora peggio) anche quelli che nell'arcidiocesi di Milano stessa alla setta degli Esseni ci credono davvero e quindi scrutano i segnali di fumo in arrivo da Roma auspicando che il nuovo pastore sia «sulla lunghezza d'onda» dei due che lo hanno preceduto. O anche quelli che - a Milano o altrove - stanno con le antenne alzate perché sostengono che dalla scelta del successore di sant'Ambrogio «dipenderanno gli equilibri della Chiesa italiana».

Da milanese lasciatemi dire che questa eccitazione sopra le righe per quello che sarà il mio nuovo pastore mi sembra la prova più provata dei danni provocati dal clericalismo alla Chiesa italiana. Sono fiero di essere cresciuto nella Milano del cardinale Martini (che noi ex giovani ambrosiani cresciuti alla sua scuola ricordiamo per averci messo tra le mani la Parola di Dio, molto più che per la «Cattedra dei non credenti» a cui certi commentatori riducono i suoi oltre vent'anni di episcopato). E sono altrettanto fiero di aver avuto per arcivescovo in questi anni il cardinale Tettamanzi (che abbiamo amato per l'attenzione a ogni persona concreta come immagine di Dio, che con forza in questi anni ha saputo trasmetterci). Eppure confesso di non perdere il sonno al pensiero di chi verrà dopo di loro. Sono convinto infatti che resti vera l'immagine del vescovo di cui parla la Lumen Gentium, la costituzione del Concilio Vaticano II in cui si racconta il mistero della Chiesa. Beh, almeno lì dentro il vescovo non è descritto come superman o il leader maximo: è il pastore che serve il suo gregge. E proprio nel paragrafo che parla del suo compito di governare sulla diocesi che gli è affidata, il Concilio si premura di ricordargli persino che tra i suoi compiti c'è quello di ascoltare il popolo di Dio.

Il vescovo che arriva e mette tutto a posto oppure il vescovo che detta la sua linea esistono solo nella testa di chi non ha capito che la Chiesa è una cosa un po' più complessa di una partita a Risiko. Perché un vescovo è tale solo se sa camminare insieme al suo gregge. Se entrambi sanno lasciarsi almeno un po' cambiare l'uno dall'altro. Perché anche la nostra Chiesa ambrosiana ha le sue contraddizioni e allora ben venga un nuovo pastore che con un passo un po' diverso ci scuote e ci aiuta a provare a superarle. Ma Milano è anche una piazza che i suoi vescovi non li lascia troppo tranquilli: è una città e una Chiesa che provocano, come hanno sperimentato bene sulla loro pelle gli stessi sant'Ambrogio e san Carlo.

Per questo io ho una sola preghiera riguardo al mio nuovo arcivescovo: che il Papa abbia il coraggio di osare. Mi piacerebbe che fosse un pastore non troppo collaudato, uno che ha ancora voglia di imparare a fare il vescovo. Perché è vero, questa è una diocesi un po' particolare: è grande (probabilmente troppo: per visitare tutte le parrocchie ci vogliono una decina d'anni), il suo arcivescovo è sempre sotto i riflettori. Ma alla fine ciò che conta non è se dice tutto giusto o se buca lo schermo, ma se sa farsi amare da questa gente.

Adesso spero che qualcuno non si metta a radiografare queste ultime righe per individuare chi è il candidato per cui fa il tifo Vino Nuovo. Non ne ho la più pallida idea. E me ne vanto.

 

Post scriptum per Paolo Rodari:

Tu che hai fonti molto migliori di tutti noi e anticipi le decisioni in arrivo dai Sacri Palazzi, perché non le usi per occuparti di un'altra nomina delicata sulla quale chi racconta il Vaticano sta clamorosamente dormendo? Mi riferisco a quella del successore del vicario apostolico d'Anatolia, Luigi Padovese, ucciso il 3 giugno scorso. Al Sinodo per il Medio Oriente - in ottobre - l'arcivescovo di Smirme Ruggero Franceschini, sotto la cui giurisdizione si trova oggi la sede lasciata vacante dal vescovo martire, fece un intervento a dir poco accorato sull'argomento. «La situazione pastorale e amministrativa del vicariato dell'Anatolia è grave - disse Franceschini -. I motivi sono: 1) Le divisioni all'interno della comunità cristiana, già fragile di per sé; 2) La gestione dell'economia di tutto il vicariato; 3) La gravissima scarsità di personale missionario. Cosa chiediamo alla Chiesa? Semplicemente quello che ora ci manca: un pastore, qualcuno che lo aiuti, i mezzi per farlo, e tutto questo con ragionevole urgenza. (...) La Chiesa di Anatolia è a rischio di sopravvivenza, e questa è una situazione di cui vi faccio partecipi con un tono di gravità e urgenza». Succedeva ormai tre mesi fa. Eppure nessun vaticanista si è mai filato questa storia. Non è che forse i cristiani della Turchia interessano solo quando c'è un morto da piangere?

Commenta e leggi i commenti per questo articolo


Vedi anche
03/10/2012
Diario di un addio
di Aldo Maria Valli
30/06/2011
Meno male che non è Mourinho
di Giorgio Bernardelli
27/09/2012 Carlo Maria Martini, cardinale, in dialogo con il giornalista Aldo Maria Valli che si scusava per il fatto che un suo servizio riguardante il cardinale era stato "respinto" dalla direzione del Tg1
Quando una bocciatura può giovare
di Luigi Accattoli
29/08/2013
Un anno senza Martini
di Francesca Lozito
10/09/2012
Quei lumini accesi davanti a Martini
di Francesca Lozito

Versione stampabile
Invia ad un amico
Scrivi a Vino Nuovo





Giorgio Bernardelli

Giorgio Bernardelli, giornalista della rivista Mondo e Missione e del sito mondoemissione.it, ha lavorato per dieci anni alle pagine di informazione religiosa di Avvenire, quotidiano con cui tuttora collabora oltre che con il portale internazionale di informazione religiosa VaticanInsider. Porta nel cuore Gerusalemme, città a cui ha dedicato diversi libri e che racconta nella rubrica La porta di Jaffa sul sito www.terrasanta.net.

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it