Con la bocca di bambini e di lattanti
di Maria Elisabetta Gandolfi | 02 febbraio 2011
Quando alla domenica a Messa un chierichetto down diventa un maestro nella fede più efficace di anni di catechesi, incontri, letture...

Ci sono gesti che avvengono sotto i nostri occhi quotidianamente anche se prestiamo loro un'attenzione distratta. Improvvisamente si segnalano perché un dettaglio emerge per noi dal mare dell'insignificanza e imprigiona nella sua rete tante perle che prima ci sembravano assenti.

Ho sempre amato il Salmo 8, soprattutto nel versetto che parla della lode a Dio che viene dai piccoli e che spesso mi è stato riferimento utile per trovare criteri per inquadrare, ad esempio, la (spinosa) questione della partecipazione dei bambini alla Messa.

E mi è tornato alla mente guardando la piccola schiera di chierichetti che anima le Messe in parrocchia. Da anni è capitanata da un ragazzo down che fedelmente e con compunzione non solo porta a termine i compiti che gli sono affidati, ma guida sicuro i nuovi ministranti, più giovani e incerti.

Sono così abituata a vederlo aprire orgoglioso la processione d'ingresso con la croce astile; a vederlo riporla accanto all'altare nel suo supporto con precisione e cura; a vederlo sorridere soddisfatto di aver compiuto il proprio dovere, che non mi sono resa conto di un particolare.

Lui parla con la Croce; anzi, parla con Gesù stesso.

"Sei pronto? Andiamo!", gli dice quando afferra l'asta. E quando la ripone le si avvicina e la sfiora con un bacio. E il sorriso che le rivolge è pieno di quella fiducia che possiede chi sa in cuor suo d'essere ricambiato.

È per questo che è molto geloso di questo servizio che non demanda a nessun altro: è un rapporto molto personale e, oltretutto, di vero affetto!

Nella sua limpidezza e in un solo momento ho imparato sulla fede di più che da anni di catechesi, incontri, letture...

Nel mio amico down ho visto una fede che è vero rapporto da persona a persona; che si rinnova a ogni incontro; che vive nel semplice gesto mediato dal proprio essere corporeo, così com'è; e che "per innalzare ai cieli la sua magnificenza" Dio padre si serve della "bocca dei bambini e dei lattanti", i "poveri in spirito" di Matteo 5 di domenica scorsa.

Possiamo sorridere di questa vicenda facendone un caso privato o liquidandola sotto la voce "fede semplice", noi che spesso ci annoveriamo tra coloro che mirano a ben più elevate riflessioni; noi costantemente a caccia di "segni grandiosi dal cielo" (Lc 21,11).

Io vorrei portarla nel cuore come un monito a non inorgoglirsi allorquando ci s'addentra nella complessità della fede e soprattutto delle sue modalità comunicative; e come un compito a cercare i segni di quelle pubbliche rivelazioni della fede che il tempo quotidiano dissemina nel nostro cammino.

Commenta e leggi i commenti per questo articolo


Vedi anche
11/06/2016
Il mio amico down che ci guida all'altare
di Maria Elisabetta Gandolfi
13/11/2011

di Fabio Vettori
04/02/2015
Sogno una Chiesa aperta davvero ai disabili
di Laura Badaracchi
13/09/2018
Angelo e il quoziente di umanità
di Chiara Bertoglio
22/11/2018
Volare alto in carrozzina
di Chiara Bertoglio

Versione stampabile
Scrivi a Vino Nuovo





Maria Elisabetta Gandolfi

Maria Elisabetta Gandolfi, classe 1966, è giornalista professionista e lavora da una ventina d'anni presso la rivista Il Regno. Scrive di editoria religiosa, Africa, e, in generale, di temi ecclesiali; volentieri si occupa di associazionismo perché è lì una delle sue radici. Sposata con un insegnante, ha tre figli e un cane; si divide con passione e a volte con qualche affanno tra lavoro, casa e scuole dei figli.

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it