Quando la classe dirigente è smarrita
di Mario Delpini | 10 luglio 2018
L'arcivescovo di Milano: «Siamo qui a invocare che Dio faccia sorgere in questo tempo uomini e donne per la salvezza della città, dell'Europa, del Paese, della Chiesa, per rimediare allo smarrimento della classe dirigente smarrita»

Nei giorni scorsi i vescovi della Lombardia hanno vissuto alcune giornate di esercizi spirituali nell'Eremo di Montecastello di Tignale (Bs) al termine del quale hanno rivolto una speciale benedizione ai fedeli delle proprie diocesi nel tempo di oggi. In questo contesto si inserisce anche l'omelia tenuta dall'arcivescovo di Milano, Mario Delpini, che qui sotto rilanciamo. Prendendo spunto dalla pagina biblica del racconto di Giuditta, Delpini affronta il tema quanto mai attuale oggi della crisi della classe dirigente. Offiramo questa riflessione ai nostri lettori nel suo testo integrale.

-------------------

1. La classe dirigente smarrita.

Quando i capi del popolo, quando la classe dirigente è smarrita, tutta la città è in pericolo. Quando i capi non sanno che cosa fare, i sudditi si disperano, esigono decisioni e contestano le decisioni prese, segnalano pericolo e pretendono soluzioni, lamentano inadempienze, ma in verità nessuno ha una soluzione, nessuna proposta incontra consenso sufficiente. La città, o il paese, o la comunità è tutta in pericolo.

Quando la classe dirigente non sa indicare una direzione, il popolo si disperde in tutte le direzioni, si frantuma in interessi contrastanti, si logora in contenziosi interminabili e in contrapposizioni irrimediabili.

Quando la classe dirigente e i capi non sanno come contrastare il nemico che assedia la città con un esercito troppo forte e una arroganza troppo spaventosa, i cittadini si dispongono alla resa, si adeguano alla schiavitù, pur di aver salva la vita, si preparano a rinnegare tradizioni e valori, patrimoni di fede e di arte incomparabili, si preparano a omologarsi con quello che impone il vincitore, pur di aver salva la vita.

Così capitava a Betùlia, nei tempi in cui era capo della città Ozia, figlio di Mica, della tribù di Simeone (insieme con Cabrì e Camì) proprio nel tempo in cui Oloferne, comandante supremo dell'esercito di Assur assediava Bétulia, per conto di Nabucodonosor, il Signore di tutta la terra (Gt 7,4).

Così forse può capitare anche oggi: una classe dirigente smarrita non sa dare risposta alle domande, non sa come soddisfare i bisogni, non sa dove orientare la speranza. La classe dirigente smarrita può essere a dirigere una città o un paese o un continente o una comunità cristiana.

Quando la classe dirigente è smarrita la città è in pericolo, la civiltà è fragile: il generale che guida l'esercito immenso dell'unico signore della terra Nabucodonosor, semina terrore. Allora il popolo è pronto alla resa, ad adorare l'unico signore della terra, pur di aver salva la vita. Non so se nel frattempo sia cambiato il nome dell'unico signore di tutta la terra. Forse oggi si chiama Narciso o Capriccio o Profitto o Denaro o Mercato.

2. Dio non lascia che si perda la sua gente

L'ostinata intenzione di Dio di salvare come si manifesterà in questo estremo pericolo?
Ai tempi di Nabucodonosor mosse Giuditta dalle sua campagne all'impresa arrischiata e cruenta.
Nella pienezza dei tempi chiamò Maria di Nazaret a dare alla luce il salvatore, Gesù, il Verbo di Dio, lei che ha ascoltato la parola di Dio e l'ha osservata.

Noi siamo qui a invocare che Dio faccia sorgere in questo tempo uomini e donne per la salvezza della città, dell'Europa, del Paese, della Chiesa, per rimediare allo smarrimento della classe dirigente smarrita.
Forse si potrebbe consigliare a Dio di cominciare, come ha fatto in altri tempi, con le donne.

La prima grazia da chiedere è che sorgano uomini e donne che si lascino guidare dalla parola di Dio e possano indicare una strada alla classe dirigente smarrita e a tutta la gente. Invochiamo che si facciano avanti donne e uomini che amano la vita e ne desiderano il compimento nella gioia e perciò ascoltino la parola di Dio e la osservino, perché è così che si sperimenta la beatitudine.

Donne che amano la vita, al punto da farne dono e da mettere al mondo bambini e bambine non per una specie di soddisfazione personale, un compimento della propria femminilità, ma come dono per altre libertà; che amino la vita la punto da non dare solo la vita, ma anche il senso della vita e cioè che la vita è vocazione, è risposta, e trova la sua beatitudine nell'ascoltare la parola di Dio e nell'osservarla.

Uomini e donne che amano la vita e l'apprezzano al punto da farne dono gradito a Dio nella consacrazione totale e definitiva, a servizio di opere d'amore.

Uomini e donne che si fanno avanti per andare là dove la minaccia del nemico è più forte e le difese sono più deboli, cioè là dove ci sono i bambini e gli adolescenti e i giovani, così esposti alle seduzioni del nemico; essere là vicino a loro per liberarli da una disperazione senza futuro, da uno sperpero di sé senza responsabilità.

Uomini e donne che non amano la pubblicità, non fanno chiasso, non hanno ambizioni, non cercano la propria gloria, però si fanno avanti: che si tratti di assumere il ruolo di classe dirigente o di prestare il servizio meno prestigioso, loro si fanno avanti e si lasciano guidare dalla parola di Dio che ascoltano, per rendere un servizio al mondo e al suo futuro.

Siamo qui a pregare la Madonna di Monte Castello, perché il Signore susciti uomini e donne per la gloria del suo nome.
E certo il Signore li chiamerà da ogni dove, dalle celle dei monasteri o dagli uffici dei commercialisti, dalle case dei ricchi e dalle baracche dei poveri, dai barconi del Mediterraneo e dalle aule dei parlamenti, dalle conferenze episcopali e dalle cucine della case, dalle aule delle università e da qualche scuola squinternata di periferia, da ogni dove chiamerà uomini e donne.

Noi siamo qui a pregare anche per dire: eccomi! Anch'io vorrei essere di quelli, anch'io vorrei essere beato, anch'io ascolto e osservo la parola di Dio, anch'io mi faccio avanti per rimediare allo smarrimento di una classe dirigente e salvare il popolo dall'estremo pericolo di arrendersi al nemico.

 

 

12/07/2018 06:04 Francesca Vittoria
Siamo a pregare perché il Signore susciti uomini e donne per la gloria del Uo Nome. Il problema però non è soltanto quello della volontà di Dio perché da come va il mondo, sembrerebbe che Dio abbia voltato la faccia tanti sono gli orrori che accadono nel pianeta abitato da uomini che la Sua Legge, di sapienza e intelligenza di misericordia e perdono, di solidarietà e amore fraterno, di amicizia e sacrificio generoso, di protezione e difesa del debole, abbiano preso le distanze . Ora tocca sentirsi responsabili di fronte a Lui che ha sacrificato il Figlio Suo Santo perché lo seguissimo invece che crocifiggerlo come stiamo facendo. Lui è venuto già è non si può dire di non conoscerlo perché ha lasciato Apostoli che lo hanno fatto conoscere e uomini di fede che ripetono i suoi miracoli. Il fatto di godere di libertà significa fare scelte che comportano se seguire Gesù Cristo o no. Egli da uomo non è stato inattivo segno che se una cosa si pio pensare venga chiesta da Dio, sia di avere il coraggio di gridare fuori dalle chiese semivuote i crimini che si stanno compiendo invece di perseguire il bene dei popolo. Significa aprire gli occhi e far sentire agli orecchi otturati le verità che per egoistici interesse abilmente vengono nascoste o ammantate di nobili intendimenti per perseguire scopi tutti tendenti a giustificare quella sete di potere, quella sete di prevalere, quegli interessi di parte egoistici e che per questo tanta umanità viene sacrificata, una pila di esseri umani inermi, innocenti, fatti schiavi in tanti modi, e sotto tutti i cieli. Questo grido coraggioso lo sta lanciando il Santo Padre con i Confratelli di altre chiese, ha messo, bravo, la lampada sopra il moggio per far luce a quei volontari che si rimboccano le maniche, per uscire dal l'anonimato del dire senza fare, La Luce dunque c'è e Dio attende che gli si chieda di dare forza alle braccia, Lui aveva acceso il fuoco a riva, e vedendo i suoi amici in difficoltà stanchi affamati e con il desiderio di lui che non era più li, ha colto il loro muto bisogno e ha gridato loro dove gettare le reti. Si tratta dunque oggi di gettare le reti , di dire e opporsi a ciò che va contro la vita dei nostri simili, fratelli o no nella fede ma amici da aiutare da sostenere per essere degni di dichiararci "uomini" osservando leggi di salvaguardia della natura un bene di dal quale dipende anche la salute fisica e per questo vitale di ogni essere umano. Praticare la giustizia secondo la legge morale, usare l'intelligenza e la saggezza per dirigere, governare, in qualsiasi ambito si lavori per il Bene comune, avere a cuore l'obiettivo sacrosanto della Pace, dove ogni persona possa accompagnarsi in un dialogo con altri per risolvere i problemi senza l'uso delle armi. È' il momento del "fare" la volontà di Colui che ci ha salvato da morte eterna per offrirci vita eterna.
Francesca Vittoria



Commenta *






Versione stampabile
Invia ad un amico
Scrivi a Vino Nuovo





Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it