Audaci e creativi
Evangelizzare fino alle lacrime
di Gilberto Borghi | 23 aprile 2018
Nella Scuola di Sant'Andres ogni persona è "immersa" nella fede dalla testa ai piedi e se ne fa attraversare muovendo cuore, istinto e ragione al tempo stesso

Nasce a Morelia, in Messico, il 16 maggio del 1947. Nel 1981, si è sposato con Susan, a Cana di Galilea. Ha quattro figli: Susan, Juan Marcos, David y Ana Gabriela. Ci aspetteremmo perciò un bravo laico, che ha fatto della condizione coniugale il luogo per vivere il suo vangelo. Lasciando a chi non è sposato la dimensione di annuncio diretto di Cristo. In realtà, Josè H. Prado Flores, è uno dei personaggi più attivi e prolifici che la Chiesa conosca, e in parte anche discussi, nella nuova evangelizzazione. Dalla sua intuizione e attività sono nate e si sono consolidate oggi, in 82 paesi del mondo, circa 2000 esperienze strutturate di annuncio, dando corpo ad una vera e propria scuola di evangelizzazione: la scuola di Sant'Andres.

Quando nel 1971, partecipando a un incontro di preghiera, Josè H. Prado Flores sentì una speciale effusione dello Spirito, decise di dedicarsi chiaramente ad una nuova forma di evangelizzazione. Lui ha sempre affermato che la sua opera non è sua, ma è frutto dell'azione divina e che non si sarebbe mai immaginato ciò che poi è successo. L'idea originaria era semplice: mettere a servizio di Cristo le competenze filosofiche e pedagogiche che egli si stava costruendo allora, per dare corpo ad una forma di evangelizzazione che fosse capace di "parlare" più efficacemente agli uomini e donne del nostro tempo.

Così nel 1980, in Messico, grazie all'aiuto di Bill Finke e padre Salvator Carrillo Alday, vede la luce una nuova esperienza di evangelizzazione che mira alla "formazione di evangelizzatori", attraverso una metodologia attiva e partecipativa e un percorso formativo ben delineato. Nel corso degli anni l'esperienza assume diversi nomi, a partire nel 1983, da "Scuola degli apostoli", fino ad arrivare nel 1995 al nome definitivo: "Scuola Evangelizzazione Sant'Andrea", dopo l'approvazione ecclesiastica da parte dell'arcivescovo di Guadalajara e la definizione di un programma di formazione costituito da 21 corsi, suddivisi in tre livelli: evangelizzare, formare nuovi evangelizzatori e formare formatori di evangelizzatori.

Il carattere metodologico che contraddistingue questa esperienza può essere ritrovato nella somma di tre fattori. Primo. La ferma convinzione che i primi a richiedere una evangelizzazione sono proprio gli uomini e donne di Chiesa, che pur aderendo formalmente e culturalmente alla fede, di fatto non la vivono effettivamente. Perciò questa esperienza si rivolge innanzitutto ai già cristiani, per riattivare e ravvivare la loro fede.

Secondo. La percezione chiara che il punto di ripartenza di una fede rinnovata non poteva essere altro che il kerigma, l'annuncio rinnovato, ma originario e fondante della resurrezione di Cristo, come sorgente di gioia e liberazione per ogni donna e uomo. Perciò la scuola di Sant'Andres si struttura secondo una logica interna alla fede, che per prima cosa tende a riattivare l'esperienza della resurrezione e solo dopo si preoccupa di allargarsi ad altre dimensioni teologiche e morali.

Terzo. La costatazione che una evangelizzazione efficace oggi non può più prescindere dalla centralità delle esperienze reali, emozionali e corporee delle persone a cui si rivolge. Perciò, seguendo l'assunto aristotelico classico secondo cui, "niente esiste nell'intelletto che non sia passato per i sensi", questa scuola centra l'evangelizzazione sulla possibilità di fare esperienze sensoriali ed emotive dei misteri della fede.

Forse è proprio questa caratteristica a rendere concreto e fattivo questo percorso. Perché cambia molto l'effetto che questa produce nell'intimo delle persone, se si rivive emotivamente la forza dell'amore di Cristo nella croce e nella resurrezione, attraverso una rappresentazione scenica partecipativa della crocifissione e del mattino di pasqua. Ogni persona qui è "immerso" nell'evento dalla testa ai piedi, e se ne fa attraversare muovendo cuore, istinto e ragione al tempo stesso. Lo stesso vale per gli altri nuclei di fede che lungo il percorso vengono gradualmente fatti sperimentare.

Molti preti che partecipano direttamente a questa scuola, dichiarano apertamente di non aver mai vissuto prima, benché preti, in modo così intenso la partecipazione ai misteri di Cristo, tanto da emozionarsi fino alle lacrime. E in moltissimi partecipanti l'intensità emotiva sperimentata provoca ovviamente poi un attaccamento e una relazione molto più intensa e solida con la persona di Cristo, permettendo di sostenere molto di più un prolungamento anche nella vita quotidiana di questa esperienza di fede. L'emozione percepita, momentanea e intensa, può, cioè diventare sentimento stabile e equilibrato.

Indubbiamente la fatica maggiore a far sì che un'esperienza del genere possa allargarsi è data soprattutto dalla diffidenza, degli ambienti cattolici italiani, a ciò che punta sull'emozionale e sul corporeo. Molta della nostra pratica pastorale è ancora centrata su un'antropologia in cui la testa è molto più importante del cuore e del corpo, in cui le cose di fede prima vanno pensate e capite e dopo vanno vissute. Ma il dato reale con cui siamo chiamati a fare i conti è che sempre più oggi le persone sono spinte a rovesciare il baricentro antropologico: conta il sentire più che il pensare e la possibilità di comprendere la fede è subordinata spesso all'averla vissuta effettivamente o no. Di fronte a questo dato, la scuola di Sant'Andres non propone alle persone una riconversione antropologica prima di poter arrivare a Cristo. Ma, in spirito evangelico, accoglie la realtà così com'è e, convinta che Cristo possa darsi anche in una prospettiva antropologica diversa da quella che da almeno quattro secoli caratterizza l'occidente, prova a declinare l'evangelizzazione in canali comunicativi che permettano maggiormente l'incontro con le donne e gli uomini di oggi.  

 

 

23/04/2018 15:17 Pietro Buttiglione
Convintissimo che esistono intorno a noi esperienze di vita&fede veramente vere&profondamente cristiane. Nel locale come nel sovranazionale.
Si parlava di comunicazione. Per favore citatemi un media cattolico votato a qs servizio di comunicazione. Che nn sia VN🤡🤡🌺



Commenta *






Versione stampabile
Invia ad un amico
Scrivi a Vino Nuovo





Gilberto Borghi

Sono nato a Faenza all'inizio degli anni 60, ho cercato di fare il prete, ma poi ho capito che non era affar mio. E dopo ho studiato troppo, forse per capirmi e ritrovarmi. Prima Teologia, poi Filosofia, poi Psicopedagogia e poi Pedagogia Clinica... (ognuno ha i suoi demoni!). Insegno Religione, faccio il Formatore per la cooperativa educativa Kaleidos e il Pedagogista Clinico.... Lavoro per fare stare meglio le persone, finché si può... In questo sito provo a raccontare cosa succede nelle mie classi e a offrire qualche riflessione. E da qui è nato il libro pubblicato nel 2013 dal titolo: "Un Dio inutile".

 

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it