Nell'arte
Pietro e la tentazione del potere senza il servizio
di Gian Carlo Olcuire | 03 settembre 2017
Se Pietro è ciascuno di noi quando tira fuori il peggio di sé, è però colui che da Gesù si lascia continuamente provocare e correggere. Dimostrando, con la morte in croce, d’averne recepito la promessa.

 

SIGNORE, DOVE VAI?

(Annibale Carracci, 1601-02, Londra, National Gallery)

 

«Chi vuole salvare la propria vita, la perderà…». Mt 16,21-27 


Ci risiamo. Dopo essere stato preso (in acqua) e ripreso («uomo di poca fede»), Pietro ha un momento di gloria nel momento in cui Gesù lo elogia (dandogli del «beato», oltre a un nome più vero e alle chiavi). Per ripiombare nell’ombra, quando il Signore lo bacchetta (dandogli del «satana») perché pensa «secondo gli uomini». Il suo è un ondeggiare tra tonfi e ascese, tipico dell’uomo che cade in tentazione e poi si rialza…

Pur non raccontando l’episodio riportato da Matteo, il quadro del Carracci affronta lo stesso tema: la tentazione di scansare la croce. In altre parole, la tentazione del potere senza il servizio. Riproduce infatti l’incontro tra Gesù e Pietro, che secondo il libro apocrifo degli Atti di Pietro sarebbe avvenuto a Roma: in tale occasione l’apostolo in fuga avrebbe visto il Signore e, dopo avergli domandato «Dove vai?», si sarebbe sentito rispondere «Vado a Roma, per essere crocifisso una seconda volta». Al che Pietro capisce e torna indietro (della storia fanno memoria la chiesetta del Quo vadis, alla confluenza tra le vie Ardeatina e Appia, nonché lo scrittore Henryk Sienkiewicz e il regista Mervyn Le Roy).

Una tentazione ulteriore – da cui guardarci – è di ritenerci migliori di Pietro. Per denigrarlo, riusciremmo persino a dire che aveva la fronte bassa. Oltre a rammentare che – dei dodici – era il più impulsivo e il più timoroso, il più lento a correre e a capire… Pare insita nel destino dei pontefici l’impossibilità di tenere le grandezze separate dalle piccinerie. E anche oggi le mormorazioni nei loro confronti superano quelle di qualunque altro leader. A cominciare dalla domanda insinuante (davvero satanica) che, di tanto in tanto, qualcuno fa serpeggiare: «Ma a te… questo papa piace?».

Se, come si vede più volte nei Vangeli, Pietro è ciascuno di noi quando tira fuori il peggio di sé, è però colui che – con la domanda «Quo vadis, Domine?» – da Gesù si lascia continuamente provocare e correggere. Dimostrando, con la morte in croce, d’averne recepito la promessa: «Chi perderà la propria vita per causa mia, la troverà»

03/09/2017 12:43 antonella patrizia mazzei
C'è qualcosa o qualcuno che vale più della vita...lo sanno bene i genitori che darebbero la vita pur di salvare quella dei loro figli...forse per questo Dio ha voluto chiamarsi Padre e Madre


Commenta *






Versione stampabile
Invia ad un amico
Scrivi a Vino Nuovo





Gian Carlo Olcuire

Gian Carlo Olcuire è un grafico. Che si sente realizzato quando riesce a far guardare le parole come se fossero immagini e a far leggere le immagini come se fossero parole. Lavora soprattutto per il mondo cattolico ed è appassionato di linguaggi, soprattutto dell'uso (o abuso, disuso, riuso) che se ne fa nel mondo cattolico.

 

 

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it