Nell'arte
Escluso un corno!
di Gian Carlo Olcuire | 11 febbraio 2018
Oltre a guarire il lebbroso, Gesù lo riporta in città. E l’inclusione è un miracolo alla portata di chiunque

 

LA PURIFICAZIONE DEL LEBBROSO

(dal Codex Egberti, 980-993, Treviri, Biblioteca Nazionale)

 

«“Se vuoi, puoi purificarmi!”… “Lo voglio, sii purificato!”». Mc 1,40-45

 

È forte il salto tra la suocera di Pietro e il lebbroso, come passare dall’influenza all’Aids. Ed è duplice il miracolo che Gesù regala a questo walking dead (morto che cammina), simile a tanti – homeless, migranti, poveri – che si vorrebbe non vedere nelle nostre città perché «nuocciono al decoro».

L’ostracismo è ciò che patisce il lebbroso del Vangelo, in aggiunta alla malattia. Per questo, nella sua richiesta d’essere purificato, c’è il desiderio di guarire assieme a quello di non essere più uno scomunicato. Per essere finalmente parte di una comunità e poter camminare senza paura, da uomo libero, non confinato in periferia né costretto a segnalare la propria presenza.

Il valore aggiunto di questa miniatura ottoniana, realizzata nello scriptorium dell’Abbazia di Reichenau per l’Arcivescovo Egberto, è la presenza dello strumento – il corno (a volte una campanella) – con cui tali malati avevano l’obbligo di annunciarsi, per consentire agli altri di prendere le distanze ed evitare il contagio.

Nel racconto del faccia a faccia con il lebbroso (che è anche un toccare con mano), una traduzione coraggiosa mostra Gesù assai adirato nel momento in cui lo invita a «non dire niente a nessuno» e ad adempiere alla legge (quella per cui deve essere il sacerdote a dare il “via libera” a chi è guarito). Forse l’indignazione nasce pure dall’ingiustizia dell’esclusione. E viene persino il sospetto che, stavolta, il Signore possa aver chiesto il silenzio come ribellione all’imposizione di autodenunciarsi. Magari Gesù vorrebbe vedere in altri il gesto – questo, sì, strabiliante – di far sentire a ogni fratello d’essere in famiglia, non d’averne paura. Vedere qualcuno che cominci a credere nei miracoli dell’amore, anziché aspettare sempre quelli di Gesù.

 

 

 

 

Commenta *






Versione stampabile
Invia ad un amico
Scrivi a Vino Nuovo





Gian Carlo Olcuire

Gian Carlo Olcuire è un grafico. Che si sente realizzato quando riesce a far guardare le parole come se fossero immagini e a far leggere le immagini come se fossero parole. Lavora soprattutto per il mondo cattolico ed è appassionato di linguaggi, soprattutto dell'uso (o abuso, disuso, riuso) che se ne fa nel mondo cattolico.

 

 

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it