Nell'arte
L’umana provvidenza
di Gian Carlo Olcuire | 05 agosto 2018
Ci si può impegnare ad andare anche noi incontro a Dio, come lui fa con noi. In un’elevazione quotidiana.

 

LA RACCOLTA DELLA MANNA

(Ercole de’ Roberti, 1490 ca., Londra, National Gallery)

 

«Datevi da fare non per il cibo che non dura, ma per il cibo che rimane…».  Gv 6,24-35

 

Meno male che, prima della moltiplicazione dei pani, c’è stato quel ragazzo: a contrastare i calcolatori, ci voleva uno incapace di calcoli… In ogni caso, capace di dono. Oggi, a uno così, si darebbe dell’ingenuo o del buonista, eppure è grazie al suo darsi da fare che si mette in moto il darsi da fare di Gesù. Ed è grazie a lui che Gesù può rilanciare, spostando l’attenzione su un cibo e un impegno più alti, non limitati al momento del bisogno ma mossi da un desiderio.

Sempre cercato per risolvere problemi materiali, Gesù ricorda l’esistenza di una dimensione spirituale, per sostenere la quale è necessario un cibo che non scade. E si offre come una nuova manna: inviata ancora dal cielo, però donata per far vivere «di ogni parola che esce dalla bocca di Dio».

Un passo avanti notevole rispetto ai padri nel deserto, fermi ad aspettare il cibo che si consuma. Fermi, soprattutto, a una vecchia immagine di Dio, inteso come poliziotto o come datore di lavoro: figure che chiedono conto all’uomo dei suoi comportamenti retti, compensandoli con una mancata sanzione o con un premio. E fermi a una vecchia immagine di uomo, talmente dipendente dalla divina provvidenza da non capire che il dono più bello è biunivoco, cioè viene da entrambe le parti; non unidirezionale, come quello che un ricco fa a un povero.

Proponendosi – con insistenza commovente – come pane per la vita eterna, Gesù cerca di accorciare le distanze tra Dio e gli uomini, impostando un legame simile a quello dell’amicizia e dell’amore, dove ci si stima enormemente, dove si dà valore alle parole dell’altro e dove la fedeltà è uno dei sommi piaceri che ci si dona reciprocamente, non un obbligo.

Il cuore grande di quel ragazzo senza nome, scovato da Andrea, deve aver spinto Gesù a credere nell’umana provvidenza, ad aver fiducia nella capacità dell’uomo di salire a Dio.

Tra l’altro, dipendere dalla divina provvidenza può essere una tentazione (come lo è l’obbedienza, per don Milani). Col rischio, oltretutto, di abbandonarsi non nelle mani di Dio, ma in quelle di chi dice «Dio è con noi», salvo poi criticare l’assenza di Dio ad Auschwitz.

 

Commenta *






Versione stampabile
Invia ad un amico
Scrivi a Vino Nuovo





Gian Carlo Olcuire

Gian Carlo Olcuire è un grafico. Che si sente realizzato quando riesce a far guardare le parole come se fossero immagini e a far leggere le immagini come se fossero parole. Lavora soprattutto per il mondo cattolico ed è appassionato di linguaggi, soprattutto dell'uso (o abuso, disuso, riuso) che se ne fa nel mondo cattolico.

 

 

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it