Nell'arte
Guai a tenersi per sé
di Gian Carlo Olcuire | 06 maggio 2018
Tra le forme dell’amore, vi è l’arte dell’amicizia: una strada in salita che può toccare vette altissime e rischiare tonfi clamorosi, se non è generosa e gratuita.

L’ICONA DELL’AMICIZIA

(VII secolo, icona della Chiesa copta proveniente dalla zona di Bawit, in Egitto, ora a Parigi, Louvre)

 

«Non vi chiamo più servi… Vi ho chiamato amici, perché tutto ciò che ho udito dal Padre mio l’ho fatto conoscere a voi». Gv 15,9-17

 

Dopo il bel pastore e la vite vera, è l’amico la terza immagine – scelta dalla liturgia nel Vangelo di Giovanni – per far capire quale sia il tipo di relazione desiderato dal Signore.

Ci viene in aiuto un’antica icona, portata oggi in pellegrinaggio dalla comunità di Taizé, dove Gesù – rappresentato con San Mena, abate del monastero di Alessandria – appoggia la mano sulla spalla dell’amico. Un gesto di pura immaginazione, col pregio di mettere i due personaggi sullo stesso piano. E di far vedere un Gesù caloroso, non anaffettivo, senza timore di toccare l’amico e senza volontà di piazzarsi un gradino sopra (sebbene lui sia ben più di un gradino sopra). Un Gesù con la stessa premura di Pietro quando rimette in piedi il centurione Cornelio, inginocchiatosi davanti a lui, e gli dice: «Àlzati: anche io sono un uomo!» (At 10,26).

Si può pure raccontare – come fanno coloro che presentano l’icona – quanto siano significative le orecchie grandi (per dare ascolto) e le bocche piccole (per parlare con prudenza), oltre agli occhi grandi (per avere uno sguardo nuovo) e al lieve strabismo (per tenersi meglio d’occhio). Sono, però, dei dettagli appena percepibili, rispetto a ciò che si coglie subito (e che forse ha persino più valore): il braccio di Gesù, capace di avvicinare e di stringere a sé («Un abbraccio vale più di mille like», ha detto il padre di Beatrice, una quindicenne che un mese fa si è tolta la vita a Torino, forse anche a causa di chi non le è stato abbastanza amico).

Più che nell’icona, è nei Vangeli che Gesù, in particolare nei suoi ultimi giorni, dà modo di meditare su cosa sia l’amicizia. Anzitutto quando, prima di ridare vita a Lazzaro, scoppia a piangere («Guarda come lo amava!», notano i Giudei). Più avanti, il Signore ricorda i doni preziosi che si fanno all’amico: la disponibilità a dare la vita per lui («Nessuno ha un amore più grande di questo») e la fiducia («Tutto ciò che ho udito dal Padre mio l’ho fatto conoscere a voi»). Cioè l’impegno a mettere in comune ogni informazione – senza censure, sia totali che parziali – poiché si stima l’amico all’altezza di capire, di valutare e di apprezzare. Ogni amico è per noi importante, anche se non è Gesù…

Tuttavia i Vangeli mostrano che, a questi due picchi di amicizia, seguono due cadute. La prima delle quali si verifica durante la cattura nell’orto, quando Gesù, incontrando Giuda, lo chiama «amico» (Mt 26). E – nello stesso istante – fa esperienza dell’ambiguità dei segni, se un bacio può servire non a dire affetto ma a consegnare alle guardie.

L’altro tonfo avviene nel corso del processo (Lc 23), nel momento in cui Pilato rinvia Gesù, in quanto galileo, a Erode e, da allora, il re e il procuratore diventano amici («prima infatti tra loro vi era stata inimicizia»). Viene qui messa in luce la faccia nascosta dell’amicizia, da cui guardarsi: quella calcolatrice, che si regge sull’adulazione e sullo scambio di favori… invece che sulla franchezza, sulla partecipazione alle sofferenze dell’altro e sul dono disinteressato.

Senza sane fondamenta non sta in piedi, l’amicizia. E ha bisogno di manutenzione e di consolidamento, per tenere sempre alte la qualità e la fedeltà. In fondo al brano odierno, come nel discorso della vite e dei tralci, torna il verbo rimanere: che il Signore conosca le tentazioni umane di non condividere e di dividersi alle prime difficoltà?

 

Commenta *






Versione stampabile
Invia ad un amico
Scrivi a Vino Nuovo





Gian Carlo Olcuire

Gian Carlo Olcuire è un grafico. Che si sente realizzato quando riesce a far guardare le parole come se fossero immagini e a far leggere le immagini come se fossero parole. Lavora soprattutto per il mondo cattolico ed è appassionato di linguaggi, soprattutto dell'uso (o abuso, disuso, riuso) che se ne fa nel mondo cattolico.

 

 

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it