Isaia 53,3 in stazione
di Lorenzo Pisani | 14 luglio 2018
"Uno davanti al quale ci si copre la faccia... uno che fa ribrezzo a guardarlo...". E finalmente è stato il mio turno, e ho guardato.

 

Bari. Addì 12 luglio, dell'anno del Signore 2018, ore 19 circa.

 

Da via Capruzzi imbocco il solito sottopassaggio rosso.

In fondo alle scale si vede un uomo riverso, un barbone probabilmente, un povero Cristo.

Man mano che ci si avvicina, oltre il brusio e il tipico rumore di fondo dei luoghi di passaggio, si percepisce qualcosa, un rantolo forse, niente di gradevole comunque.

Chi mi precede, arriva in fondo, guarda e poi si volta.

Non deve essere una vista piacevole, forse quel povero Cristo sta dando di stomaco.

Uno davanti al quale ci si copre la faccia... uno che fa ribrezzo a guardarlo...

E finalmente è stato il mio turno, e ho guardato.

Il povero Cristo non stava dando di stomaco.

Accanto a lui un bicchiere di plastica vuoto, sul pavimento qualcosa di biancastro, gelato, yoghurt, granita di limone, ...

E lui, un uomo, con la cannuccia, stava succhiando... aspirava il cibo che si era versato sul pavimento.

 

Ecco, ora serve fermarsi e prendere fiato, perché la scena non è di quelle che si sopportano facilmente.

 

Era fame? disperazione? a un livello tale da non starci più con la testa?

Oppure l'uomo si era ridotto in quello stato disgraziato proprio perché non ci stava con la testa?

E diventa pure irrilevante come e perché quel bicchiere di plastica si fosse rovesciato.

 

Ho guardato e, come tutti, ho girato la testa dall'altra parte.

Ho continuato a camminare verso la rampa che porta al binario 3.

 

E poi sono tornato indietro.

L'unica parola che ho saputo pronunciare è stata "basta".

E nella mano gli ho messo qualche euro (non c'era il solito cappello per l'elemosina).

L'uomo ha sollevato la testa. Non ho messo a fuoco se avesse qualche disabilità motoria, ricordo solo un occhio di vetro, uno sguardo assente.

Non ho saputo fare altro. L'ho lasciato che guardava, diciamo così, quella banconota da 5 euro.

 

E sono andato a prendere il regionale delle 19:05.

Continuando a chiedermi se avessi fatto bene a lasciare dei soldi, se non avrei fatto meglio a comprare un tramezzino o un gelato.

Continuo a chiedermi se non avrei dovuto rialzarlo quell'uomo, sincerarmi che la smettesse di succhiare quella poltiglia caduta sul pavimento che io, e centinaia di persone, calpestiamo ogni santo giorno.

 

E pure ora mi chiedo che senso ha mettersi a raccontare.

Raccontare per raccontare, senza uno scopo, senza una morale, che non ci può essere.

Ma se una scena come questa neanche la raccontiamo, vuol dire che ci siamo anestetizzati.

 

A dire il vero, presi dalle mille cose, non è facile neanche alzare gli occhi e riconoscere l'incanto dei colori del cielo.

Ma se gli occhi sono rivolti in basso, è bene rimangano almeno aperti.

Sull'umanità disgraziata... e su noi stessi.

 

18/07/2018 09:36 Lorenzo Pisani
Sono io che devo ringraziare, come sempre.
Non si dispiaccia Sara se ringrazio principalmente Cristina per averci (ricor)dato la prospettiva giusta: il bicchier d'acqua non disgiunto dall'acquedotto.
Così bello (e impegnativo) da farci un post, prima o poi.
Grazie ancora e l'augurio di un'estate di pace a chi perde due minuti a leggere le cose minime che scrivo.



16/07/2018 11:17 cristina
Ogni tanto leggo articoli su Vino Nuovo. Oggi mi sono fermata con il tuo. E ti ringrazio. Vivo in clausura, e le volte in cui sono uscita e sono passata da qualche stazione ferroviaria (o soltanto dal piazzale del supermercato o mi sono fermata ad un semaforo) mi sono fatta le stesse domande che ti sei fatto e hai scritto, e ho continuato a vivere con la stessa inquietudine, dicendomi che finché l'inquietudine dura non è perso tutto... Grazie del contributo perché rimaniamo tutti con gli occhi almeno aperti. Oggi il vangelo parlava del 'bicchiere d'acqua' dato ai piccoli. Che, dice Gesù, non è banale: è importante. Dato in comunione con chi, magari, si impegna a costruire un acquedotto. O a far sì che l'acqua non venga privatizzata. O irrimediabilmente inquinata.
Pace a te. E ancora grazie.



14/07/2018 17:00 Sara
Ogni giorno mi fermo al supermercato con chi chiede: un euro a testa qualche volta di più, tanti ne ho visti nrgli anni.
Mi faccio ogni volta la stessa domanda e non ttovo quasi mai le risposte, forse sino solo come il giovane ricco che se ne va triste, chissà. ..



Commenta *






Versione stampabile
Invia ad un amico
Scrivi a Vino Nuovo





Lorenzo Pisani

Classe 1965, vivo in Puglia. Sono laico, con famiglia (moglie e due figlie) e lavoro (insegnare matematica); e questo basterebbe a riempire le giornate. Grato per quello che ho ricevuto, cerco di restituire qualcosa alla comunità cristiana. Rubando qualche ora al sonno, metto per iscritto qualche pensiero. E speriamo che questo non mi faccia dimenticare che l'impegno principale deve essere nel "mondo vasto e complicato", quello oltre il sagrato ... (e il web).

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it