Nell'arte
Quel bene più grande di ogni ostilità
di Gian Carlo Olcuire | 08 ottobre 2017
Mentre il padrone, trasformato in padre, fa sempre vincere la sua parte migliore, che crede negli uomini, loro persistono nel dare il peggio di sé. Compresi quelli che invocano la punizione dei cattivi

vignaioli

 

PARABOLA DEL PADRONE DELLA VIGNA E DEI CONTADINI MALVAGI

(nell'Evangeliario di Enrico III, 1050 ca., Uppsala, Biblioteca universitaria)

 

«A voi sarà tolto il regno di Dio e sarà dato a un popolo che ne produca i frutti» (Mt 21,33-43)

 

Ancora una vigna data da lavorare e ancora una chiusura ai doni di Dio. Con nuove modalità di risposta: se, nella parabola odierna, a prevalere è l'ostilità, il rifiuto esplicito e reiterato, nelle prossime saranno gli atteggiamenti di indifferenza e di sufficienza.

Tutte storie amare, per l'ostinazione con cui si resta freddi di fronte a un bene. Che però è importante far vedere, prima delle atrocità dei contadini. Vale la pena, infatti, soffermarsi sul padrone e sulla vigna... come fa questo manoscritto miniato, realizzato nell'Abbazia benedettina di Echternach, in Lussemburgo, e destinato alla Collegiata tedesca di Goslar.

Nelle parabole, l'inizio e lo svolgimento nel tempo non si possono saltare a piè pari per arrivare subito al finale: per questo è bello che ci sia la volontà di raccontare l'intera storia, giocandola in più riquadri. E, già nella prima scena, vediamo che si dà spazio alla vigna (circondata dalla siepe), alla buca per il torchio e alla torre: il risultato delle azioni di cura fatte dal padrone.

Oltre che nel bene messo a disposizione, la sua logica del dono (che potremmo anche definire logica di eccedenza, di sovrabbondanza, di fiducia esagerata) si vede nelle tante possibilità di ravvedimento offerte a chi si è perduto. E nell'incredibile invio del figlio: ai nostri occhi, una scelta sconsiderata, estranea a ogni criterio di buon senso.

Mentre il padrone, trasformato in padre, fa sempre vincere la sua parte migliore, che crede negli uomini, loro persistono nel dare il peggio di sé. Compresi quelli che invocano la punizione dei cattivi.

Anziché unirsi a questo coro, è il caso di volgere l'indignazione in preghiera: «O Dio, non dare la vigna a vignaioli stranieri, non togliere a noi il regno per darlo ad altri! [...] La vera vite tu sei e noi i tralci, solo con te porteremo buon frutto e della vigna faremo un giardino dove ognuno si senta di casa» (David Maria Turoldo).

 

 

Commenta *






Versione stampabile
Invia ad un amico
Scrivi a Vino Nuovo





Gian Carlo Olcuire

Gian Carlo Olcuire è un grafico. Che si sente realizzato quando riesce a far guardare le parole come se fossero immagini e a far leggere le immagini come se fossero parole. Lavora soprattutto per il mondo cattolico ed è appassionato di linguaggi, soprattutto dell'uso (o abuso, disuso, riuso) che se ne fa nel mondo cattolico.

 

 

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it