Nell'arte
La parte di Dio e quella dell’uomo
di Gian Carlo Olcuire | 29 luglio 2018
Per la matematica, l’1 è un numero debole: quando moltiplica, non aggiunge nulla. Per la fede, invece, l’1 ha una potenza incredibile: quando condivide, aggiunge moltissimo. Perché Dio l’aiuta…

 

LA MOLTIPLICAZIONE, UN MINUTO PRIMA

(Ambrosius Francken il Vecchio, 1598, Anversa, Cattedrale di Nostra Signora)

 

«Dove potremo comprare il pane perché costoro abbiano da mangiare?» (Gv 6,1-15)

 

Questo segno di Gesù, temuto dai pittori per la sua complessità (data la quantità di persone e di cose in scena), di solito, per semplicità, viene reso in modo simbolico. Con due possibilità: la prima delle quali è accontentarsi dei pani e pesci di partenza (come a Tabgha, in Israele, nella chiesa sorta sul luogo del miracolo), al massimo allargando l'inquadratura su Gesù mentre vi appoggia le mani. In alternativa, si mostra il punto di arrivo, raffigurando delle ceste colme di cibo.

E colmi di numeri sono anche i racconti delle due moltiplicazioni: oltre ai presenti (5mila e 4mila, «senza contare le donne e i bambini»), ci sono i 12, coi 200 denari che tengono in cassa; ci sono i 5 pani e i 2 pesci (che diventano 7 e pochi pesci nella seconda moltiplicazione); c'è la divisione della gente in gruppi di 100 e di 50, in vista di una distribuzione organizzata, per non parlare delle ceste di avanzi (12 e 7).

Si è talmente distratti dai numeri che, nella maggior parte delle Moltiplicazioni dell'arte, si dimentica il più piccolo, l'1 da cui la storia s'è mossa: il ragazzo. Che invece va ricordato a ogni costo, perché dice che cosa può un ragazzo (e, a maggior ragione, che cosa può chiunque), se ha permesso che non si restasse a zero, che non prevalesse il nulla di fatto. In quel contesto s'è dimostrato, ben più degli apostoli, una persona di fede ed è riuscito - con il proprio contributo - a innescare la potenza di Gesù.

Per fortuna il pittore fiammingo di quest'opera, grosso modo contemporaneo del nostro Caravaggio, non se n'è scordato: perché è dalla manina alzata del ragazzo, dalla sua disponibilità a dare tutto ciò che ha (come la vedova al tempio), che Gesù inizia a darsi da fare.

E si capisce pure come il miracolo sia lontano anni luce dai prodigi fatti per strabiliare. Il Signore, all'inizio, sembra persino esitare nel mettersi all'opera, come se - stavolta - avesse voglia di farlo insieme, il miracolo. Gli piacerebbe tanto vedere qualcuno almeno provarci, a risolvere il problema-fame. Ma, pur cercando di stimolare, incontra resistenza.

Con la domanda «Dove potremo comprare il pane?», è chiaro che Gesù invita a mettere mano al portafoglio. Senza trovare chi cavi di tasca uno spicciolo, donando qualcosa di proprio. Sono tutti realisti, i suoi, bravi a fare divisioni, non condivisioni. Ai realisti mancano la visionarietà e la gratuità, per cui restano bloccati, non fanno nemmeno un tentativo... Sono solo capaci - questo sì - a tirar fuori di tasca la frasetta magica: «è impossibile» (in alternativa: «controproducente, sconveniente, inutile, irragionevole, disdicevole...»). Magari rinforzata da «Eccheccissifà con così poco?». Insomma, una ragione per star fermi i realisti la trovano sempre e a ciò che sembra ragionevole danno sempre ragione.

Così Gesù resta fermo a osservare (chissà quanto sarà durato il suo sguardo...), finché un ragazzo fa la prima mossa offrendo il poco che ha: rompe il ghiaccio e fa pure sciogliere Dio.

 

 

 

29/07/2018 07:54 gilberto borghi
"Ai realisti mancano la visionarietà e la gratuità, per cui restano bloccati, non fanno nemmeno un tentativo... Sono solo capaci - questo sì - a tirar fuori di tasca la frasetta magica: «è impossibile»".
"Tutti sanno che una cosa è impossibile da realizzare, finché arriva uno sprovveduto che non lo sa e la inventa".
Albert Einstein, forse, parlava di sè, ma anche di noi...
Grazie Gianclarlo



Commenta *






Versione stampabile
Scrivi a Vino Nuovo





Gian Carlo Olcuire

Gian Carlo Olcuire è un grafico. Che si sente realizzato quando riesce a far guardare le parole come se fossero immagini e a far leggere le immagini come se fossero parole. Lavora soprattutto per il mondo cattolico ed è appassionato di linguaggi, soprattutto dell'uso (o abuso, disuso, riuso) che se ne fa nel mondo cattolico.

 

 

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it