Uomini tutti d'un pezzo o di tanti mattoncini?
di Gian Carlo Olcuire | 29 ottobre 2017
Per essere prossimo c’è bisogno di una conversione. Ed è ciò che accade all’uomo tutto d’un pezzo e tutto d’un colore, quando scopre di poter essere migliore in più pezzi e in più colori.

 

L’UOMO MONOCOLORE

(Nathan Sawaya, 2012, in esposizione in varie città del mondo con la mostra “The Art of the Brick”)

 

«Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente… Amerai il tuo prossimo come te stesso». Mt 22,34-40

 

È certamente un azzardo proporre un’opera distante dal mondo dell’arte e, in particolare, dal tema del Vangelo odierno. Tuttavia il materiale di cui è fatta, sempre associato al divertimento e quindi mai preso sul serio, ha un pregio: quello di far pensare che l’uomo non si stia sopprimendo, ma stia provando a smontarsi per ricostruirsi diversamente. Magari unendosi ad altri mattoncini e aprendosi a nuove tinte.

Se «essere prossimo – come scriveva il Card. Martini commentando la parabola del buon samaritano – vuol dire dimenticare la propria strada, lasciare il proprio cammino, scendere a terra, occuparsi del fratello, avere misericordia», c’è bisogno di una conversione. Ed è ciò che accade all’uomo tutto d’un pezzo e tutto d’un colore, quando scopre di poter essere migliore in più pezzi e in più colori.

Rispetto all’idea di un disfacimento senza speranza che comunicano altre sculture (quelle di Igor Mitoraj, ad esempio), questa è un’opera più aperta al futuro, disponibile a ricomporsi in una forma inedita. E, stando attenti a non sovraccaricarla di significati, può persino evocare qualcuno che esce da se stesso, che si spende per gli altri, che dà la vita per loro.

Una cosa tutto sommato semplice, l’amare: un gioco da ragazzi. D’altronde è Gesù stesso a rendere incredibilmente semplice la sua richiesta più grande: «Amerai il Signore tuo Dio». Con modalità – a dire l’intensità dell’amore – che sono un altro capolavoro di sintesi: «Con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente». Quindi aggiunge un secondo comandamento, «simile a quello» e sullo stesso piano: «Amerai il tuo prossimo come te stesso». Più facile di così… A patto di ricordarci l’amore di Dio per noi.

 

 

30/10/2017 09:00 Sara
" disponibile a ricomporsi in una forma inedita" questa opera in effetti è molto carina, ne ho cercate altre dello stesso autore ma non sono a questo livello.

Per certi versi se pensi a come il novecento ha scandagliato il tema della frantumazione dell'io (Uno nessuno e centomila) la conversione può diventare soprattutto la capacità di ricomporsi, di superare la continua scissione che immobilizza. Come cantava Battiato un trovare il proprio centro di gravità (più o meno permanente).
Dipende da quale problema ci attanaglia di più forse.

Buona settimana.



29/10/2017 19:18 antonella patrizia mazzei
L'uomo scomposto e ricomposto è metafora della conversione che è passaggio (pasqua) dalla morte alla Vita.


29/10/2017 14:04 Antonella Patrizia Mazzei
Bello, attuale, convincente. Oh,se qualche omelia fosse fatta da un laico! Sarebbe forse più eloquente per gli uomini di oggi. Del resto non fu per primo Gesù a fidarsi dei laici mandando i 72 discepoli,a due a due, per città e villaggi ad annunciare la buona notizia?


Commenta *






Versione stampabile
Invia ad un amico
Scrivi a Vino Nuovo





Gian Carlo Olcuire

Gian Carlo Olcuire è un grafico. Che si sente realizzato quando riesce a far guardare le parole come se fossero immagini e a far leggere le immagini come se fossero parole. Lavora soprattutto per il mondo cattolico ed è appassionato di linguaggi, soprattutto dell'uso (o abuso, disuso, riuso) che se ne fa nel mondo cattolico.

 

 

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it