Nella letteratura
L'eccesso del gratuito
di Sergio Di Benedetto | 08 ottobre 2017
Nella parabola del padrone e dei vignaioli omicidi Dio spiazza, disorienta e ribalta le attese seguendo la categoria dell'eccesso. La stessa che Wisława Szymborska canta in una sua bellissima poesia

A chi volesse leggere il brano del Vangelo di questa domenica con le lenti del buon senso tutto risulterebbe illogico: senza razionalità il comportamento dei servi malvagi, che prima maltrattano e poi uccidono gli inviati del padrone della vigna, per poi farsi assassini verso il figlio stesso del padrone, con la motivazione, altrettanto senza senso per ogni diritto di successione, di guadagnarne l'eredità. Ma risulta soprattutto illogico il comportamento del padrone, che manda il proprio figlio da coloro che non hanno avuto né scrupoli né remore nell'eliminare i suoi uomini, e che si sono dimostrati violenti, temerari e senza alcuna morale.

La parabola raccontata è, dunque, uno scacco al buon senso: eppure è proprio in questo cambio di prospettiva che sta il cuore dell'azione di Dio, il quale spiazza, disorienta e ribalta l'attesa secondo le categorie dell'eccesso. È infatti eccedente ogni umana comprensione il comportamento di un Dio che manda il figlio presso quanti si sono dimostrati non solo indegni e infedeli, ma soprattutto capaci di portare morte. È l'eccesso del gratuito, che travalica i confini di ragione e di prudenza, per spendersi senza logica apparente. Questa è la misura dell'amore di Dio, obiettivo assai arduo per ogni uomo, che tuttavia nella natura immeritata di tale amore trova consolazione e pietà.

Ma, a ben rifletterci, l'eccesso del gratuito che diviene inatteso è quanto rende belle le nostre giornate, donando loro imprevedibilità e calore di bene. È nel gesto eccedente che troviamo una commozione che ci sorprende, un desiderio di accoglienza e anche un seme di imitazione: se ricevere gratuità oltre il limite dona letizia, perché non percorrere la stessa strada?

L'eccedere nella quotidianità, spesso grigia e pesante, è quanto sta alla base di Eccesso, una bella e delicata poesia di Wisława Szymborska, grande poetessa polacca, premio Nobel per la letteratura nel 1996:

Hanno scoperto una nuova stella,
ma non vuol dire che vi sia più luce
e qualcosa che prima mancava.
La stella è grande e lontana,
tanto lontana da essere piccola,
perfino più piccola di altre
assai più piccole di lei.
Lo stupirsi non sarebbe qui affatto strano
se solo ne avessimo il tempo.

L'età della stella, la sua massa, la sua posizione,
tutto ciò basta forse
per una tesi di dottorato
e un piccolo rinfresco
negli ambienti vicini al cielo:
l'astronomo, sua moglie, parenti, colleghi,
atmosfera rilassata, abito informale,
si conversa soprattutto di temi locali
e si masticano noccioline.

Una stella magnifica,
ma non è un buon motivo
per non brindare alle nostre signore
assai più vicine.

Una stella senza conseguenze.
Ininfluente sul tempo, la moda, l'esito del match,
il governo, le entrate, la crisi dei valori.

Senza riflessi su propaganda e industria pesante,
sulla laccatura del tavolo delle trattative.
In sovrappiù per i giorni contati della vita.

A che serve qui chiedersi
sotto quante stelle nasce l'uomo,
e sotto quante dopo un breve attimo muore.

Nuova.
- Mostrami almeno dov'è.
- Tra il bordo della nuvoletta bigia sfilacciata
e quel rametto, più a sinistra, di acacia.
- Ah, eccola - dico.

La scoperta di una nuova stella non porta a nulla di rilevante nelle giornate dell'uomo; nessun cambiamento, nessun miglioramento. Eppure, pur braccata nella tagliola del buon senso, è nella scoperta gratuita, inaspettata e sorprendente di una nuova stella che vi è il seme di una felicità, la radice di un modo altro di esistere, il tentativo di una speranza che fa alzare lo sguardo e suscita curiosità. L'eccesso del gratuito non modifica (all'apparenza?) «tempo», «moda», «esito del match», «governo», e tutto quanto è il tessuto dei nostri giorni. Eppure è proprio nel suo essere inutile e ininfluente che sta la bellezza e la verità di un eccesso. Un eccesso donato, sorprendente, travolgente: come l'amore del padrone che manda il figlio ai vignaioli che tutto hanno fatto per rendersi immeritevoli.

Per fortuna c'è Chi ragiona e agisce con eccesso di gratuità.

 

 

16/10/2017 14:56 Carmela Pizzonia
“- Ah, eccola - dico.”.

Ah, eccoLo - potessimo dire.

Lui, il Signore che "scende dalle stelle", Lui che E' Luce, Lui che E' Vicino, Lui il cui Amore eccede 'fino alla fine', Lui che E' Vicino, assai più vicino 'delle nostre signore assai più vicine'. Lui che nell'eccedenza del Suo Amore E' ad ognuno intimo più del proprio intimo.

Ah, eccoLo, il Signore Gesù, - potessimo dire. Con stupore e gratitudine.
E riconoscendo in ogni 'sì' e in ogni 'no' del quotidiano la sua eccedenza di gratuità, di Amore e di Grazia.



12/10/2017 09:23 Francesca Vittoria
L'eccesso di bene non si oppone all'eccesso di male,?Quando assistiamo a un potere che vuol prevalere e per questo usa armi distruttive che xindiscriminatamente uccidono uomini e cose , quanto di fiducia a perseguire il bene è necessaria a costruirlo con azioni di pace a superare ,contrastare tanta malvagità! Una lotta che continua che impegna la coscienza di tutti a far prevalere la parte migliore dell'umano sentire,. quello del cuore. Noi guardiamo a un universo meraviglioso. E infinito e vogliamo carpirne il segreto ma esso e armonia , ordinato a bellezza ad essere goduto e ammirato, invece con vanagloria e supponenza lo avviciniamo vogliamo scoprirne le segrete regole , inventiamo cose che come foglie caduche durano un tempo finito, non vengono usate soltanto per produrre il bene e quello di tutti, ma altro e la stella che brilla alta nel cielo ,una volta scoperta diventa materia,polvere in mano umana, polvere ad uso non più paragonabile a quello dato dal suo Creatore. La terra meraviglia di vita che è stata data in gestione all'umana intelligenza e oggi considerata dai suoi scienziati ,malata, i frutti si vedono e non sono per tutt'Italia, starvation, arson, floods, non sono parole sconosciute sono avvenimenti che ci impegnano a guardare per terra e ci tolgono la gioia di guardare con meraviglia alla bellezza che per cupidigia abbiamo sotterrato e che per cattiveria si distrugge. Cristo è venuto ha detto:"vi lascio la pace, vi do la mia Pace, come ha pianto per Gerusalemme così piangerà su tutte le macerie prodotte su tutta la terra se non siamo capaci di far brillare quella parola che è venuto a portare,Amore,
Francesca Vittoria



Commenta *






Versione stampabile
Invia ad un amico
Scrivi a Vino Nuovo





Sergio Di Benedetto
Sergio Di Benedetto, classe 1983, dottore di ricerca in Letteratura Italiana all'Università della Svizzera Italiana di Lugano, è insegnante di lettere e ricercatore in materie letterarie. Da anni collaboratore in realtà ecclesiali e scolastiche, scrive drammaturgie di carattere sacro e civile per una compagnia di attori professionisti, la Compagnia Exire. Ha coordinato diversi laboratori teatrali con adolescenti, per aiutare i ragazzi a crescere attraverso il teatro.
leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it