Nell'arte
La difficile rappresentazione degli esorcismi
di Gian Carlo Olcuire | 28 gennaio 2018
Scacciare i demoni non è un’attività minore di Gesù. Eppure, già nelle prime opere cristiane, resta ai margini della selezione degli eventi più eclatanti della storia della salvezza.

 

 

LA LIBERAZIONE DELL’INDEMONIATO

(1089, Lambach, Austria, chiesa dell’Abbazia benedettina)

 

 

«Comanda persino agli spiriti impuri e gli obbediscono!». Mc 1,21-28

 

 

La scelta di quest’opera, benché in precario stato di conservazione, è per far vedere come fosse ritenuto degno d’immagine anche un esorcismo. Noi, oggi, non sapremmo nemmeno dargli forma... o non vorremmo, perché crediamo di tener lontana la negatività non dandole cittadinanza nelle parole e nelle figure.

Questo scacciare i demoni, questo liberare dal male, non è un’attività minore di Gesù. Eppure, già nelle prime opere cristiane, resta ai margini della selezione degli eventi più eclatanti della storia della salvezza. Sui sarcofagi del III e IV secolo, ad esempio, la guarigione più eseguita è quella del paralitico di Cafarnao… anche perché, col lettuccio in spalla, comunica meglio l’idea del malato tornato in forze (di un lebbroso, invece, si tende a mostrare il “prima della cura”; di un cieco, il momento in cui Gesù ne tocca gli occhi). Sono pure frequenti l’emorroissa (risanata nel momento in cui tocca la frangia del mantello di Gesù) e la risurrezione di Lazzaro, oltre ai due miracoli legati ai simboli eucaristici del pane e del vino (l’uno di moltiplicazione della quantità, l’altro di trasformazione della qualità).

La presenza o meno di un segno nelle figure è dunque legata alla facilità di renderlo riconoscibile. Nel caso degli indemoniati, è evidente come esista anche un problema di rappresentazione dello spirito impuro. Sovente risolto – come in questo caso – con un demonietto nero e alato che esce dalla bocca del posseduto. Un’immagine che forse, oggi come allora, fa un po’ sorridere e si tende a evitare. E, quando non se ne può fare a meno, si fa prevalere – tra gli indemoniati con cui Gesù ha avuto a che fare – il più spettacolare: quello di Gerasa, i cui demoni entrano in una mandria di maiali che precipita in mare.

L’affresco austriaco è però interessante a prescindere dall’esorcismo, per il fatto di dare rilievo alla statura morale del Signore. Posto al centro e in posizione elevata, oltre a essere l’unico con un’aura di luce attorno al capo, Gesù ha autorità non perché sta in alto, ma perché sa portare in alto, come una guida alpina. Il suo essere maestro dipende dalla sua capacità di dire la priorità di Dio a un mondo che non la conosce o non la capisce. Di indicare il bene più grande senza dimenticare di lottare contro il male (che resta potente e insidioso, se è in grado di possedere una persona e di riconoscere chi lo combatte).

 

Commenta *






Versione stampabile
Invia ad un amico
Scrivi a Vino Nuovo





Gian Carlo Olcuire

Gian Carlo Olcuire è un grafico. Che si sente realizzato quando riesce a far guardare le parole come se fossero immagini e a far leggere le immagini come se fossero parole. Lavora soprattutto per il mondo cattolico ed è appassionato di linguaggi, soprattutto dell'uso (o abuso, disuso, riuso) che se ne fa nel mondo cattolico.

 

 

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it