Uscire si può: al «Binario 5»
di Gilberto Borghi | 13 marzo 2018
A Cesena volontari, psicologi, e consacrate, attorno agli orari classici di partenze e arrivo degli studenti, li incontrano nelle strade della zona stazione. Per ri-condividere un Bene ricevuto

A Cesena, un'esperienza nata da due mesi, ma pensata già da tre anni. Binario 5, il binario che Cesena non ha. L'idea nasce dalle riflessioni di suor Daniela, madre delle Suore della Sacra Famiglia di Cesena, ormai tre anni e mezzo fa. Nel centro educativo "Cantiere 411", in cui si accompagnano e sostengono bambini e adolescenti rispetto all'impegno dei compiti, avevano cominciato ad essere presenti a volte anche adolescenti, che, nella relazione sincera e aperta con suor Daniela raccontavano comportamenti devianti e degradanti, vissuti nelle strade attorno alla stazione di Cesena.

Partendo da qui suor Daniela e la sua comunità hanno pensato una forma per incontrare questi ragazzi, in cui nell'ordinarietà del quotidiano, senza appuntamento, senza formalità, loro potessero trovare adulti che dimostrino attenzione e cura, e che gli offrano, senza riserve, presenza e ascolto. Con la speranza di poter proporre, un giorno, altre attività, di vario tipo, e, a tempo debito, anche di aprire con loro interessi spirituali. La speranza è che in questo modo questi giovani possano attingere a una svariata gamma di stimoli per nutrire le loro passioni.

Concretamente il progetto prevede, in una fase iniziale, la raccolta delle abitudini e dei bisogni dei giovani, attraverso una presenza degli operatori nelle strade della stazione. Si tratta di volontari, psicologi, e consacrate, che attorno agli orari classici di partenze e arrivo degli studenti, li incontrano nelle strade della zona stazione. Contemporaneamente, si è aperto un ambiente di accoglienza, nei locali di una cooperativa sociale, a cui sono invitati i ragazzi contattati.

E le voci dei giovani rimandano un buon interesse: "Vengo qui perché alla mattina arriviamo in stazione molto presto e quindi dovevamo rimanere fuori al freddo e quindi quando ci avete proposto di venire qui, che era un bel posto, che potevamo stare insieme, seduti, a fare qualcosa,  abbiamo accettato volentieri" (Sofia). "È accoglievole (Celeste) (ha proprio detto accoglievole!)". "Si può stare in compagnia, mi sa di un posto felice... con le pareti tutte colorate (ancora Sofia)". "Compagnia, tempo, nuove conoscenze", le parole chiave di Tommaso. E quelle di Elena sono simili: "Caldo, Gente simpatica, felicità". Qualcuno ha già cominciato a fare il passaparola. "Io alle mie amiche della classe, che arrivano come me presto ho detto di venire qui, che è un posto bello, così possiamo stare insieme anche prima della lezione... molte vengono" (di nuovo Sofia)."

Spazi, tempi e risorse umane un po' ridotte al momento sono i punti critici. L'aspetto più bello, invece, è quello di poter incontrare i ragazzi lì dove si trovano, così come sono, senza filtri e mediazioni; poter sperimentare la loro disponibilità a farsi incontrare, la loro curiosità rispetto a questo luogo e la fiducia ad accogliere l'invito. E questo mostra come, al contrario di quanto si pensa di solito, i ragazzi sono disponibili se uno li avvicina senza volergli vendere o dovergli imporre qualcosa. Se si è autentici e sinceri loro lo sentono e la comunicazione si apre.

Ma qual è l'aspetto evangelizzatore di questa esperienza? Per gli operatori, principalmente un'esperienza di servizio e di desiderio di ri-condividere un Bene ricevuto, convinti che in ogni ragazzo incontriamo un "pezzetto" del volto di Gesù. È un modo di andare in una periferia esistenziale, come Francesco ci chiede, per incontrare come in questi ragazzi lo Spirito agisce e, partendo da lì, aiutarli a sostenere la loro crescita restando aperti a quella presenza misteriosa, ma efficace che molte volte vediamo all'opera in loro.

È un modo anche per risvegliare la Chiesa cesenate, fornendo la possibilità di coinvolgersi in questo circolo di bene a persone che spesso vivono una vita di fede ordinaria, ma che sentono il desiderio forte di "alzare" il tiro della loro vita spirituale; ad esempio gli operatori del servizio civile; i giovani scout e ad altri volontari di altre realtà che condividono questa esperienza come cammino di fede.

Certo, qualcuno può obiettare che lo spessore di evangelizzazione sia poco, ma di sicuro questa esperienza ha indovinato una forma e uno stile che sembrano incontrare il favore di questi ragazzi. D'altra parte, se la comunicazione non si apre, a chi si può parlare? Ammesso che evangelizzare sia essenzialmente parlare!

Ma forse l'aspetto più interessante e quello del "frattempo", del momento fuori schema, non istituzionalizzato, e vissuto in campo neutro. Credo che la nostra pastorale dovrebbe riflettere su questo, cioè che i tempi e le forme istituzionalizzate oggi lasciano il tempo e le forme che trovano.

 

 

13/03/2018 10:51 Lena
"Ma forse l'aspetto più interessante e quello del "frattempo", del momento fuori schema, non istituzionalizzato, e vissuto in campo neutro. Credo che la nostra pastorale dovrebbe riflettere su questo, cioè che i tempi e le forme istituzionalizzate oggi lasciano il tempo e le forme che trovano."
Condivido pienamente!
Basta ai soliti centri di politica ecclesiale incentrata intorno al potere/visibilità dei pochi sotto la patina del "io ho il metodo/conoscenze per trasmettere l'Evangelo". tanto dei poveracci, dei ragazzi soli, dei vuoti economici ed esistenziali si interessa la Caritas, alcuni gruppi religiosi ecc... la schizzofrenia continua.
E' davvero dal basso, dall'ordinario che parte la nuova Chiesa!



13/03/2018 08:59 Pietro Buttiglione
Parlare.... ascoltare ....conoscere .....essere conosciuti ....essere ascoltati ....lasciar parlare l’altro
sai quanto importante ....😍🤙🙏🏻👍



Commenta *






Versione stampabile
Invia ad un amico
Scrivi a Vino Nuovo





Gilberto Borghi

Sono nato a Faenza all'inizio degli anni 60, ho cercato di fare il prete, ma poi ho capito che non era affar mio. E dopo ho studiato troppo, forse per capirmi e ritrovarmi. Prima Teologia, poi Filosofia, poi Psicopedagogia e poi Pedagogia Clinica... (ognuno ha i suoi demoni!). Insegno Religione, faccio il Formatore per la cooperativa educativa Kaleidos e il Pedagogista Clinico.... Lavoro per fare stare meglio le persone, finché si può... In questo sito provo a raccontare cosa succede nelle mie classi e a offrire qualche riflessione. E da qui è nato il libro pubblicato nel 2013 dal titolo: "Un Dio inutile".

 

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it