ROBE DI RO.BE.
Chiesa e mafia: il cacio e i topi
di Roberto Beretta | 11 aprile 2018
L'osservazione di Augusto Cavadi: «Prima di studiare strategie per cacciare i mafiosi dalla comunità ecclesiale, sarebbe logico interrogarsi sulle ragioni per cui i mafiosi frequentano gli ambienti cattolici e tengono tanto a occupare posti di rilievo al loro interno»

Voglio segnalare, dal blog monotematico «Mafie» curato dal giornalista Attilio Bolzoni sul portale di «Repubblica», un'interessante serie (tuttora in corso) sui rapporti tra mafia e fede.

Vi si apprendono cosa interessanti, al di là dei riferimenti al "solito" cardinal Ruffini (arcivescovo di Palermo negli anni Cinquanta e Sessanta) e ad altre figure ecclesiastiche più o meno legate - se non addirittura affiliate - a Cosa Nostra: don Agostino Coppola, che sposò Totò Riina in latitanza o fra Giacinto Castronovo detto "fra Lupara"... Cose di cui restare perplessi come cattolici, ma pure luminosi esempi di riscatto e coraggio: da don Puglisi al giudice Livatino, dalla "scomunica" di Giovanni Paolo II ad Agrigento - giusto 25 anni fa - a quella di papa Francesco.

Vorrei però risalire dall'aneddotica spicciola portando alla riflessione comune alcune delle questioni sollevate dai vari autori nel blog stesso, in quanto ritengo che la nostra posizione di cattolici italiani navighi ancora - generalmente parlando - in varie ambiguità, allorché si parla di criminalità organizzate. Ecco dunque qualche spunto.

Nota il giornalista Massimo Lorello: «Cosa nostra ha cercato sempre di legittimarsi attraverso un legame a filo doppio con il mondo cattolico. Dal prete di borgata all'alto prelato. E attraverso anche un'ostentata devozione a Dio, ai santi e alla Madonna (...) Attraverso la religione i boss hanno conquistato tanto consenso popolare facendo forza sul perdono senza limiti che Dio concederebbe a tutti».

Aggiunge la sociologa Alessandra Dino: «Occorre chiedersi il significato delle devozioni e dei riti religiosi, il ruolo svolto dalla "fede" dentro i contesti criminali (...). Col suo ricco corredo di riti e di cerimonie sacre, la religione offre agli "uomini d'onore" e alle loro donne certezze e modelli identificativi. Attribuisce sacralità all'organizzazione, prestigio all'autorità del capo; lenisce inquietudini e momenti di crisi, facendo da sostrato alla coesione del gruppo e agendo come agenzia primaria di produzione di senso. Chiedersi, quindi, quale sia lo spazio oggi occupato dalla questione mafiosa nella pastorale della Chiesa cattolica e nel dibattito ecclesiologico, significa - come ha scritto Rosario Giuè - confrontarsi con una "ferita aperta". Pesano i silenzi dei ministri della Chiesa. Primo fra tutti quello della Cei sulle stragi di mafia degli anni '90 (...) Lungo e travagliato l'iter che ha condotto la Chiesa a dichiarare inconciliabili mafia e Vangelo».

Riassume l'intellettuale Augusto Cavadi: «Chi segue i complessi rapporti fra Chiesa cattolica e mafie non può non constatare con soddisfazione la crescente consapevolezza, nei pastori e nei fedeli, dell'incompatibilità fra il vangelo e la lupara. Ma, con altrettanta lucidità, non può chiudere gli occhi su alcuni aspetti problematici (...) Prima di studiare strategie per cacciare i mafiosi dalla comunità ecclesiale, sarebbe più logico interrogarsi sulle ragioni per cui i mafiosi frequentano gli ambienti cattolici e tengono tanto a occupare posti di rilievo al loro interno (dirigenti di associazioni, superiori di confraternite rionali, amministratori di opere pie...). Si potrebbe scoprire una verità scomoda ma lampante: curie vescovili e parrocchie attirano mafiosi e amici di mafiosi come il cacio attira i topi, perché sono luoghi dove girano soldi e si muovono leve di potere. Sarebbe così - si chiedono alcuni teologi più schietti - se le comunità cattoliche vivessero in maniera più sobria, più libera dall'affarismo economico, dalle relazioni con ministeri e assessorati, dalle manovre elettorali?».

 

 

 

16/04/2018 14:13 paolo
Quel che dice Augusto Cavadi, l'ultima voce riportata, potrebbe essere pure vero. Ma dato che si tratta di un'accusa piuttosto infamante, non sarebbe il caso di fare nomi e cognomi, date, luoghi e circostanze precise, anziché buttare lì quello che - per come la mette - al momento è solo un sospetto o una insinuazione?


Commenta *






Versione stampabile
Invia ad un amico
Scrivi a Vino Nuovo





Roberto Beretta

Roberto Beretta, giornalista e saggista. Ha scritto 25 libri, quasi tutti di argomento religioso, di «destra» (Storia dei preti uccisi dai partigiani , Il lungo autunno, controstoria del Sessantotto cattolico ) e di «sinistra» (Chiesa padrona , Le bugie della Chiesa). Gli ultimi lavori sono: Fake pope. Le false notizie su papa Francesco (San Paolo), Fuori dal Comune. La politica italiana vista dal basso (Edb), Oltre l'abuso. Lo scandalo della pedofilia farà cambiare la Chiesa? (Ancora) Ha due figli e ancora una gran voglia di dire la sua.

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it