Il tema del mese
Ma "ai piani bassi" qualcosa è cambiato
di Assunta Steccanella | 18 maggio 2018
Io colgo fermento, maggior propensione a dire e a dirsi, voci ancora timide, tentativi accennati... È come se soffiasse un leggero vento di primavera, che scompiglia i capelli: e mi mette allegria.

Mi interessano, i "piani bassi". Fondamenta a parte (che nella Chiesa, per Grazia, sono indisponibili perché sono radicate Altrove), sono quelli su cui si regge l'intera casa. Bene, la mia percezione è che "ai piani bassi" stia succedendo qualcosa.

Per spiegarmi devo descrivere brevemente il contesto da cui prendo spunto: vivo in una parrocchia che, con altre cinque, fa parte di una Collaborazione Pastorale (Co.Pa). Le Co.Pa sono la forma attraverso la quale la diocesi di Treviso sta rimodellando la pastorale a livello territoriale.

In questi giorni sto leggendo la sintesi che raccoglie i lavori dei nostri sei Consigli Pastorali intorno alla lettera del Vescovo Gardin, a conclusione del Sinodo diocesano appena celebrato. Già questo è un dato significativo, e non isolato: le Chiese del Triveneto, in particolare in questi ultimi due anni, si sono mobilitate in diverse forme, tutte all'insegna del dialogo, del confronto e del dibattito.

Bene, ai "piani bassi" questa lettera è stata letta. I parroci l'hanno distribuita con generosità, i componenti dei Consigli Pastorali ne hanno preso atto e poi hanno discusso, davvero. È successo nel mio gruppo, ma anche negli altri. L'impressione è confermata dalla sintesi di restituzione (stilata da una laica), caratterizzata da una grande franchezza: niente formalismi, né accoglienza acritica di quanto proposto, ma sottolineature interessanti, domande pepate. Ritorna la premura affinché quanto elaborato nelle assemblee sinodali non rimanga 'sulla carta' e la consapevolezza che, per le comunità, non si tratta di adottare scelte rivoluzionarie immediate, ma di avviare consapevolmente nuovi processi (processi semplici, che "partono dal primo mezzo centimetro"), al centro dei quali viene posto il nodo della formazione del laicato.

Un caso isolato? Dalla mia prospettiva - fatta di incontri con laici e preti che vogliono collaborare, soprattutto che parlano e si confrontano, in diverse parrocchie e in diverse diocesi - mi pare di poter dire di no. "Ai piani bassi" io colgo fermento, una maggior propensione a dire e a dirsi, con tutte le asprezze che questo implica. Niente di eclatante, certo, e forse nemmeno di organico: voci ancora timide, tentativi accennati, ma che ritrovo in ambienti indipendenti l'uno dall'altro.

È come se soffiasse un leggero vento di primavera, che scompiglia i capelli: a me mette allegria...

-------------------------
Questo articolo fa parte della serie dedicata a questo tema:

8 anni fa nasceva VinoNuovo, per creare uno spazio di confronto tra cattolici sulle cose cattoliche.
Come è cambiato il dibattito nella Chiesa in questi anni?

Vuoi dire la tua su questo tema? Scrivi all'indirizzo mail iltemadelmese@gmail.com.

LEGGI QUI TUTTI GLI INTERVENTI PRECEDENTI

 

 

 

 

 

18/05/2018 14:25 pietroB
Oscurato e spesso soffocato dalla cappa dominante oscurantista, chiusa su se stessa, incapace di vedere oltre il proprio naso..Quanti vescovi DOVREBBERO dimettersi come, tardi e dopo, quelli del Cile?


Commenta *






Versione stampabile
Invia ad un amico
Scrivi a Vino Nuovo





Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it