Nell'arte
L'aureola dei bisognosi
di Gian Carlo Olcuire | 26 novembre 2017
Nell'affresco di Biazaci ad avere l’aureola, quindi a emanare un’aura di luce, è la persona che riceve il gesto di misericordia, non quella che lo fa: un modo per vedere Cristo nel bisognoso.

LA MISERICORDIA APRE IL PARADISO

(Tommaso Biazaci, 1472, Bastia Mondovì, chiesa di San Fiorenzo)

 

«Tutto quello che avete fatto a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me […]. Tutto quello che non avete fatto […], non l’avete fatto a me ». Mt 25,31-46

 

Sebbene di non facile lettura per le tante figure che l’affollano, l’affresco della chiesa piemontese ha il merito, non comune, di collegare al giudizio finale le opere di misericordia. Per non scordare che saremo giudicati sui gesti di umanità.

Conviene, pertanto, soffermarsi su questi ultimi, due dei quali spiccano per originalità: sono, in basso, il secondo e il terzo da sinistra, dove ci si aspetta di trovare Dar da bere agli assetati e Alloggiare i pellegrini. Si resta invece sorpresi da una donna che sembra stia facendo da balia a due neonati (orfani di madre, o la cui madre non è in condizione di allattarli)... e da un’altra che sta rifocillando dei poveri viandanti, non necessariamente pellegrini. Rappresentazioni insolite, che hanno indotto a pensare a un’omissione delle due opere anzidette, mentre potrebbero essere frutto di un’interpretazione più libera, meno letterale. Anche se è indubbio che, per la prima di tali figure, l’artista si sia ispirato alla virtù della carità, spesso resa con l’immagine di una donna così amante della vita da non avere altro pensiero che il nutrimento delle creature deboli.

In realtà, il particolare più interessante è altrove: nel fatto che, in tutti i gesti di misericordia, ad avere l’aureola, quindi a emanare un’aura di luce, sia la persona che riceve il gesto, non quella che lo fa. Di certo, un modo per vedere Cristo nel bisognoso («Tutto quello che avete fatto…, l’avete fatto a me»). E forse per ricordare che la misericordia solleva chi la riceve rigenerandolo nello spirito, non migliorandone solo la condizione materiale.

E poi può pure essere che togliere l’aureola ai caritatevoli serva a togliere dalla testa che la loro santità sia cosa fatta. Prima che il tempo finisca, resta ancora molto, di buono, da portare nelle situazioni negative («Tutto quello che non avete fatto…»). Lo fa presente la preghiera semplice (attribuita per sbaglio a san Francesco d’Assisi ma datata 1912), quando chiede di non desiderare d’essere consolati, compresi e amati, quanto di restare capaci di consolare, comprendere e amare. Poiché «è dando, che si riceve; perdonando, che si è perdonati; morendo, che si resuscita a vita eterna».

Commenta *






Versione stampabile
Scrivi a Vino Nuovo





Gian Carlo Olcuire

Gian Carlo Olcuire è un grafico. Che si sente realizzato quando riesce a far guardare le parole come se fossero immagini e a far leggere le immagini come se fossero parole. Lavora soprattutto per il mondo cattolico ed è appassionato di linguaggi, soprattutto dell'uso (o abuso, disuso, riuso) che se ne fa nel mondo cattolico.

 

 

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it