Nella poesia
Maria, genera ancora il Signore della vita
di Sergio Di Benedetto | 01 gennaio 2018
Sono passati più di cinquant’anni da quando Turoldo scrisse questa preghiera ma nel giorno che celebra anche la giornata mondiale della pace, non c’è ancora continente che non gridi il dolore dei popoli in guerra, in sofferenza, in umiliazione.

Aprire l’anno nel segno della maternità significa aprirlo nel segno della vita: è dal grembo di una ragazza di Nazareth che nasce il Salvatore, ed è dal grembo di una donna che ogni uomo vede la luce.

Chiamare Maria “Madre di Dio” manda in frantumi la ragione, e al tempo stesso consola il cuore: anche Dio ha una madre. Anche il Dio incarnato, che nulla ha evitato dell’umano a eccezione del peccato, ha scelto un grembo da cui nascere, un seno da cui essere allattato, un abbraccio da cui essere accudito, un cuore di donna da cui essere amato: «Maria, da parte sua, serbava tutte queste cose meditandole nel suo cuore». Forse, in quel meditare, oltre lo straordinario del Bambino vi è anche una quotidianità materna custodita dalla Madre, come ogni donna nei confronti del figlio.

Parole grandi di dolcezza e affetto sono riservate da padre Turoldo alla Vergine: egli, poeta e frate servo di Maria, sceglie come specifico della sua vocazione religiosa il mettersi alla sequela del Figlio attraverso la Madre.

Tra le tante sue poesie mariane, mi piace ricordare Anche Dio sarà triste, un testo che padre David scrisse ad imitazione e al tempo stesso rilettura del Rorate coeli, l’inno gregoriano pregato durante l’Ufficio di Maria. Della lunga riscrittura, l’Antifona emerge come una perla:

 

Antifona

 

Vergine o natura sacra,

piena di bellezza

tu sei l'isola della speranza.

 

L’appellativo finale, «isola della speranza», è tra i più belli che la tradizione liturgica e letteraria tramandi: Maria è la donna della speranza, perché è colei che ha sperato, ma è anche l’approdo dell’uomo in cerca di fiducia dai flutti della vita. È il porto materno a cui ogni uomo può giungere, per gustare l’accoglienza di una madre.

I versi di Turoldo continuano con un invito alla Vergine, affinchè ritorni a «partorire subito»:

 

Rorate Coeli

 

Vergine Madre della grazia

stendi ancora il tuo velo

ai campi devastati;

sola terra intatta

ritorna a partorire subito

e sempre, in mezzo al grano

al limite dissacrato delle selve..

 

Vergine, o festa di nozze,

grembo carico del Dio

gridato dalle pietre e pianto

dalla fonte al costato della montagna

sotto la violata luna,

vieni e partorisci lì nella tana

del serpe dal ventre gonfio.

 

Vergine, che fasci il globo

con bende di luce, nuvola

di fuoco nel cielo diaccio,

o di ristoro e profumo all'arsura

gialla dell'estate, ritorna

e partorisci subito e ovunque

il Signore della vita.

 

Tre volte si leva l’invocazione alla Madre, affinché nuovamente generi il Salvatore, che dia luce a un mondo di devastazione, descritto tessendo immagini bibliche e avendo in filigrana le tragedie del Novecento.

Sono passati più di cinquant’anni da quando Turoldo scrisse questa preghiera, e purtroppo non mancano ancora oggi «campi devastati»: nel giorno che celebra anche la giornata mondiale della pace, non c’è continente che non gridi il dolore dei popoli in guerra, in sofferenza, in umiliazione. Apriamo l’anno chiedendo a Maria che nuovamente nasca il Bambino Salvatore nelle coscienze degli uomini e vinca il dolore innocente, che nuovamente schiacci il «serpe dal ventre gonfio», che nuovamente «fasci il globo / con bende di luce».

Facciamo nostra l’invocazione di Turoldo alla Vergine: «Partorisci subito e ovunque / il Signore della vita».

Nell’augurio che sia un anno di luce rinnovata.

Commenta *






Versione stampabile
Invia ad un amico
Scrivi a Vino Nuovo





Sergio Di Benedetto
Sergio Di Benedetto, classe 1983, dottore di ricerca in Letteratura Italiana all'Università della Svizzera Italiana di Lugano, è insegnante di lettere e ricercatore in materie letterarie. Da anni collaboratore in realtà ecclesiali e scolastiche, scrive drammaturgie di carattere sacro e civile per una compagnia di attori professionisti, la Compagnia Exire. Ha coordinato diversi laboratori teatrali con adolescenti, per aiutare i ragazzi a crescere attraverso il teatro.
leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it