Nuovo piccolo catechismo sul peccato/8
Il perdono e la penitenza
di Gilberto Borghi | 22 agosto 2018
Ciò che smuove il peccatore dalla sua durezza e rende possibile il pentimento, non è l'angoscia dell'essere colpevoli, ma la bellezza di poter essere ancora amati, e perciò capaci di amore, nonostante il peccato

Il perdono. Non tanto quello che un cristiano deve ai suoi fratelli, ma piuttosto quello che Dio ci offre, quando veniamo perdonati dai nostri peccati. E' innegabile notare che la teologia tradizionale, soprattutto dopo il concilio di Trento, ha analizzato e individuato in modo preciso le condizioni umane necessarie e gli effetti spirituali del perdono di Dio. Su questo le vulgate delle teorie espiatoria e del riscatto, affermano che da parte del peccatore c'è un debito da pagare e un male da espiare. Ovvio quindi che questo debba prendere forma in una "disposizione" d'animo che mostri il desiderio di ricevere il perdono e, successivamente, in una "penitenza" che renda materiale il pagamento e l'espiazione.

In realtà, la teologia classica ha individuato la disposizione d'animo nel pentimento, che si sostanzia nella cosiddetta "contrizione del cuore". E' parola strana e desueta questa, che sta ad indicare lo sbriciolamento del "cuore duro" del peccatore. Ma nelle due vulgate la contrizione diventa percezione del dolore per il male provocato, che si impossessa dell'anima del peccatore, muovendolo così a chiedere il perdono a Dio, che allora lo concede. Essere perdonato, secondo questa logica è solamente essere ripristinato nella relazione con Dio, riottenere un canale di accesso al suo amore. Ma il male commesso resta, non si può annullare e perciò, per riequilibrare il senso della giustizia calpestata, dopo aver ricevuto il perdono di Dio, la persona sarà chiamata ad una penitenza che sia - in qualche modo - adeguata al male commesso.

In questa logica, il pentimento sarebbe precedente all'incontro rinnovato tra la persona e Dio. Anzi, solo dopo questo rivolgimento dell'anima, prodotta dalla percezione del male commesso, la relazione d'amore col Signore si potrebbe ripristinare. Ma visto così il pentimento è frutto di un lavoro interiore che si svolge solo tra l'uomo, il suo peccato e il male prodotto. Inoltre, se dopo il perdono resta necessaria la penitenza per restaurare la giustizia, significa che il perdono di Dio, in sé non basta a ricucire la ferita dell'amore provocata dal peccato, non agisce con potere sufficiente.

Nella Bibbia il pentimento, invece, è sempre frutto dell'opera di Dio nella persona, dell'incontro con Cristo, che anticipa e rende possibile, poi, il rivolgimento interiore di riapertura del peccatore, non lo segue. (cfr. At 9,3-5) E la penitenza non ha lo scopo di "pagare" un debito, ma quello di crescere nell'amore: "Va, e non peccare più". (Gv 7,11). E il magistero: "La giustificazione fa seguito all'iniziativa della misericordia di Dio che offre il perdono. (...) Sotto la mozione della grazia, l'uomo si volge verso Dio e si allontana dal peccato, accogliendo così il perdono e la giustizia dall'alto" (CCC 1989-1990) (Vedi anche 1432). E la penitenza serve a camminare verso "l'uomo nuovo", cioè a crescere spiritualmente, non a espiare una pena. (vedi CCC 1473)

Forse, allora, dobbiamo provare a descrivere meglio quale sia la dinamica che presiede al perdono. Questo verbo significa, in radice, donare di più, amare di più, maggiorare l'impulso di amore verso la persona che si perdona. Esiste perciò un atto di Dio, assoluto e gratuito, che precede qualsiasi nostra disposizione interiore, col quale Dio continua a guardarci con amore anche nel mezzo del nostro peccato. E proprio per il nostro peccato, Lui ci viene a cercare, azzera lui la distanza che noi abbiamo messo, perché sa che da soli saremmo persi.

Ciò che, allora, smuove il peccatore dalla sua durezza e rende possibile il pentimento, non è tanto la percezione del male operato, ma, molto di più, è sentire che Dio continua ad amarlo. Non è l'angoscia dell'essere colpevoli, ma la bellezza di poter essere ancora amati, e perciò capaci di amore, nonostante il peccato. Non siamo totalmente perduti, perché Dio è ancora lì, che non vede l'ora di poterci riabbracciare. Non è l'uomo a tornare a girarsi, di suo, verso Dio, ma è Dio che continua a ripresentarsi davanti allo sguardo dell'uomo anche quando l'uomo non lo vorrebbe vedere. E in questo sguardo di amore, che Dio ci mostra, noi possiamo lasciarci guardare e ritrovare la pace del cuore. Il perdono in questo senso non è solo la riapertura di una relazione, ma è anche l'essere risanati nell'anima, liberati dalla tremenda sensazione di essere colpevoli e di non poter farci più nulla. E' tornare a sentire che possiamo amare di nuovo, proprio perché siamo stati amati gratuitamente nel peccato.

La condizione umana prima che rende possibile mettere in moto il processo di perdono è solo la nostra fede che il suo amore resti sempre possibile per noi, nulla di più e nulla di meno. Semmai l'effetto di sentirci ancora amati, nonostante tutto, ci spinge a darci conto del bene infranto col peccato e ci sprona a cercare di amare più di quanto fin'ora abbiamo fatto.

La Chiesa ha individuato, in termini aristotelici, la "materia" del sacramento del perdono nella contrizione, accusa dei peccati e soddisfazione della penitenza. Ma se questo è letto in chiave "retributiva", attraverso le vulgate espiatoria e del riscatto, rischia di creare un corto circuito nella dinamica del perdono. Questi atti del penitente, infatti, il CCC stesso li definisce opera della grazia di Dio (Cfr. 1452-53). In chiave retributiva invece, la grazia di Dio arriverebbe dopo che la contrizione del cuore ha compiuto il suo percorso.

Se vogliamo mantenere il valore della confessione come atto sacramentale, dobbiamo pensare che l'unica condizione possibile per ricevere il perdono è che noi, a quel perdono ci crediamo, lo crediamo possibile. Allora Dio può toccarci il cuore e tutto il processo che va dal pentimento, all'accusa dei peccati, alla penitenza è possibile perché sotto l'azione della grazia. Così il perdono arriva a compimento quando il peccatore collabora con essa, dando il suo assenso e agendo concretamente quell'amore. Dio, cioè, si muove a perdonarci ben prima del nostro pentimento, per la nostra fede. Cioè gratuitamente. In questa logica la penitenza è un modo per crescere nell'amore, operando effettivamente la misericordia, dopo aver visto che non lo abbiamo fatto, ma convinti che Dio ci rende ancora possibile farlo.

Ecco perché Dio non può perdonare la bestemmia contro lo Spirito Santo. Non perché "sua sponte" Lui abbia deciso di non perdonare qualcuno o qualcosa: questo non avviene mai. Ma perché bestemmiare lo Spirito significa credere che l'amore di Dio (lo Spirito appunto!) per me non è amore, non può esistere per me. E siccome il sacramento non è magia, ma funziona solo se io ci credo - cioè non pongo ostacoli all'azione del suo amore - se non ci credo, non può avere effetto per me.

(8. continua) 

 

Questo articolo fa parte di una sertie di Gilberto Borghi su come raccontare oggi il mistero del male rimettendo davvero al centro la misericordia di Dio. 

Leggi qui sotto gli articoli pecedenti

1. Un nuovo piccolo catechismo sul peccato

2. Quando nasce il peccato?

3. La differenza di Dio di fronte al male

4. Dio e il male

5. La redenzione e i modi di guardare la Croce

6. L'altro volto della redenzione

7. Il merito

 

 

 

28/08/2018 08:47 PietroB
Ma certo, Ale.. chiedete e vi sarà dato.. lui cura gli uccellini.. ma anche .. cosa siamo noi xchè te ne curi? Eppure.. e tutto quanto potresti aggiungere non inficia la Sua libertà assoluta che nonnca condizionata in nessun modo da noi altrimenti si arriva a picchiare i Santi che non fanno la Grazua passando x i tre venuali= un mortale👹
PDNC=Principio Di Non Contraddizione ( Aristotele lo pone apodittico x qualsuasi ragionamento)
Ma x Dio dopo Shoah onnipotente e somma giustizia??
E ancora: caratterizzare Dio significa limitarLo.
Dicesi teologia apofatica.



27/08/2018 23:03 Ale.
Io credo che Dio VOGLIA essere "condizionato", nella sua libertà, dalle nostre richieste / preghiere.
Altrimenti, perché inviare Giona a Ninive con un preciso incarico?
E, similmente, perché la parabola di Gesù dell'amico importuno (Luca 11, 5-8)?



27/08/2018 22:57 Ale.
PDNC ???


26/08/2018 09:22 Pietro Buttiglione
Tesi ( proposta)
Nè necessaria, nè sufficiente. xchè?
Altrimenti la libertà di DIO ne sarebbe condizionata: il Giudizio è e resta SOLO Suo.
Questa è vera “ trascendenza” che nn serve nè PDNC nè ragionamenti logici di sorta..
Esattamente come é stupido voler aiutare il fratello e chiedersi: e tutti gli altri? Anche quello è un atto “ trascendente”
( temo che se accetta questo prof. Gil dovrebbe rivedere..😭)



24/08/2018 17:59 Pietro Buttiglione
L’intervento di Maria x me è un ottimo esempio di contro omeglio diversa argomentazione.
Rispondo con una ? ( molto IT)
Il PERDONO meglio: la richiesta di perdono x un “ peccato” è condicio sufficiente e necessaria ? ( da ing. non da teologia!)



24/08/2018 13:41 Maria
Il peccato contro lo Spirito Santo ,quello che non puo'essere perd onato perche'non chiede perdono, e'il farsi Dio. E'il peccato di Lucifero ,l Angelo ribelle, che si e rivoltato contro Dio proclamando Non serviam, non serviro'.
I seguaci di Lucifero sono legione:il loro peccato di superbia non puo essere perdonato perche'non chiede perdono.Chiedere perdono e pensarsi meritevoli di perdono e'il presupposto per essere perdonati.Ma Lucifero e i suoi seguaci non pensano aver bisogno di perdono, per questo si dice "orgoglio luciferino".Il peccato contro lo Spirito Santo e'farsi Dio. Infatti l'Angelo delle schiere fedeli a Dio, Michael, porta il nome che significa Chi e'pari a Dio? Risposta sottintesa:nessuno.



23/08/2018 11:16 Pietro Buttiglione
Sulla prima nn intendo incrociare citazioni ( vi rivelerà...) quindi mmmh..
Sulla seconda di primo impatto hai ragione.. cerco di insinuarmi con qs 3 propo, mix & out:
1) il peccato è solo contro Dio, insomma i veniali non cincentrano..
2) la verità va intesa con la V majuscola cioè quel “io sono..”
3) contro lo Spirito presuppone che lo Spirito sia sia manifestato a me, che io Lo conosca
Sono tanti gli spunti da meditare che mi portano a quanto ho scritto..
e scrivendo mi sovviene B16 con il suo Dio è amore ( preferisco Dio AMA)
credo si riferisca a tutti e 3 o meglio all’UNO..
Qui siamo sul limit/are della Trinità che io interpreto con un UNICO Dio e 3 manifestazioni nel TEMPO.. ma qui solo la Fede ci salva...



22/08/2018 18:02 gilberto borghi
Pietro, non mi convince la tua soluzione per due motivi
1) Se proprio vogliamo trovare degli "specifici" per la Trinità sarebbe molto più aderente al testo biblico parlare di Verità per il Verbo, il logos, la Parola, e di amore per lo Spirito Santo (l'unione personificata dei due); mentre per il padre si dovrebbe parlare di "essere sorgivo, creativo"
2) Secondo la tua idea non sarebbero perdonabili tutti i peccati fatti con "piena avvertenza" e "deliberato consenso", perciò addirittura anche peccati veniali, oltre che tutti quelli mortali, secondo la teologia classica.



22/08/2018 10:43 Pietro Buttiglione
Sul peccato contro lo Spirito santo...
La tua spiega si attaglia anche su Dio Padre o anche Figlio..
Quale la peculiarità dello Spirito??
A mio umile avviso, da NONteologo, anzi che arriccia e si contorce davanti a certi periodoni👹,
LA caratteristica è la verifa’
da cui quel peccato lo traduco così:
Quando una persona sa benissimo quale è la verità e dove la falsità e ciononostante non la accetta, non la ri- conosce.
Ciao
PS Bel lavoro!
Io aspetto il pekenino finale, una guideline formato A4🤡



Commenta *






Versione stampabile
Invia ad un amico
Scrivi a Vino Nuovo





Gilberto Borghi

Sono nato a Faenza all'inizio degli anni 60, ho cercato di fare il prete, ma poi ho capito che non era affar mio. E dopo ho studiato troppo, forse per capirmi e ritrovarmi. Prima Teologia, poi Filosofia, poi Psicopedagogia e poi Pedagogia Clinica... (ognuno ha i suoi demoni!). Insegno Religione, faccio il Formatore per la cooperativa educativa Kaleidos e il Pedagogista Clinico.... Lavoro per fare stare meglio le persone, finché si può... In questo sito provo a raccontare cosa succede nelle mie classi e a offrire qualche riflessione. E da qui è nato il libro pubblicato nel 2013 dal titolo: "Un Dio inutile".

 

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it